Aprile 23, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

“Dal 75% all’80% dei detenuti non ha posto in prigione”.

“Dal 75% all’80% dei detenuti non ha posto in prigione”.

Michel Cleese e Luc Henart conoscono il carcere. Come giudici, dovevano visitare gli istituti penali per verificare di persona cosa significasse effettivamente la privazione della libertà in prigione. Ciò non li rendeva grandi sostenitori del carcere.

Michel Cleese e Luc Henart, il volto dei politici agli ex giudici: 'Non ho mai considerato la politica una cosa spregevole'

“Ma non riesco a immaginare che non esista più, in termini di sicurezza pubblica, una prigione nella misura in cui le persone rappresentano ancora un pericolo per la società”.“, conferma Michel Cleese. Luc Henart non esita a fornire una valutazione.”Se si guarda alla popolazione carceraria di oggi, la stragrande maggioranza, dal 75 all’80% dei detenuti, non ha posto in prigione. “Dobbiamo pensare a delle alternative”.

Nelle parole di Robert Badinter, ministro della giustizia recentemente scomparso di François Mitterrand: dobbiamo mantenere in ognuno la speranza di migliorare. Michel Cleese ritiene che alla fine della pena detentiva ci ritroveremo con un vuoto enorme in termini di organizzazione del reinserimento. “Non mettiamo le persone in prigione per renderle animali selvatici. Dobbiamo considerare il più rapidamente possibile l'attuazione di disposizioni alternative in relazione alle persone che si troveranno nel circolo naturale della società.

Ad Haren, sul piano umanitario, ci sono situazioni scandalose: i detenuti non vedono più nessuno. Hanno il distintivo e quando camminano passano il distintivo e la tessera ed escono. Vanno a fare una passeggiata. Sono tornati. Non hanno visto nessuno.

Perché Luc Hennart, l'ex ministro della Giustizia, Vincent van Quickenborn (Open VLD), era sulla strada sbagliata quando si è congratulato con se stesso per aver stabilito la prima quarantena carceraria. Il signor Hennart vuole pensare da un altro punto di partenza: “Invece di aprire le carceri, chiudiamole. Poi analizziamo le situazioni che affrontiamo”.

READ  Stefan Berne avrebbe potuto essere ministro? Risponde alle voci

Quando andò in prigione per la prima volta nel 1986,Ero arrabbiato! Cancella da li sì! È un peccato! Vergogna !”.

Visualizza la proprietàEmbray Michel Cleese.

Prolungamento del congedo, liberazione dei detenuti, espulsione di alcuni detenuti: il piano del ministro della Giustizia per fronteggiare il sovraffollamento delle carceri

Anonimato Haren

Luc Hennart cita il caso della prigione di Haren, costata circa 50 milioni di euro: ““È un ottimo accordo per il settore privato che lo ha costruito e lo mantiene”.. In aggiunta a ciò, ad Haren non ospitiamo un prigioniero in più rispetto alla capacità prevista. “Quando c’è un problema, vengono trasferiti in altre carceri. Ne mettiamo due o tre in una cella”.

Il reparto psichiatrico della prigione è la cosa più orribile a cui abbia mai assistito. Provo ancora sentimenti profondi al riguardo. Sono andato in una cella dove erano in otto. Il mio primo ricordo è l'odore. Non potete immaginare: in condizioni di totale umiliazione, le persone vengono tenute con i giubbotti chimici mentre aspettano di trovare un posto in un istituto psichiatrico

Per il signor Hennart, invece di investire questi soldi ad Haren, dovremmo investire nel personale amministrativo o nei centri di detenzione. “Ad Haren, sul piano umanitario, ci sono situazioni scandalose: i detenuti non vedono più nessuno. Hanno il distintivo e quando camminano passano il distintivo e la tessera ed escono. Vanno a fare una passeggiata. Sono tornati. “Non hanno visto nessuno.” Purtroppo per questa assenza di umanità: “Non c'è detenuto che non dica questo, e fortunatamente era in contatto con una guardia quelloEra molto gentile e qualcuno con cui chiacchierare. Questa è l'umanità.”

READ  Il figlio dell'ex dittatore Gheddafi sorprende il candidato presidenziale in Libia

Le carceri delle Fiandre rifiutano di accogliere nuovi detenuti: “La sicurezza non può più essere garantita a causa del sovraffollamento”

L'orrore del reparto psichiatrico

Michelle Cleese ha un ricordo agghiacciante di un reparto psichiatrico in una prigione: “È la cosa più orribile che abbia mai incontrato. Provo ancora sentimenti profondi al riguardo. Entrai in una cella in cui erano otto. Il mio primo ricordo è l'odore. Non potete immaginare: in condizioni di totale umiliazione, le persone vengono tenute con i giubbotti chimici mentre aspettano di trovare un posto in un istituto psichiatrico.

E continuiamo:Non è mai successo. Forse questo è anche uno dei motivi per cui oggi combatto una battaglia diversa”..

La riforma del codice penale recentemente adottata riduce il ricorso alla reclusione. “Solo che in realtà esiste tutta una serie di normative specifiche in cui le sanzioni sono in aumento.“, rileva Luc Henart. Michel Cleese aggiunge: “Nel nuovo codice penale era stato precedentemente annunciato che le pene sarebbero aumentate a 20 anni in caso di ecocidio. Venti anni. Non so se ti rendi conto! “È meglio che si rivolgano a specialisti.”