Giugno 14, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

‘Corsa’ ai licenziamenti in vista delle elezioni sociali: ‘Questo sistema di protezione ha un effetto dannoso. Ci perdono tutti’

‘Corsa’ ai licenziamenti in vista delle elezioni sociali: ‘Questo sistema di protezione ha un effetto dannoso. Ci perdono tutti’

secondo Legge del 19 marzo 1991 Mettendo in atto uno speciale sistema di licenziamento per i rappresentanti dei lavoratori, una volta nominato un dipendente, il dipendente beneficia automaticamente della protezione, indipendentemente dai risultati. Pertanto, lo scopo di questa legge era evitare il licenziamento arbitrario di coloro che volevano impegnarsi come attori.

Una buona idea, in fondo, che potrebbe ancora essere migliorata secondo gli avvocati specializzati Lucia Pelopono e Chris D. Schutter Collaborazione legale con Loyens & Loeff. In primo luogo, perché i dipendenti che temono il proprio posto di lavoro saranno incoraggiati a candidarsi per assicurarsi di non essere licenziati. Da questa osservazione si crea un effetto domino e le aziende tendono ad aspettarsi licenziamenti. “Notiamo che ci sono molte aziende che dicono di dover tagliare i costi salariali, e quindi licenziare. Potrebbero aspettare fino all’inizio del 2024 e dare consigli a seconda della forma dell’azienda, ma hanno deciso di farlo in questo periodo, proprio a causa delle elezioni sociali”., il gentile Chris D. Schutter. “Questo sistema di protezione ha un effetto dannoso, perché vediamo che ci sono molti licenziamenti. Quindi, se la legge fosse un po’ più moderata ed equilibrata, molte aziende probabilmente non inizierebbero a fare licenziamenti di massa.

Licenziamenti di massa fino al 20% più costosi per i datori di lavoro nel 2023

Questo fenomeno di aumento dei licenziamenti di massa durante l’anno che precede le elezioni sociali non è nuovo. Questo è già stato visto negli anni precedenti. Nel 2019 (alla vigilia delle elezioni sociali del 2020), ad esempio, 81 sedi aziendali hanno annunciato l’intenzione di attuare licenziamenti di massa, ovvero 5.087 lavoratori. In confronto, nel 2017 c’erano 62 UTE per 3.829 persone.

citazioni

“Non sappiamo di datori di lavoro che se ne vanno per piacere. E se lo fanno ora come reazione alle elezioni sociali, è per proteggersi e non per invidia o necessità”.

“periodo misterioso”

Le ragioni di questi primi licenziamenti di massa sono semplici. Per capirlo, bisogna guardare al “periodo misterioso” tra gennaio e marzo/aprile durante gli anni delle elezioni. A quel tempo, la finestra della domanda era chiusa, ma i nomi dei futuri candidati devono ancora essere rivelati. Non rendendosi conto di chi è un candidato o meno all’interno dell’azienda durante questo periodo, i leader non vogliono rischiare di licenziare un dipendente. Nel caso in cui quest’ultimo desideri diventare un attore, il licenziamento di quest’ultimo comporterà anni di indennità a carico del datore di lavoro.

READ  'URGENTE': Migliaia di genitori potrebbero essere penalizzati fiscalmente perché non hanno il certificato fiscale corretto

In concreto, gli anni di retribuzione sono calcolati secondo due criteri: l’anzianità e la durata della carica. Se il dipendente è in azienda da meno di 10 anni, l’indennità dovrà essere corrisposta per due anni. Tra 10 e 20 anni sono 3 anni e per più di 20 anni devono essere pagati 4 anni. A ciò vanno aggiunti ulteriori anni di compenso in funzione della durata residua dell’incarico. Se il dipendente è ancora solo nella fase di candidatura, è necessario aggiungere 4 anni. “Se dobbiamo cambiare la legge servirà sempre un indennizzo, ma 7 o 8 anni non si pagano”, afferma Lucia Pelopono. “Non conosciamo nessun datore di lavoro che licenzia per divertimento. E se lo fanno ora come reazione all’elezione sociale, è per proteggersi e non per invidia o necessità».

Licenziamento collettivo alla Wibra: l’azienda non ha rispettato la “Legge Renault”

Prendi ispirazione da altri paesi europei?

Pertanto, il risultato non sarà positivo per nessuno, secondo Loyens & Loeff. I lavoratori in primis, che rischiano il licenziamento evitabile. Ma anche datori di lavoro che camminano sulle uova per paura di dover pagare somme astronomiche. Una situazione che, secondo i legali del bureau, non aiuterebbe nemmeno i rapporti sindacato-gestione. “Ci perdono tutti: sindacati, datori di lavoro e dipendenti. Ciò aggrava il conflitto tra il datore di lavoro e il dipendente. Nei Paesi Bassi o in Germania non esiste tale protezione e vediamo che c’è più cooperazione e una visione comune per cercare soluzioni.

Si può trovare un moderatore che modifichi questa famosa legge? Dal suo inizio poco più di 30 anni fa, pochi politici hanno osato avventurarsi lì. Mettere in chiaro che limiteremo i diritti dei lavoratori non fa la migliore impressione.il gentile Chris D. Schutter.

READ  Approvati gli ETF spot su Ethereum! La SEC capitola per la seconda volta sulle criptovalute

Da parte sindacale, non c’è dubbio che tocchi queste tutele concesse ai candidati, come sottolinea la perpetua CNE Evelyne Zabus. “Vedo questa protezione come un credito di tempo. Nessuno espellerebbe una donna incinta, quindi non capisco perché un potenziale candidato verrebbe espulso. Mi sembra logico dare al candidato in questione la possibilità di presentarsi con calma e non con la spada di Damocle sopra la testa.Sindacato commenti. Ma con questo governo di destra possiamo sempre avere delle sorprese. Finisce.