Marzo 1, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

COP28: Uscita dal carbone, protezione delle foreste e delle energie rinnovabili… Impegni già annunciati alla Conferenza sul clima di Dubai

COP28: Uscita dal carbone, protezione delle foreste e delle energie rinnovabili… Impegni già annunciati alla Conferenza sul clima di Dubai

La Conferenza delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici (COP28) si è aperta a Dubai con una risoluzione storica sui danni climatici, seguita da tutta una serie di annunci finanziari ed energetici. Gli Emirati Arabi Uniti stanno preparando queste questioni da mesi nel tentativo di dare slancio positivo ai negoziati.

Molte di queste dichiarazioni sono però impegni volontari, certamente virtuosi ma non vincolanti. Essi non devono, secondo gli osservatori, distogliere l’attenzione dai negoziati per ottenere una decisione finale da parte della Ventottesima Conferenza delle Parti, che ha il potere di accordarsi tra circa 200 paesi sotto l’egida delle Nazioni Unite.

Perdita e danno

Il primo giorno di negoziati ha visto il lancio del Fondo “Perdite e danni”, che mira ad aiutare i paesi vulnerabili ad affrontare le conseguenze sempre più costose e devastanti dei disastri climatici. Il nuovo contratto prevede di avanzare proposte finanziarie, che dovrebbero ricevere 600 milioni di dollari, per raccogliere il Natural Resources Defense Council, che riceverà 700 milioni in una serie di impegni, compresi quelli non dettagliati in questo momento con l’Unione Europea. Emirati Arabi Uniti, Germania, Italia e Francia hanno promesso ciascuno fino a 100 milioni di dollari, o euro.

Si tratta però solo di un investimento iniziale per testare i primi passi del fondo prima del vero e proprio round di finanziamento. Si tratta di una cifra molto inferiore ai 100 miliardi di dollari richiesti annualmente da alcuni paesi in via di sviluppo, che storicamente sono stati i meno responsabili del riscaldamento globale. Il presidente sudafricano Cyril Ramaphosa ha accolto con favore i primi impegni, ma ha affermato che è necessario “Raccolta fondi su scala molto più ampia“.

Gli attivisti climatici sostengono che l’offerta statunitense (17,5 milioni di dollari, soggetta all’approvazione del Congresso) è tristemente inadeguata per il più grande inquinatore storico del mondo.

READ  In un guasto, i settantenni in vacanza devono vivere nella loro macchina fino all'arrivo di un meccanico il ... 20 luglio

Si tratta di una vergognosa miseria che dimostra che gli Stati Uniti non sono pienamente impegnati a dare priorità agli impatti climatici che le comunità in prima linea devono affrontare.“, ha commentato Benici Albert, della Climate Justice Alliance.

Energia nucleare terziaria entro il 2050

Una ventina di paesi, tra cui Stati Uniti, Francia, Giappone ed Emirati Arabi Uniti, hanno chiesto sabato, in una dichiarazione congiunta, di triplicare le capacità nucleari mondiali entro il 2050, rispetto al 2020. L’appello è volontario, non vincolante e parallelamente alla Conferenza delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici (COP28) I negoziati dimostrano il sorprendente rinnovato interesse per il mais, una fonte di elettricità quasi priva di carbonio ma che ha sofferto dopo l’incidente di Fukushima nel 2011. Ma Cina e Russia, i principali paesi nucleari del mondo oggi i costruttori di reattori non rientrano tra gli Stati membri dell’UE. Firmatari.

Tripla energia rinnovabile

Il suo presidente, Sultan Al Jaber, ha annunciato sabato che almeno 118 paesi, ovvero più della metà dei paesi rappresentati alla Conferenza delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici (COP28), hanno firmato un impegno non vincolante a triplicare la capacità mondiale di energia rinnovabile entro 2030.

Un comunicato stampa presidenziale aveva precedentemente annunciato 116 paesi, e l’elenco è salito poco dopo a 118… Qualunque sia il numero finale, questo annuncio mira a imporre l’inclusione di questo obiettivo in qualsiasi accordo finale alla ventottesima Conferenza delle parti, questa volta nell’ambito della Conferenza delle Parti. quadro delle Nazioni Unite

Per mostrare quanta strada c’è ancora da fare, l’elenco presentato dalla presidenza della COP 28 non comprende i maggiori paesi produttori o consumatori di combustibili fossili: Russia, Arabia Saudita, Cina, Iran, Iraq, Venezuela, Kuwait, Qatar…

Accelerare l’uscita dal carbone

Sabato la Francia, insieme agli Stati Uniti e ad altri paesi, tra cui Vietnam e Indonesia, ha lanciato un’iniziativa per sostenere l’accelerazione dell’uscita dal carbone, che ancora genera un terzo dell’elettricità mondiale.

READ  Lo strabiliante salvataggio di un pilota d'aereo caduto sui binari di un treno (video)

Mentre la transizione energetica minaccia l’occupazione e la stabilità economica in molti paesi emergenti che ancora dipendono dal carbone, soprattutto in Asia, i partecipanti, tra cui anche Canada, Regno Unito, Malesia e Senegal, hanno chiesto di “sbloccare nuove fonti di energia pubblica e privata. ” Finanziamento privato.

Hanno chiesto alla Banca Mondiale di ridurre il costo degli investimenti nell’energia pulita nei paesi emergenti.

Ridurre le emissioni di metano

Il metano, che finora gli accordi sul clima hanno ampiamente ignorato, è responsabile del 30% del riscaldamento globale storico. Nel settore energetico, la fonte principale è rappresentata dalle perdite di gas naturale da pozzi o oleodotti.

Gli Stati Uniti hanno annunciato che nuovi paesi, tra cui il Turkmenistan, che detiene il record mondiale di perdite di metano secondo l’Agenzia internazionale per l’energia, hanno aderito a un’iniziativa chiamata “Global Meater Pledge”, che ora conta oltre 150 paesi. L’iniziativa mira a ridurre le emissioni di metano del 30% entro il 2030 rispetto al 2020.

50 compagnie petrolifere hanno firmato separatamente l’impegno di ridurre le emissioni di metano a “quasi zero” entro il 2030, ma senza impegnarsi a ridurre la maggior parte della loro impronta di carbonio, portando esperti e ONG a dire che si tratta di un “impegno molto debole”. .

Mancanza di obiettivi concreti riguardo all’agricoltura

L’agricoltura e l’alimentazione, fonte di circa un terzo dei gas serra di origine antropica, vengono spesso dimenticati nelle conferenze delle parti e nei piani sul clima dei paesi. Per la prima volta, venerdì più di 130 paesi hanno concordato di includere questi settori nei loro piani d’azione.

La dichiarazione non vincolante è stata accolta con favore perché ha finalmente messo i sistemi alimentari sotto i riflettori durante i negoziati sul clima. Ma è stato anche criticato per la mancanza di obiettivi concreti, per la sua incapacità di menzionare i combustibili fossili e per la sua incapacità di segnalare eventuali cambiamenti verso diete più sostenibili, soprattutto senza carne.

READ  Secondo il calendario gregoriano: 18 dicembre 1582, un giorno che non esiste

Protezione delle foreste

Emmanuel Macron ha annunciato sabato alla COP28 la conclusione di due partenariati che doneranno 100 milioni di euro alla Papua Nuova Guinea e 50 milioni al Congo affinché questi paesi proteggano le loro foreste e continuino ad assorbire e immagazzinare anidride carbonica.

Il presidente francese ha aggiunto, nel corso della tavola rotonda sulle foreste e gli oceani organizzata a Dubai nell’ambito dei negoziati sul clima, che è in discussione un terzo partenariato, che stanzia 60 milioni di euro a favore della Repubblica democratica del Congo.

Queste partnership si basavano su un modello annunciato durante il One Forest Summit organizzato da Macron con il Gabon a Libreville lo scorso marzo. Altri accordi simili dovranno essere conclusi “entro la COP 30”.

Investire sul clima

Gli Emirati Arabi Uniti hanno annunciato venerdì che investiranno 30 miliardi di dollari in un nuovo fondo per il clima con il settore privato, in collaborazione con il colosso BlackRock.

Il conduttore della COP28, ricco di petrolio, ha affermato che il fondo, chiamato Altera, si concentrerà su progetti climatici nei paesi in via di sviluppo, sperando di stimolare investimenti per un totale di 250 miliardi di dollari entro il 2030.

Da parte sua, la vicepresidente americana Kamala Harris ha annunciato sabato un contributo di tre miliardi di dollari al Fondo verde per il clima, per compensare anni di mancato contributo da parte del paese più ricco del mondo.