Febbraio 27, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

La guerra tra Israele e Hamas: gli ex ostaggi rompono il silenzio e chiedono il rilascio di altri prigionieri

La guerra tra Israele e Hamas: gli ex ostaggi rompono il silenzio e chiedono il rilascio di altri prigionieri

Gli ostaggi, alcuni dei quali sono stati rilasciati nell’ambito di una tregua di sette giorni terminata venerdì, hanno parlato in un video trasmesso davanti a una folla di migliaia di persone durante una manifestazione a Tel Aviv.

In brevi interviste, quattro donne hanno parlato della loro paura, fame e mancanza di sonno durante la prigionia dopo essere state rapite durante l’attacco senza precedenti di Hamas sul territorio israeliano del 7 ottobre, che ha scatenato la guerra.

Durante questo attacco sono state uccise circa 1.200 persone, la maggior parte delle quali civili, secondo le autorità, e altre 240 sono state rapite e trasferite nella Striscia di Gaza, nelle mani di Hamas.

“Le nostre figlie hanno visto cose che i bambini di questa età, o di qualsiasi età, non dovrebbero vedere”, ha detto Danielle Aloni, 45 anni, rilasciata il 24 novembre con la figlia di cinque anni.

“Il cibo non era abbondante e col passare del tempo è diventato sempre meno”, ha detto Dietza Heymann, 84 anni, rilasciata martedì.

Gli ostaggi rilasciati hanno esortato il governo di Benjamin Netanyahu ad adottare tutte le misure necessarie per garantire il rilascio degli ostaggi.

“È obbligo morale di questo governo riportarli in patria immediatamente, senza esitazione”, ha detto Yocheved Lifshitz, 85 anni, rilasciato a ottobre.

La diffusione di queste testimonianze avviene all’indomani della fine della tregua di sette giorni tra Israele e Hamas, che ha consentito il rilascio di 80 ostaggi israeliani in cambio di 240 prigionieri palestinesi detenuti nelle carceri israeliane.

Venerdì Israele ha ripreso i bombardamenti sulla Striscia di Gaza, con Hamas che ha lanciato razzi sul territorio israeliano.

READ  In caso di mancanza di gas questo inverno in Belgio, ecco i primi posti in cui dovresti subire un'interruzione

“Dobbiamo restituire Sasha e il resto dei detenuti”, ha detto Elena Trubanov, l’ostaggio rilasciato mercoledì, durante la manifestazione a Tel Aviv, riferendosi a suo figlio che è ancora in ostaggio.

Le famiglie vogliono esercitare maggiori pressioni sulle autorità affinché rilascino i loro cari dopo che venerdì l’esercito israeliano ha confermato l’uccisione di cinque ostaggi.

Il portavoce dell’esercito israeliano Daniel Hagari ha dichiarato sabato che 137 israeliani e stranieri rimangono prigionieri nei territori palestinesi, che Israele è soggetto ad un “assedio totale” dopo 16 anni di assedio e dove i bisogni umanitari sono enormi.

Secondo il governo di Hamas, più di 15.000 persone, tra cui più di 6.150 sotto i 18 anni, sono state uccise nei raid israeliani dall’inizio delle ostilità.