Giugno 23, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Continuano le ipotesi dell’ex capo delle indagini sugli omicidi del Brabante: “Erano convinti che nella nostra società fossero infiltrati i russi”.

Per Eddie Voss, “la domanda chiave è chi c’era dietro Pierre e Bouhouche”. Per chi stavano cavalcando? La sua risposta: In effetti, non lo abbiamo mai saputo. Tuttavia, dice, “i collegamenti sono numerosi”.

L’ex capo delle indagini sugli omicidi del Brabante, Eddie Vos, svela le sue ipotesi: “Per iniziare poniamoci le domande giuste”

Per Eddy Voss non è irrilevante che il processo del caso BND si sia concluso nell’aprile 1982, cioè prima che venissero alla luce i primi fatti legati al Brabante Vallone, vale a dire il furto dell’Austin Allegro avvenuto nel maggio 82 a Ixelles, seguito poi da la rapina cittadina dell’Austin Allegro. Volkswagen Santana che sarebbe stata utilizzata nell’attacco al negozio di alimentari di Maubeuge e nell’attacco all’armeria Decayes a Wavres.

Eddie Voss non vede la cronologia come una semplice coincidenza. Per lui, il processo al comandante della gendarmeria Léon François ha dimostrato che il BND e i suoi collegamenti americani hanno invitato il mondo criminale al loro lavoro sporco. I leader del servizio segreto tedesco (BND) furono condannati al carcere. Tuttavia, credevano di agire per “proteggere” la comunità. Per loro, il sistema di polizia belga non era all’altezza del compito di combattere nuovi crimini. Hanno cercato di dimostrarlo e sono stati ignorati sia dai leader politici che dallo Stato Maggiore.

Le vulnerabilità del sistema dovrebbero essere mostrate in modo diverso? Attraverso gli omicidi, in particolare l’attacco a Colruyt de Neville?

Per Jean-Pierre Adam sono loro gli assassini del Brabante: “Sarei tornato da Reims con un bagaglio di informazioni, ma l’incontro è finito presto”.

Indicatori di obiettivo

Eddie Vos vede connessioni nel caso delle reti dormienti Gladio. “In questo caso troviamo l’uso di depositi di armi (come quello sepolto sotto il ponte di Vilvoorde, con parte delle armi rubate all’ESI, lo squadrone di intervento speciale della gendarmeria: le armi erano così ben confezionate che potevano essere utilizzate vent’anni dopo, dimostrando che non ne era previsto l’uso immediato).

READ  Il direttore generale dell'OMS non ha indicato che i vaccini contro il Covid fossero "usati per uccidere i bambini"

Eddie Vos ricorda il furto d’oro nel caso Zwarts, depositi di equipaggiamento militare (solitamente Gladio) e dettagli di carte d’identità (rubate a Chaumont-Gestau e ritrovate a Sarthe-d’Ame-Avelines su istruzioni di Pierre durante il processo).

Così Eddie Vos raggiunge Pierre, Bouhouche e il suo grande amico Mendes (il direttore commerciale del Fronte Nazionale, ucciso a Rikssensaart, all’inizio di gennaio 1986). “Erano convinti che nella nostra comunità si fossero infiltrati i russi (quella che noi chiamavamo la ‘Minaccia Rossa’), quindi dovevamo agire ed essere preparati in caso di un’invasione”.

Mendez era convinto che le armi rubate nella sua casa nel maggio 1985 fossero state usate negli omicidi avvenuti nel Brabante quattro mesi dopo. “Ma di quali armi parlava?” si chiede Vos, sapendo che le armi rubate all’ESI non erano state utilizzate.

Pezzi del puzzle

Eddie Vos continua: “I collegamenti di Bouhouche con il WNP sono noti, a differenza di quelli di Pierre”.

Tuttavia, il WNP sembra essere stato copiato da Gladio e, secondo i suoi membri, il Westland New Post aveva sostanzialmente gli stessi obiettivi. Il fatto che Gladio sia rimasto segreto fino al 1990, a differenza del WNP venuto alla luce nel 1981, conferma l’esistenza di collegamenti.

Non ci sarà alcun termine di prescrizione per il caso Brabant Killers

Una prova è che nel WNP per riconoscersi veniva utilizzato lo stesso metodo del Gladio, cioè il sistema della banconota da 20 franchi strappata, dove le mezze banconote dovevano completarsi a vicenda.

Eddie Vos aggiunge esercizi di tiro nella foresta di Horbis e a La Hosières, due luoghi frequentati del Brabante Vallone. Ci ricorda ancora l’operazione Gigungagab di cui Michel Liebert, il comandante in seconda del WNP, ha parlato molto. Si tratta del riconoscimento del supermercato, ha spiegato Lippert. Bouhoush aveva anche intenzione di ricattare i supermercati.

READ  Questo misterioso monastero che resisterà alla fine del mondo e dove si riunisce l'élite russa

Eddie Vos, che vede in tutto questo un denominatore comune, non esclude che lo “pseudo-Gladio” o “pseudo-BIC-BND” sia stato creato con lo scopo di essere utilizzato praticamente nel Brabante Vallone, sia sul terreno che per ingannare la polizia. “È un approccio che non è mai stato preso in considerazione prima”, ha detto.