Giugno 19, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Attacchi mortali a Gaza City e via libera israeliana alla ripresa dei negoziati… Notizie sul conflitto in Medio Oriente Giovedì 23 maggio – Liberazione

Attacchi mortali a Gaza City e via libera israeliana alla ripresa dei negoziati… Notizie sul conflitto in Medio Oriente Giovedì 23 maggio – Liberazione
La guerra tra Hamas e Israelefile

La maggior parte delle informazioni sulla guerra tra Hamas e Israele questo giovedì 23 maggio.

Le Nazioni Unite riprendono la consegna degli aiuti umanitari al molo americano al largo di Gaza

Shatha Al-Mughrabi, portavoce del Programma alimentare mondiale delle Nazioni Unite, ha dichiarato giovedì 23 maggio che le Nazioni Unite hanno ripreso a trasportare gli aiuti umanitari al molo costruito dagli Stati Uniti al largo della costa della Striscia di Gaza. Le consegne sono state interrotte per due giorni mentre è stata trovata una nuova strada dopo che i palestinesi hanno intercettato alcuni camion di aiuti. I primi dieci veicoli sono stati ricevuti venerdì 17 maggio presso un magazzino del Programma alimentare mondiale a Deir al-Balah. Ma sabato 18 maggio solo cinque carichi sono arrivati ​​al magazzino dopo che altri 11 sono stati intercettati. Il portavoce ha detto che le consegne sono riprese martedì 21 maggio, con l’arrivo al magazzino di 17 camion e mercoledì 22 maggio 27 camion. “Per quanto ne so, tutta la merce è stata contabilizzata e non è stato segnalato alcun incidente.”Ha detto Shatha Al-Maghribi. Il bacino galleggiante americano, di cui il Pentagono ha iniziato la costruzione il 25 aprile, mira a far fronte ai ritardi e agli ostacoli imposti da Israele nella fornitura di aiuti umanitari alla Striscia palestinese, bombardata e assediata dallo Stato ebraico.

Israele annuncia “gravi conseguenze” dopo che tre paesi europei hanno riconosciuto lo Stato di Palestina

Giovedì il portavoce del Ministero degli Esteri israeliano ha avvertito gli ambasciatori di Irlanda, Spagna e Norvegia che il riconoscimento dello Stato di Palestina da parte dei loro paesi sarebbe un duro colpo per i loro paesi. “Conseguenze serie”. “Ci saranno gravi conseguenze per le relazioni con questi paesi dopo la loro decisione”.Lo ha annunciato Oren Marmorstein in un comunicato stampa diffuso al termine del suo incontro con gli ambasciatori dei tre Paesi europei, convocati. “rimproverato” Il giorno dopo hanno annunciato la decisione di riconoscere lo Stato di Palestina a partire dal 28 maggio.

READ  Brasiliani alle urne per le presidenziali: Bolsonaro - Lula, quali elementi possono far pendere le schede elettorali?

La Protezione Civile afferma che 26 persone sono state martirizzate nei raid su Gaza City

La difesa civile nella Striscia di Gaza ha annunciato due attacchi aerei israeliani prima dell’alba di giovedì, uccidendo 26 persone nella città di Gaza, nel mezzo di feroci combattimenti tra soldati israeliani e combattenti palestinesi nella Striscia palestinese. Il portavoce della Protezione civile Mahmoud Bassal ha detto che 16 persone sono state uccise in un raid che ha colpito le loro case, e altre dieci sono state uccise nel secondo raid che ha colpito una moschea e una scuola.

Via libera israeliana alla ripresa dei negoziati con Hamas

Il gabinetto di guerra israeliano, che si è riunito mercoledì sera con il primo ministro Benjamin Netanyahu, ha dato il via libera alla ripresa dei negoziati con l’obiettivo di rilasciare gli ostaggi detenuti nella Striscia di Gaza. All’inizio dello scorso maggio, i negoziati indiretti tra Hamas e Israele, attraverso i mediatori di Qatar, Egitto e Stati Uniti, non sono riusciti a raggiungere un accordo per una tregua nella Striscia palestinese legata alla liberazione degli ostaggi e dei prigionieri palestinesi detenuti da Israele. 252 persone sono state catturate durante l’attacco lanciato da Hamas il 7 ottobre. Secondo l’esercito, a Gaza restano 124 detenuti, 37 dei quali sono morti. Martedì, su richiesta delle famiglie degli ostaggi, un’associazione israeliana ha diffuso le immagini del rapimento di cinque soldati israeliani avvenuto il 7 ottobre, denunciando il rapimento dei soldati israeliani. cinque soldati israeliani. “Fallimento nazionale” et al “L’abbandono degli ostaggi”.

È imminente una decisione della Corte internazionale di giustizia sulla richiesta di cessate il fuoco a Gaza

La Corte internazionale di giustizia, la più alta corte delle Nazioni Unite, ha annunciato giovedì che emetterà la sua sentenza venerdì sulla richiesta del Sudafrica di ordinare a Israele di cessare il fuoco a Gaza. Pretoria vuole che il tribunale ordini a Israele di fermare”subito» Tutte le operazioni militari nella Striscia di Gaza, inclusa a Rafah, la città dove Israele ha lanciato operazioni di terra il 7 maggio nonostante l’opposizione della comunità internazionale. Giurisdizione sequestrata dal Sudafrica alla fine di dicembre con l’accusa di “GenocidioA gennaio ha ordinato a Israele di fare tutto ciò che è in suo potere per prevenire qualsiasi atto di genocidio e consentire l’ingresso degli aiuti umanitari nella Striscia palestinese. Ma la Corte non è arrivata al punto di emettere un ordine di cessate il fuoco. Tuttavia, per Pretoria, l’evolversi della situazione sul campo – in particolare l’operazione a Rafah – richiede un nuovo ordine da parte della Corte internazionale di giustizia.

READ  Joe Biden critica Donald Trump: “Questa parola che ha usato mi ricorda il linguaggio sentito nella Germania nazista negli anni ’30”

I leader dell’“asse della resistenza” anti-israeliano si incontrano a Teheran

I media ufficiali hanno riferito giovedì che i leader delle fazioni dell'”Asse della Resistenza” hanno discusso della guerra a Gaza durante un incontro tenutosi mercoledì a Teheran. Riunisce gli alleati dell’Iran nella guerra contro Israele, tra cui Hamas, Hezbollah libanese, i ribelli Houthi dello Yemen e gruppi sciiti iracheni. I leader di questi movimenti si sono incontrati dopo aver partecipato ad una cerimonia organizzata mercoledì a Teheran in onore del presidente iraniano Ebrahim Raisi, morto domenica in un incidente di elicottero nel nord-ovest del Paese. “Durante questo incontro è stata esaminata la situazione politica, sociale e militare a Gaza […] È stato discusso il ruolo dell’asse della resistenzaLo ha riferito la tv statale Irib. “L’accento è stato posto sulla continuazione del jihad e della lotta fino al raggiungimento della completa vittoria della resistenza palestinese a Gaza con la partecipazione delle fazioni dell’asse della resistenza.» Dai partecipanti, secondo Irib.

La Colombia vuole aprire un’ambasciata a Ramallah

La Colombia ha deciso di aprire un’ambasciata a Ramallah nei territori palestinesi, secondo le informazioni fornite mercoledì alla stampa dal ministro degli Esteri colombiano Luis Murillo. Questo annuncio arriva dopo che tre paesi europei (Spagna, Irlanda e Norvegia) hanno annunciato la loro decisione di riconoscere lo Stato di Palestina, un annuncio che ha fatto arrabbiare Israele. “La Colombia aveva già riconosciuto la Palestina come Stato negli ultimi anni. […] Siamo convinti che sempre più paesi riconosceranno la Palestina“, ha commentato Luis Murillo. All’inizio di maggio, il presidente Gustavo Petro ha annunciato la rottura delle relazioni diplomatiche con Israele. Dall’inizio della guerra, il primo presidente di sinistra della storia del paese, eletto nel 2022, ha fortemente criticato, in più occasioni, la guerra che l’IDF ha lanciato contro la Striscia di Gaza, violando così la posizione storica di Bogotà, tradizionale alleato di Israele.

READ  La nuova minaccia di Putin: questo è ciò che chiede o raggiunge nuovi obiettivi