Luglio 3, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Con l’accusa di aver insultato i detenuti palestinesi.. “Principessa” non vincerà l’Oscar: “Film disgustoso” | cinema

Volendo parlare di un dramma familiare palestinese, il regista egiziano Mohamed Diab si è trovato al centro di una polemica geopolitica: il suo film “Principessa” alla fine non andrà agli Oscar perché, come dicono i palestinesi, “serve l’occupazione israeliana” da “deridere i prigionieri”.




Dopo diverse proiezioni in diversi festival in Italia, Tunisia, Egitto e altrove, il regista ha realizzato una campagna di un mese con la Giordania, dove è stato girato il film, per rappresentare il regno agli Oscar. Ma questa settimana ha annunciato, facendo una doccia fredda, che “Amira” non sarebbe mai stata mostrata. Perché il suo lungometraggio ha scioccato.

Il film racconta la storia di una donna palestinese nata dall’inseminazione di sperma di suo padre imprigionato da Israele, un modo per aggirare le sbarre che decine di donne palestinesi hanno usato per anni. Ma da adulta scopre che il seme usato non è proprio di suo padre, ma piuttosto di un carceriere israeliano, personificazione dell’occupazione israeliana.

La polemica su questo film ha continuato ad aumentare nelle ultime settimane sui social media con dure opinioni palestinesi. “Questo film è disgustoso”, ha scritto su Facebook la palestinese Lydia Rimawi, ma “non un film come Amira ci farà mettere in dubbio la paternità dei nostri figli”. Il marito del prigioniero. Ha detto che questo è stato grazie all’aiuto dei compagni detenuti di suo marito che sono stati in grado di ottenere piccole fiale di sperma che, ha detto, sono passate attraverso il naso e la barba dei soldati israeliani di stanza ai posti di blocco al momento del loro rilascio.

READ  Esplosione di Metallica Communications Rock Werchter

“una volta per tutte”

Reem Jihad, un altro utente di Internet palestinese, ha scritto su Twitter che “Amira” è solo uno “scenario immorale israeliano”. “Questo film insulta i prigionieri palestinesi senza mai parlare della sofferenza di centinaia di famiglie di prigionieri”.

Di fronte a pesanti critiche da parte della critica sotto il titolo “Azel a Princess”, Diab ha chiesto un “comitato di spettatori composto da prigionieri e parenti per guardare e discutere” il film. “Ci siamo assicurati di guardare il film dalla A alla Z e, dopo diverse sessioni per osservare i dettagli, lo rifiutiamo completamente”, ha affermato Qadura Fares, capo del Club dei prigionieri palestinesi, che parla a più di 4.500 palestinesi detenuti da Israele. “Sarebbe stato meglio per la squadra dimenticare questo film una volta per tutte”, conclude.

Per Hamas, il movimento islamista palestinese al potere a Gaza, i cui centinaia di membri sono detenuti nelle prigioni dello stato ebraico, questo film non è altro che un “servizio al nemico sionista”. Lo stesso Diab ribadisce di aver svolto “un lavoro pulito che non insulta in alcun modo i prigionieri o la causa palestinese”.

“con rispetto”

La questione di Israele è regolarmente controversa in mezzo alla cultura araba. Ufficialmente, la maggior parte dei paesi arabi non riconosce lo stato ebraico, e quindi ai suoi artisti è vietato andarci. Nel 2017, un tribunale militare in Libano ha ascoltato il regista franco-libanese Ziad Douiri parte del suo film “The Attack” in Israele.

Giornalisti e attivisti gli hanno chiesto “scuse”, accusandolo di avere rapporti “normali” con il suo lungometraggio con lo Stato ebraico, ancora ufficialmente in guerra con il Libano. In Algeria, lo scrittore Boualem Sensal è stato pesantemente criticato per essersi recato in Israele per ricevere un premio letterario.

READ  Una serie ispirata a un fenomeno letterario

Nel 2020, quattro paesi arabi hanno riconosciuto Israele – Emirati Arabi Uniti, Bahrain, Marocco e Sudan – e si sono uniti alla Giordania e all’Egitto, il paese di Mr. Diab che per primo ha firmato la pace con lo stato ebraico nel 1979. E Amira è stata finanziata dall’Egitto, Giordania, Emirati Arabi Uniti e Arabia Saudita. Le sue attrici principali sono giordane, inclusa Saba Mubarak, ma altri ruoli sono occupati da arabi israeliani.

Di fronte alla protesta, il Royal Jordanian Film Committee ha annunciato che ritirerà la nomina di “Principessa” agli Oscar, citando “l’enorme polemica”, affermando di aver agito “per rispetto dei sentimenti e dei sentimenti dei prigionieri e le loro famiglie.” Per quanto riguarda l’Arabia Saudita, che sta organizzando il suo primo grande festival cinematografico, ha semplicemente cancellato la sua programmazione.