Febbraio 29, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Come e dove l’intelligenza artificiale è entrata nei nostri ospedali?

Come e dove l’intelligenza artificiale è entrata nei nostri ospedali?

Dottore in psichiatria, Giovanni Briganti ha completato la sua tesi di dottorato in scienze mediche sul tema dell'intelligenza artificiale in medicina. Docente e ricercatore presso l'ULB, l'UMons e l'ULiège dove tiene corsi sull'intelligenza artificiale e la salute digitale, questo specialista ci ha fornito la sua visione su questo tema.

Giovanni Briganti è psichiatra, docente e ricercatore presso ULB, UMons e ULiège dove tiene corsi di intelligenza artificiale e salute digitale. © Dott

Come definire l'intelligenza artificiale?

Facendo riferimento alla definizione del Gruppo ad alto livello sull'intelligenza artificiale della Commissione europea, l'intelligenza artificiale (AI) si riferisce a… “Sistemi che mostrano un comportamento razionale analizzando il loro ambiente e intraprendendo azioni – con un certo grado di autonomia – per raggiungere obiettivi specifici”.

In che misura i medici utilizzano effettivamente questi metodi nella loro pratica clinica in Belgio?

Possiamo dire che l’adozione dell’IA in campo medico sta avvenendo lentamente ma inesorabilmente. Si stima che nella maggior parte degli ospedali del Paese esista almeno un algoritmo che viene utilizzato a livello informatico per la gestione ospedaliera o nella pratica clinica. In Belgio l’utilizzo di algoritmi di IA è consentito o comunque regolamentato a livello di Ordine dei medici per la ricerca biomedica. D’altronde, a livello della pratica clinica attuale, al momento, per quanto ne so, l’Ordine non ha previsto disposizioni specifiche per i medici sulla possibilità o meno di utilizzare algoritmi di IA. Se da noi l’adozione dell’intelligenza artificiale è in aumento nei settori tecnici, in particolare nella radiologia o nella biologia clinica, cioè nella medicina di laboratorio, la sua adozione nella pratica clinica si limita attualmente nella maggior parte dei casi al monitoraggio remoto dei pazienti, un approccio che è stato messo in atto durante la pandemia di Covid-19.19. Nel complesso, possiamo dire che l’intelligenza artificiale viene implementata nel settore sanitario in Belgio e avvertiamo un certo entusiasmo da parte degli ospedali che vogliono implementare sempre più progetti che sfruttano l’intelligenza artificiale. A fine 2022 è stato votato un piano nazionale per l’intelligenza artificiale; Combina diverse strategie regionali e comunitarie.

READ  Huatzen, uccello extraterrestre

Possiamo dire che il nostro Paese è relativamente avanzato a questo livello?

Con circa 200 aziende che lavorano nel campo della tecnologia medica e un centinaio di aziende che lavorano specificamente nell’intelligenza artificiale sanitaria, dopo tutto disponiamo di un panorama molto ricco di intelligenza artificiale sanitaria. Allo stesso modo, il settore farmaceutico sta investendo molto in questo settore. Sul fronte ospedaliero, il nostro Paese è leader nella sperimentazione clinica, fondamentale per la ricerca volta allo sviluppo di sistemi di intelligenza artificiale. Pertanto, noi in Belgio abbiamo tutti gli ingredienti necessari per diventare un paese leader nel campo dell’intelligenza artificiale. Francia e Germania, così come il Regno Unito, sono paesi da cui traiamo ispirazione.

“Il Belgio è all’avanguardia nell’intelligenza artificiale nella sanità”

In medicina, quali sono i potenziali livelli di contributo di queste tecnologie in particolare: screening, diagnosi, trattamento, indagini aggiuntive, ecc.?

La diagnostica è il campo più importante dell’intelligenza artificiale in medicina. Perché ? Perché la diagnosi viene spesso effettuata utilizzando test aggiuntivi. Possiamo citare tre ambiti in particolare in cui l’IA è di reale interesse e dove è già ben consolidata: radiologia, istopatologia e medicina di laboratorio. Queste sono le aree in cui ci sono molti dati: immagini e dati quantitativi sui pazienti. In queste aree ci sono molte applicazioni che possono aiutare il medico. Prendiamo l'esempio di un radiologo: analizzerà l'immagine e si avvarrà anche dell'aiuto di un software per determinare cosa c'è nell'immagine: per vedere se c'è un cancro, dove si trova, che aspetto ha, cosa significa assomigliare? Rischio per il paziente… Per quanto riguarda l'istopatologia, se facciamo una biopsia, ad esempio perché sospettiamo un cancro, esiste un software che analizza le immagini e fornisce raccomandazioni su quale potrebbe essere la diagnosi differenziale. Allo stesso modo, nella medicina di laboratorio, rileveremo le malattie in base a criteri biologici. Sono tutte applicazioni molto concrete che oggi esistono e sono molto diffuse. Per quanto riguarda le terapie, possiamo citare le applicazioni che, sulla base dei dati del paziente, forniranno il giusto cambiamento nel trattamento, ad esempio in oncologia. Esistono anche applicazioni che possono scoprire nuovi farmaci o trovare vecchi farmaci somministrati in altri settori che possono essere utili per nuove indicazioni.

READ  Marine to Temporel: Il suo compagno Stan soffre di una malattia rara e “imbarazzante” e le sue conseguenze fisiche vengono rivelate

Oltre alla radiologia, alla patologia e alla medicina di laboratorio, dove l’intelligenza artificiale è già ben consolidata, quali altre specialità dovrebbero essere sviluppate?

La cardiologia è un campo in cui l’intelligenza artificiale è molto promettente, soprattutto per quanto riguarda l’analisi dei segnali che provengono dal cuore e la prevenzione del verificarsi di aritmie, infarti o altre complicazioni cardiache. In dermatologia, oncologia, neurologia, endocrinologia… Inoltre, l'intelligenza artificiale è molto utile.

L’intelligenza artificiale aiuta a curare una malattia rara e incurabile che colpisce gradualmente tutti gli organi

Che ne dici di prevedere la malattia?

Generiamo costantemente dati medici nell'ambiente ospedaliero segnalando sintomi, esami, effetti collaterali, ecc. dei pazienti. Tutti questi dati sono una fonte di previsioni per sapere cosa accadrà dopo. Ad esempio, scompenso cardiaco entro 30 giorni dal ricovero in ospedale. Presso UMons lavoro per implementare questi modelli nel contesto della sorveglianza delle malattie mentali; Uno dei ricercatori della Cattedra di Intelligenza Artificiale e Medicina Digitale, il dottor Farinella, sta lavorando su modelli che predicono le complicanze dopo l'intervento chirurgico. Tutti questi modelli aiutano il medico a pianificare un'assistenza più attenta sulla base dei dati di un particolare paziente. Possiamo quindi parlare di medicina personalizzata.

L’intelligenza artificiale può contribuire ad aumentare la longevità?

SÌ. Vedo cinque obiettivi per quanto riguarda l’IA nella sanità: in primo luogo, migliorare la qualità dell’assistenza e della salute della popolazione in generale, inclusa quindi la longevità. Quindi, migliorando la qualità associata al lavoro e alle prestazioni dei medici. In terzo luogo, sostenere le istituzioni ospedaliere. Quarto, migliorare la ricerca e lo sviluppo e, infine, migliorare la politica sanitaria pubblica.

READ  L'importanza della salute - nrpyrenees.fr

Al di là della pratica clinica, dove può intervenire l’intelligenza artificiale nell’ambiente medico?

Attualmente ci sono due scenari. Da un lato ci sono applicazioni che sono già state approvate dal centro ospedaliero o dai medici, dall'altro quelle che non hanno nulla a che fare con l'aspetto clinico e i medici non le utilizzerebbero nemmeno se lo volessero. La medicina continua a migliorare. Nella ricerca farmaceutica, ad esempio, l’intelligenza artificiale può contribuire alla scoperta di nuovi farmaci. Pertanto, esiste un’ampia gamma di applicazioni dell’IA in medicina, di cui solo una piccola percentuale verrà utilizzata specificamente in clinica. Il resto supporterà la ricerca e sviluppo, l’organizzazione ospedaliera, la logistica, la contabilità, ecc. In definitiva, tutto ciò contribuirà a migliorare l’assistenza.

Domani : L'intelligenza artificiale in medicina: i suoi vantaggi, potenziali svantaggi e il suo posto nell'arsenale terapeutico.