Marzo 4, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Ciclismo su pista: Otto medaglie ma mancano gli azzurri agli Europei

Ciclismo su pista: Otto medaglie ma mancano gli azzurri agli Europei

Il Campionato Europeo di Apeldoorn (Paesi Bassi) si è concluso domenica con un bel sorriso per la delegazione francese. Valentin Fortin e Marion Boras hanno vinto il campionato americano, battendo i belgi Lotte Kubicki-Catherine De Klerk.

“È stata una gara un po' folle, ma alla fine abbiamo vissuto un grande momento”, sorride Marion Bouras, che è arrivata quinta alla Parigi-Roubaix dello scorso anno con un Saint-Michel Mavique Auber 93. Ho cambiato quattro compagni di squadra a causa di problemi di salute di Marie (Le Net), Victoire (Berto) e Clara (Couponi). Abbiamo dovuto adattarci e rimanere concentrati. Ma non mi sono mai arreso. Questa maglia l'avevamo tanto desiderata… Dopo aver inseguito la squadra (un problema meccanico li ha costretti a frenare fin dall'inizio) non vedevo l'ora di dimostrare che c'ero stato, che avevo lavorato e che questo poteva ripagare . Trovo difficile rendermene conto. Ora tornerò a riposarmi un po' prima dell'inizio della stagione su strada e, spero, di prendere parte all'UAE Tour con Saint-Michel. »

Poco prima, Oscar Nelson Julien (22), originario di Londra ma che ha scelto di rappresentare la Francia dal 2023 dopo aver corso per la Gran Bretagna, ha vinto il bronzo nella corsa a punti.

I corridori sono deludenti

I corridori, invece, hanno subito una nuova delusione nel keirin dopo essere partiti a mani vuote nella velocità individuale. Sébastien Vigier, subito eliminato dai quarti di finale, è arrivato quinto nella finale del keirin. Mathilde Gross e Marie Devine Kwame sono arrivate quarta e sesta nella categoria keirin femminile.

READ  Alexey Lutsenko riporta la Clasica Jaen in solitaria, due belgi complètent il podium

In totale, la squadra francese parte con otto medaglie dall'Olanda: due d'oro (Clara Cuboni in Zero, Valentin Fortin – Marion Borras in America F), e tre medaglie d'argento (Florian Gringbo – Sébastien Vigier – Rayan Hilal in Speed ​​​​H , Thomas Boudat-Donavan Grondin nell'America H, Marie Devine-Kwame nei 500m) e tre bronzi (Melvin Landreno nel chilometro, Valentin Fortin nell'Omnium F, Oscar Nelson-Julian nella corsa a punti H).

Il corretto bilancio digitale. Ma questo non nasconde alcuni fallimenti. Innanzitutto la nuova delusione per il ritmo della squadra femminile, che mercoledì ha giocato molto bene nella prima giornata. I corridori francesi, che sono al nono posto nella classifica mondiale, devono essere tra i primi otto paesi per qualificarsi collettivamente e ottenere più quote olimpiche. Ma Mathilde Gross, Marie Devine-Koame e Julie Michaud, la sesta qualificata, sono state eliminate al primo turno, perdendo contro i polacchi, i loro principali rivali nella corsa per la qualificazione olimpica.

“Lotteremo, non è stato deciso nulla”.

“Siamo delusi dal nostro tempo. Ma è così. Siamo dove siamo in questo momento. Ma non è stato fatto nulla. Possiamo ancora andare in Messico, Canada o Nuova Zelanda per ottenere un biglietto per i Giochi Olimpici. Noi lotteremo e noi non lotteremo – ha spiegato Mathilde Gross – Tutto è deciso”. Ma i Blues dovranno fare punti durante le gare di Coppa delle Nazioni, ad Adelaide (2-4 febbraio), Hong Kong (15-17 marzo) ) e Milton (12-14 aprile) per entrare tra i primi otto.

“I nostri rivali, i polacchi in particolare, sono ancora leggermente davanti a noi, ma noi siamo ancora vivi. Ci sono altre competizioni ancora giocabili. Daremo fino alla fine”, ha detto l'allenatore dei velocisti Gregory Puget.

READ  La fine della corsa a punti? L'UCI prenderà in considerazione un tour mondiale a 20 squadre

Nella velocità individuale, Mathilde Gros, ammalata ai Campionati di Francia, venerdì è arrivata quarta. “Non arriverò qui in forma olimpica, è solo una fase”, ha detto. Essere al quarto posto qui è un peccato. C’era in palio una bella maglia, ma se avessi mancato il podio qui e fossi diventato campione olimpico quest’estate, avrei fatto bene. Non ricorderemo questi campionati. Non c'è alcun dubbio. Ora non è il momento per quello. Non mi dispiacerò per me stesso. Il mio primo obiettivo è essere davanti a loro, ma anche davanti a tutti gli altri concorrenti, nel Giorno della Vittoria, ai Giochi Olimpici. »

Le fatiche di Benjamin Thomas, cinque volte campione del mondo e capitano della squadra francese di endurance, ha gareggiato solo in un evento, l'omnium di sabato. Il corridore della Cofidis ha dovuto abbandonarlo.