Febbraio 23, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Chi sono le Brigate Hezbollah accusate di aver ucciso i soldati americani in Giordania?

Chi sono le Brigate Hezbollah accusate di aver ucciso i soldati americani in Giordania?

Washington accusa membri di una milizia irachena delle Brigate Hezbollah di essere dietro l'attacco che ha provocato tre morti e una quarantina di feriti il ​​28 gennaio in una base americana in Giordania. Simbolo dell'influenza iraniana in Iraq, questo influente gruppo armato filo-iraniano sfugge all'autorità delle autorità irachene da cui teoricamente dipende.

Gli attacchi contro le forze americane in Medio Oriente hanno raggiunto un livello mai visto dal massacro del 7 ottobre da parte di Hamas e dalla conseguente guerra a Gaza tra Israele e il movimento islamico palestinese.

Da metà ottobre, i soldati americani e quelli della coalizione anti-jihadista sono stati sottoposti a 165 attacchi con droni e missili contro le loro posizioni in Iraq e Siria. Ma finora non si hanno notizie di vittime.

L'ultimo attacco, quello di domenica 28 gennaio, nel corso del quale tre soldati americani sono rimasti uccisi e una quarantina altri feriti, contro una base logistica – “Tower 22” – situata in Giordania al confine con la Siria, è un attacco a rotazione.

Era una cosa inaudita dall’inizio della guerra tra Israele e Hamas, stima David Rigolet-Rose, ricercatore associato presso l’Istituto per le relazioni internazionali e strategiche (IRIS), specializzato in affari del Medio Oriente, e per il quale “una linea rossa probabilmente è stato attraversato.” . La prova di ciò è che il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha promesso di rispondere, dicendo la sera stessa dell’attacco che “riterrà responsabili tutti i responsabili, quando e come vogliamo”.

L'Iran ha negato qualsiasi coinvolgimento nel raid mortale, di cui non ha rivendicato la responsabilità. Tuttavia, secondo Sabrina Singh, portavoce del Pentagono che ha parlato il giorno successivo, l'ordine portava “l'impronta di Kataib Hezbollah”. [Brigades du Hezbollah]”, che mostra come funziona.

READ  Guerra in Ucraina: almeno 20 persone uccise nei bombardamenti ucraini a Lysychansk

È un'accusa condivisa dalla Casa Bianca, che ritiene che all'origine dell'attentato ci sia la nebbia dei gruppi della “resistenza islamica in Iraq”. Mercoledì, durante una conferenza stampa, il portavoce del Consiglio di sicurezza nazionale, John Kirby, ha dichiarato che questo raduno “include” Kataib Hezbollah, spiegando che l'attacco mortale “porta certamente il segno” di questo gruppo armato filo-iraniano.

Per ordine della Guida Suprema iraniana

David Rigolet-Rose spiega che Kataib Hezbollah – da non confondere con gli Hezbollah libanesi – è una delle milizie irachene “più strettamente legate all’Iran”. Ha aggiunto: “Seguono il principio della tutela del giurista, il che significa che riconoscono la Guida Suprema iraniana come loro autorità suprema”.

L’ex leader delle Brigate Hezbollah, Abu Mahdi Al-Muhandis, è stato ucciso nel 2020 in un raid americano a Baghdad, insieme al potente generale iraniano Qassem Soleimani, che era il suo braccio destro in Iraq.

A Karbala, durante una cerimonia funebre il 29 dicembre 2020, un membro delle Forze di mobilitazione popolare tiene in mano una foto del comandante Abu Mahdi Al-Muhandis, ucciso in un raid statunitense. © AFP, Muhammad Al-Sawaf

Kataib Hezbollah, che Washington definisce un gruppo “terrorista” e oggetto di sanzioni, è stato preso di mira nelle ultime settimane dagli attacchi statunitensi in Iraq, così come Harakat al-Nujaba, un’altra milizia fermamente antiamericana.

Leggi ancheL'uscita dalla coalizione internazionale “sarebbe una tragedia assoluta” per l'Iraq

La “Resistenza islamica in Iraq”, di cui fanno parte Kataib Hezbollah e Harakat al-Nujaba, ha rivendicato la responsabilità della maggior parte degli attacchi contro gli americani negli ultimi mesi. Questa schiera di combattenti dei gruppi armati filo-iraniani afferma che stanno lavorando per sostenere i palestinesi. Ma soprattutto chiede la partenza dei circa 2.500 soldati americani ancora dispiegati in Iraq come parte della coalizione che combatte contro lo Stato islamico. Si è diffusa la voce che, alla luce del contesto esplosivo, il governo iracheno avrebbe avviato negoziati con Washington riguardo ad un calendario per il ritiro.

READ  In Israele, il parlamento sta votando su un'importante misura di controversa riforma giudiziaria

In precedenza era al fianco di Washington nella coalizione anti-jihadista

Tra le fazioni della “Resistenza islamica in Iraq”, Kataib Hezbollah è senza dubbio considerata la più influente. Appartengono anche alle Forze di mobilitazione popolare, formate da ex paramilitari iracheni fedeli all’Iran, nelle quali “le brigate svolgono un ruolo dominante”, come spiega David Rigolet-Rose. L'attuale leader di Kataib Hezbollah, Abu Fadak al-Muhammadawi, è anche il capo di stato maggiore delle Forze di mobilitazione popolare.

Le Forze di mobilitazione popolare sono state lanciate nel giugno 2014 per sostenere le forze irachene contro lo Stato islamico (ISIS). Insieme, insieme alla coalizione anti-jihadista guidata da Washington, hanno contribuito alla sconfitta dell’Isis nel 2017 per mano dell’Iraq.

E aggiunge: “C’è stata un’alleanza oggettiva tra la coalizione, cioè gli americani, e le milizie Hashd contro l’Isis [le groupe État islamique]. I due hanno combattuto dalla stessa parte, alcuni a terra e altri in aria. Ma dopo il 2017, questi gruppi hanno scoperto che il loro DNA era iraniano e quindi antiamericano.

Oggi la folla comprende decine di gruppi e più di 160.000 membri, secondo le stime dell'Agence France-Presse. Think Tank americano Washington Institute Si stima che il numero dei suoi membri raggiunga i 230mila iscritti. Ma né le autorità né l'organizzazione parlano del numero dei dipendenti.

Per quanto riguarda le Brigate Hezbollah, Il numero esatto dei miliziani rimane sconosciuto. Secondo David Rigolet Rose i numeri oscillano tra 3.000 e 30.000, perché di tanto in tanto vengono mobilitati alcuni miliziani.

“L’esecutivo governativo non ha alcun controllo su questi gruppi”.

Di fronte ai crescenti attacchi contro le forze americane nelle ultime settimane, il governo iracheno si sente intrappolato nel fuoco incrociato. È arrivato al potere attraverso una coalizione di partiti sciiti filo-iraniani e una maggioranza parlamentare comprendente il PMF, che ha rappresentanti dal 2018.

READ  Assicurandosi un terzo mandato domenica, Xi ha fatto precipitare la Cina e il mondo nell'ignoto

In teoria, le FMP e i suoi componenti, tra cui Kataib Hezbollah, fanno parte delle forze regolari del Paese, secondo una legge approvata nel 2016. “Ma è in gran parte una questione formale. Perché in realtà, l'autorità esecutiva del governo non ha alcun potere”. Control spiega David Rigolet Rose:

Leggi ancheSoldati Usa uccisi in Giordania: Joe Biden ordina ritorsioni contro l'Iran

Dopo le minacce del presidente degli Stati Uniti, che ha promesso ritorsioni “consequenziali” e ha ritenuto l’Iran “responsabile” di aver fornito le armi necessarie all’attacco che ha ucciso i soldati americani, Kataib Hezbollah ha confermato, il 30 gennaio, la “sospensione” delle loro operazioni militari contro le forze americane.

Il gruppo ha annunciato in una dichiarazione firmata dal segretario generale Abu Hussein Al-Hamidawi, riferendosi alle forze irachene nel modulo: “Annunciamo la cessazione delle nostre operazioni militari e di sicurezza contro le forze di occupazione, per risparmiare al governo iracheno qualsiasi imbarazzo”. Perché dietro le quinte è sicuramente intervenuto l’Iran per calmare gli animi, rendendosi conto che ormai c’era il rischio di un’escalation incontrollata con gli americani.

Con l'Agenzia France-Presse