Novembre 27, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

“Che scandalo, quando alcuni non hanno un indirizzo fisso!”

Sui social network, il socialista non è andato lì per quattro tracce … “Shock from Goyol”, ha scritto lì. “Che oltraggio! Mentre molti residenti di Charleroi hanno difficoltà con il caldo, l’alloggio e il cibo, mentre alcuni non hanno un indirizzo fisso, esporre una targa come questa su un’auto di lusso è un insulto per chi non ne ha. E tutte le persone che lottano ogni giorno per ridurre la povertà. »

“Non dimentichiamoci mai che è facile cambiare, che perdere tutto può accadere più velocemente di quanto si pensi. Che nessuno è al sicuro da un incidente nella vita. Vedere questo cartello di disprezzo rotolare per le strade della nostra città è davvero triste, e altro ancora contesto.” Presente. “

Quando ci ha chiamato, all’inizio non ha fatto finta di essere arrabbiato! “Ovviamente penso ai più svantaggiati, ma anche a tutto il mondo del volontariato che sta facendo un lavoro enorme per aiutarli. Al contrario, vediamo questo tipo di disprezzo”.

Nei commenti al post su Facebook, alcuni netizen hanno condiviso il punto di vista del presidente dell’associazione, mentre altri hanno dato ragione alla battuta, o addirittura ne hanno attaccato l’autore.

il post è stato rimosso

Tuttavia, dopo aver contattato il proprietario dell’auto, Philip van Cauenberghe ha finalmente cancellato il suo post. “Mi ha chiarito che voleva essere giocoso e scusarsi. Ha affermato di donare regolarmente ai senzatetto. Soprattutto, aveva paura delle ripercussioni per la sua famiglia, cosa che ovviamente non desidero in alcun modo”.

Tuttavia, questa storia solleva anche la questione dei messaggi personali sui tablet. “Questo rientra nella giurisdizione del DIV”, spiega David Quinaux, portavoce del distretto di polizia di Charleroi. Da parte nostra, possiamo intervenire solo se ci troviamo in una situazione di istigazione all’odio o alla discriminazione. E se la ricchezza o la povertà fanno parte dei criteri che giocano un ruolo, qui non abbiamo una situazione illegale. Detto anche, il titolare non voleva che la sua reazione comparisse sulle nostre colonne. da qualsiasi atto.

READ  Un negoziante di Tournai si annuncia stufo, il sindaco reagisce