Giugno 21, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Carlos Alcaraz sorvola Indian Wells e diventa di nuovo numero 1 al mondo | Tennis

Carlos Alcaraz sorvola Indian Wells e diventa di nuovo numero 1 al mondo |  Tennis

Il tennista più che perfetto Carlos Alcaraz ha vinto per la prima volta l’Indian Wells Masters 1000, battendo il russo Daniil Medvedev 6-3, 6-2 (6) domenica in California.

Il 19enne giocatore spagnolo ha colto l’occasione per subentrare al serbo Novak Djokovic, assente perché non vaccinato contro il Covid, il numero 1 al mondo che ha occupato per la prima volta nel settembre 2022, dopo essere stato incoronato agli US Open. Questo titolo è l’ottavo della sua carriera, in undici finali disputate. Terzo in questa categoria sotto il Grande Slam. È il più giovane dei nove giocatori ad aver ottenuto il “Sunshine Double”, che include anche la vittoria del Miami Open.

Vincitore in Florida lo scorso anno, il prodigio di Murcia avrà l’opportunità di difendere il suo titolo lì a partire dal prossimo fine settimana. E dovrà mantenerlo se vuole restare ai vertici del tennis mondiale, secondo l’ATP. Ha commentato con forza: “Vincere così, giocare bene, ti dà sicuramente molta fiducia. Spero di mantenere questo livello a Miami”.

Nel suo percorso vittorioso nel deserto della California, non ha mai perso un set. L’ultimo vincitore a fare bene è stato Roger Federer nel 2017. Ha inflitto a Medvedev la prima sconfitta in venti partite, pareggiando entrambe le teste. Lo spagnolo e il russo si erano incontrati solo una volta prima, nel secondo turno di Wimbledon nel 2021. All’epoca fu schiacciato da quest’ultimo.

traccia meteorica

Ma da allora, molto è cambiato. Chiamato a dominare il tennis mondiale nei prossimi anni, Alcaraz è stato su una traiettoria fulminea e irresistibile nell’ultimo anno. E nella “Iberian Speed” ha vinto sulla strada per Medvedev, ma è stato in gran forma nelle sue ultime settimane, vincendo tre titoli di fila a febbraio a Rotterdam, Doha e Dubai.

READ  Leicester e Rangers di nuovo in pista / C3 / Riepilogo / SOFOOT.com

Eccellendo in tutte le aree, dal servizio (76% di primi colpi riusciti) alla risposta, passando per scambi (19 tiri vincenti su 4) o salite aeree (10/13 tiri vincenti), riesce a mostrare forza. Raramente vediamo Medvedev, che ha preceduto Alcaraz nella lista degli US Open vincendo lì nel 2021, ma che ha anche tenuto il trono mondiale per alcune settimane l’anno scorso, ed è molto impotente in campo.

E il 27enne russo ha risposto: “Spero che mi dia una possibilità la prossima volta. Ho provato e riprovato (resistenza), ma è stato troppo facile per te”, riferendosi alla schiacciante superiorità del suo avversario in questa partita. Nonostante la delusione, può ritenersi soddisfatto della sua carriera in questo torneo, in cui non ha superato l’ottavo posto, dopo aver superato il dolore di una distorsione alla caviglia, durante l’ottava partita finale in cui ha sconfitto il tedesco Alexander Zverev, dopo più di tre ore di lotta intensa. . Non sembrava fisicamente debole contro l’Alcaraz, solo fradicio.