Febbraio 29, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Benoît Cosnefroy: “Software progettato per la registrazione” – Notizie

Benoît Cosnefroy: “Software progettato per la registrazione” – Notizie

Benoît Cosnefroy è pronto a dare il massimo. Dopo aver perso le vittorie dell'anno scorso – una rarità nella sua carriera – Norman intende riscoprire la gioia di alzare le braccia in questa stagione. E perché non dall'Etoile de Bessèges (2.1), in un evento che lo ha già inserito nella sua lista di premi nel 2020 e la cui traiettoria sembra ancora una volta largamente adattata alle sue qualità. Mercoledì pomeriggio, mentre la prima fase dell'evento non aveva avuto luogo, DirectVelo Sono andato all'hotel di allenamento Decathlon AG2R La Mondiale per valutare il 28enne. colloquio.

DirectVelo: L'Etoile de Bessèges sembra essere la gara perfetta per darti subito una buona dinamica!
Benoît Cosnefroy: È chiaro! Oggi (mercoledì) sulla carta il palcoscenico era perfetto. Lo sapevo, ne ho fatti 3 l'anno scorso. Purtroppo ci saranno ancora grandi opportunità per tutto il resto della settimana. E' bello essere qui, spero che potremo iniziare bene la stagione e che le cose vadano bene domani. L'inizio di stagione è sempre speciale. C'è un mix di adrenalina e stress, ci si chiede se andrà tutto bene e se la preparazione ripagherà.

Per la prima volta dal 2018, non ha vinto la scorsa stagione. Alzare le braccia in questa stagione è un requisito obbligatorio per una stagione di successo?
Concentrarsi esclusivamente sulla vittoria non è una buona cosa. Non sono sicuro che questo sia l'approccio migliore per la situazione. Il mio obiettivo è giocare. Se arrivo alle gare con molto relax, accadrà senza dubbio più velocemente che se insisto a volere quella vittoria. Alla fine della gara è importante prendere le decisioni giuste e, se vogliamo vincere a tutti i costi, non necessariamente facciamo le scelte giuste.

READ  Malaise chez les Bleus: Kylian Mbappé rifiuta di partecipare alle operazioni di sponsorizzazione avec l'équipe de France

“Non posso andare alle gare senza avere l'ambizione di brillare lì.”

Dopotutto, il tuo calendario di febbraio sembra essere stato progettato pensando a questo, così puoi giocare subito per la vittoria!
naturalmente! L’obiettivo è schierarmi nelle gare che mi si addicono bene. Inizialmente sarei dovuto tornare un po' più tardi, ma quando abbiamo visto il percorso di Bessèges ci siamo detti che poteva essere davvero interessante per me. Ho il mio programma fino alle Ardenne, con alcuni punti e obiettivi fissati fino ad allora. Ho un programma pensato per fare gol, soprattutto qui a Pisig. Sono venuto qui per provare a vincere la tappa. Tuttavia, l’obiettivo numero 1 rimane il WorldTour. Non è facile vincere lì, ma Strade Bianchi, Milano-San Remo e poi le Ardenne sono obiettivi veri. Un piazzamento sul podio o addirittura tra i primi cinque sarebbe davvero molto positivo, perché segnare lì sarebbe necessariamente meno facile.

Non tornerà alle Flandriennes la prossima primavera. Ma questo significa che rinunci completamente a queste avversità?
Ciao ! Non penso che sia finita. Onestamente, l'ho adorato. Durante queste gare ci entusiasmiamo e ho voglia di tornarci. Ma per quanto riguarda la mia situazione nella squadra, non posso andare alle gare senza l'ambizione di brillare. Non sento di poter ottenere questi grandi risultati nelle Fiandre. È difficile entrare tra i primi cinque in questo momento, in questa fase della mia carriera. Non posso venire a fare il numero. Quindi preferisco starne lontano per ora, ma ho intenzione di ritornarci tra qualche anno.

“Non ho ancora trovato la cosa.”

Poi le Ardenne? Essendo arrivato a pochi millimetri dalla vittoria ad Amstel due anni fa, immaginiamo che tu abbia ancora quel sogno di aggiungere un risultato alla tua lista di successi…
È ancora un grande ricordo. Quando attacchiamo l'ultimo rettilineo due uomini Amstel (Afek Michal Kwiatkowski, NDLR)Sono sensazioni incredibili. Ma ovviamente devo lottare per questa vittoria, sapendo che ho già corso due gare alla Freccia Vallone, anche se non nelle stesse condizioni. Quello che è certo è che queste sono le gare in cui mi sento meglio. Questi sono i profili su misura per me, che mi piacciono e che non troviamo spesso nel calendario, fatta eccezione per alcune gare come Quebec-Montreal, Plouay, o anche la Coppa del Mondo in certi anni.

READ  Giroud: Arnaud Démare organizza lo sprint a Messina e apre il suo sportello nel 2022

Finora il Tour de France non è stato un successo per te. Tornare quest’anno è ancora un’opzione ovvia?
Importante. È una gara così dura che non è solo una questione finanziaria. Finora è vero che non ha mai funzionato per me. Onestamente, non so davvero perché. Ma comunque, come regola generale, non cammino molto nelle gare a tappe del WorldTour. Alla Parigi-Nizza, anche se ero all'inizio della mia carriera, o alla Tirreno-Adriatico, c'erano tappe che mi si adattavano bene e non avrei mai potuto fare meglio di così. Tuttavia, mi piace andare a queste gare e anche svolgere il mio ruolo di membro della squadra. Questi sono comunque momenti importanti della stagione, in cui a volte ho meno pressione. Devo ancora trovare il trucco per vincere una tappa in queste gare. Non lo so, forse è solo il mio corpo (ride), e il mio profilo. Giocare una tappa del Tour nella terza settimana non è la stessa cosa di una gara di un giorno. Qualunque cosa accada, mi piace comunque molto il Tour de France. E' una gara eccezionale.