Agosto 7, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Barry Callebaut: il produttore di cioccolato interrompe la produzione presso la più grande fabbrica di cioccolato del mondo, situata in Belgio

Il gruppo svizzero Barry Callebaut, leader mondiale nella preparazione di cacao e cioccolato, ha dichiarato giovedì di aver interrotto la produzione di cioccolato nel suo stabilimento di Wiese (Belgio), che è il più grande del mondo, dopo la scoperta della salmonella.

La presenza dei batteri è stata rilevata lunedì”.In un lotto di produzione fabbricato a Wieze“.”I nostri esperti di qualità hanno identificato la lecitina come fonte di contaminazione‘”, sottolinea il grossista in un comunicato stampa.

Un portavoce dell’Agence France-Presse ha dichiarato:La maggior parte dei prodotti contaminati si trova ancora nello stabilimento di Wieze“E che il gruppo stava contattando i suoi 73 clienti (grandi produttori e artigiani) per assicurarsi che ci fosse”Nessun inquinamento a livello di consumatore“.

Barry Callebaut ha informato le autorità sanitarie belghe, l’Agenzia federale per la sicurezza della catena alimentare (AFSCA) e “Tutte le linee di produzione del cioccolato a Wieze sono state chiuse, per precauzione“.

Tutti i prodotti di cioccolato realizzati a Wieze sono vietati dopo il 25 giugno‘, aggiunge il comunicato, precisandoloTutte le linee di produzione del cioccolato saranno pulite e sterilizzate prima della riproduzioneL’impianto si trova a circa 30 km a nord-ovest di Bruxelles.

La FASFC ha visitato il sito e ha indicato di aver aperto un’indagine in merito a “Raccogli tutte le informazioni per tracciare la contaminazione“.

Distribuzione in tutto il mondo

La sicurezza alimentare è di fondamentale importanza per Barry Callebaut e questa contaminazione è davvero eccezionale. Abbiamo una carta e procedure di sicurezza alimentare ben definite‘”, conferma al gruppo.

L’annuncio arriva poche settimane dopo un caso di cioccolato contaminato da salmonella presso lo stabilimento Ferrero di Arlon (Belgio meridionale) per la produzione di cioccolato Kinder. Le autorità sanitarie belghe hanno annunciato il 17 giugno di aver dato il via libera al riavvio della fabbrica del colosso italiano per un periodo di test di tre mesi.

READ  Ce gadget est une aubaine pour les voleurs

Il gruppo svizzero Barry Callebaut fornisce preparazioni di cacao e cioccolato a molte aziende del settore alimentare, dai giganti del settore come Hershey, Mondelez, Nestlé o Unilever ai professionisti della pasticceria.

Numero uno a livello mondiale nel settore, le sue vendite annuali sono state di 2,2 milioni di tonnellate durante l’anno fiscale 2020/2021 (terminato il 31 agosto).

Nell’ultimo esercizio finanziario, il gruppo, con sede a Zurigo, ha generato un utile netto di CHF 384,5 milioni contro CHF 7,2 miliardi di fatturato.

Il gruppo, che impiega più di 13.000 persone, ha più di 60 siti produttivi in ​​tutto il mondo.

in Aprile, Il produttore di cioccolato Ferrero ha dovuto chiudere la sua fabbrica di cioccolato ad Arlon dopo la contaminazione da salmonella. La stazione è stata autorizzata a riavviare solo a giugno a determinate condizioni.