Agosto 12, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Coronavirus, sciopero: cosa dovrebbero sapere i belgi che vogliono andare in Francia

Lo sciopero dei vigili del fuoco all’aeroporto di Parigi Charles de Gaulle (CDG) dovrebbe interessare il traffico aereo. Il CEO di SNCF ha anche raccomandato ai passeggeri di togliersi le maschere.

Tempo di lettura: 3 minuti

SMercoledì, abbiamo appreso dal direttore dell’aeroporto e dalle autorità che solo il 10% dei voli in partenza o in arrivo a Parigi Charles de Gaulle (CDG) giovedì sarà cancellato a causa del movimento sociale.

A seguito di questo sciopero, che colpisce i vigili del fuoco del più grande aeroporto francese sullo sfondo di trattative salariali che potrebbero estendersi ad altre categorie di dipendenti, la Direzione Generale dell’Aviazione Civile (DGAC) ha chiesto alle compagnie aeree di cancellare parte dell’orario dei voli. Pertanto, saremo in grado di garantire oltre il 90% dei voli al giorno”, ha detto all’AFP il gruppo ADP (Aeroporti di Parigi).

“Invitiamo i passeggeri a controllare le notizie sui voli con il loro vettore e ad anticipare il loro arrivo in aeroporto: tre ore per un volo internazionale, due ore per un volo nazionale o europeo”, ha affermato l’ADP. Dalla stessa fonte, “Groupe ADP è in costante contatto con i vari attori operativi della Parigi-CDG, compagnie aeree e aeronautica, per ridurre l’impatto di questi scioperi” e informare i passeggeri.

Da parte sua, Air France, uno dei principali utilizzatori di Paris Charles de Gaulle, segnala di aver dovuto cancellare più del 10% dei suoi voli a corto e medio raggio in decollo o atterraggio da CDG, ovvero 62 voli. movimenti aerei. I voli lunghi non saranno interessati. “Il nostro programma di volo è aggiornato” e i passeggeri interessati sono stati informati, anche se “non sono esclusi ritardi e cancellazioni dell’ultimo minuto (…)”, ha affermato un portavoce.

La maschera “Altamente consigliato” nelle stazioni e nei treni

Jean-Pierre Varandou, CEO di SNCF, mercoledì ha invitato i viaggiatori a indossare nuovamente la mascherina nelle stazioni e nei treni francesi, di fronte al rimbalzo dell’epidemia di Covid-19, anche se non era obbligatorio.

“Siamo pienamente d’accordo con una forte raccomandazione, sia per i nostri dipendenti che per i viaggiatori, di indossare una maschera”, ha dichiarato a France Inter. « On voit bien qu’il ya un rebond de l’épidémie (…) Porter le masque dans les gares, porter le masque dans les train, je pense que c’est la meilleure façon de se protéger», at- he aggiunge.

“Dobbiamo proteggere i nostri dipendenti, dobbiamo proteggere i nostri passeggeri”, ha affermato il CEO. “Non c’è nessun obbligo”, ha ammesso il signor Varando. Facciamo appello al senso civico delle persone. Dal 16 maggio la mascherina non è più obbligatoria sui mezzi pubblici.

Mercoledì anche l’operatore di autobus a lunga percorrenza FlixBus ha annunciato di “incoraggiare i suoi passeggeri a restituire la mascherina sui suoi autobus e alla stazione”, rilevando “il costante aumento del numero di casi positivi in ​​Francia”.

La società ha aggiunto in un comunicato stampa che FlixBus vuole “garantire la salute dei suoi passeggeri e dipendenti durante l’estate che promette di essere un record di presenze”.



Queste “raccomandazioni”, prive di “natura obbligatoria”, arrivano in un momento in cui la diffusione dell’epidemia di Covid-19 è raddoppiata “in una settimana in quasi tutte le parti della capitale e in tutte le fasce di popolazione”, secondo Matignon.

READ  Pourquoi le prix de l'énergie a augmenté deux fois plus vite en belgique que dans les pays voisins