Febbraio 5, 2023

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Aumento dei prezzi, non è ancora finita: aspettati uno “tsunami” nel marzo 2023

Lo aveva avvertito Michel Edouard Leclerc, che si aspetta un vero e proprio “tsunami” il prossimo marzo, e non è ancora finita. Perché ? Al momento sono in corso trattative con i produttori, che dovrebbero concludersi a febbraio. Che si tratti dell’industria alimentare, dei prodotti per l’igiene o delle farmacie, l’esplosione dei costi sta minando la redditività delle fabbriche. L’industria alimentare è un grande consumatore di energia.

Leggi anche: Dove acquisti in vacanza?

Alcuni gruppi hanno visto le loro bollette energetiche moltiplicarsi per cinque o dieci! Per alcune aziende, l’unica soluzione è fermare la produzione (parzialmente). È il caso in particolare del gruppo Cofigeo (William Saurin, Garbit, ecc.) che ha annunciato arresti di produzione in quattro dei suoi otto stabilimenti, l’80% della sua produzione.

Pertanto, le trattative tra fornitori e grandi rivenditori saranno tese. Si parla di aumenti dal 10 al 20%, ma i distributori cercano di fare pressione sui produttori, in nome del potere d’acquisto dei consumatori. Tuttavia, stiamo vedendo il prezzo delle private label aumentare più fortemente del prezzo dei marchi nazionali, il che testimonia il passaggio dei costi, sperando che questi non siano opportunistici per aumentare i margini.

I marchi nazionali sanno che devono fare uno sforzo per mantenere un livello minimo di competitività, ma non possono comunque abbassarsi davanti ai distributori rischiando di perdere la produzione. Molte aziende sono effettivamente in rosso e non hanno altra scelta che ridurre la loro produzione in attesa di negoziazioni di successo con i distributori.

Se ancora non mancano, alcune referenze potrebbero esaurirsi nelle prossime settimane.