Giugno 23, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Elezioni europee: le frasi migliori dal vivace dibattito tra Attal e Bardella

Per circa un’ora e 20 minuti, il primo ministro e il leader del Raggruppamento Nazionale, capolista del partito di estrema destra, hanno discusso in prima serata, scambiandosi solo un tono fermo e offensivo. Le discussioni civili dei primi minuti lasciò il posto a scambi più aspri.

Il campo presidenziale ripone grandi speranze in questo dibattito, mentre la lista guidata da Valérie Heyer è nettamente indietro nei sondaggi rispetto alla lista del Front National, e si ritrova seguita da vicino dalla lista di Raphaël Glucksmann (PS-Place Publique).

Questo confronto faccia a faccia simboleggia anche in qualche modo l’emergere di una nuova generazione di leader politici in Francia, con il primo ministro più giovane (35 anni) che affronta un leader dell’opposizione sempre più popolare, che ha solo 28 anni.

“Io non sono come te, che cambia idea su tutto. Che non accetta le dichiarazioni precedenti. Dice: ‘Vogliamo lasciare l’Europa’ e poi: ‘Finalmente vogliamo restarci’ L’Europa: “Alla fine, vogliamo restarci”, ha attaccato il primo ministro.

Elezioni europee in Francia: i risultati dei sondaggi danno un grande vincitore

Il signor Bardella ha risposto: “Ci sono domande sul progetto che stiamo realizzando per il Paese che vogliamo realizzare, questo è un dato di fatto. Invece non ci sono dubbi sulla vostra valutazione”.

I temi discussi – mercato unico, tariffe, auto elettriche, immigrazione, difesa – hanno rivelato, senza sorprese, linee di frattura abbastanza chiare tra i due campi.

Uno degli scambi più accesi si è concentrato sulla Russia. “Il vostro partito, il partito della Le Pen e di Jean-Marie Le Pen, aveva bisogno di soldi, e la Russia aveva bisogno di un partito in Europa proprio per indebolire l’Europa dall’interno”. “Potreste aver ripagato i vostri debiti, avete un contratto morale con loro”, ha attaccato Attal al Parlamento europeo.

READ  Salma di Giordania: principessa militare

Russia? “sotto la cintura”

“Non è al livello del Primo Ministro francese avere tali argomenti a suo carico”, ha risposto l’eurodeputato della RN.

Riguardo alla preferenza nazionale, che è lo slogan del programma RN, il signor Atal voleva chiedere: “Come si fa? Tagliare le gambe alle nostre aziende?”

“Suppongo di voler porre fine alla creduloneria”, ha risposto Jordan Bardella.

La stessa disamina del concetto di “doppio confine” sostenuto dal Fronte Nazionale: “Come si fa?” si è chiesto il primo ministro, denunciando l’idea “fumosa”. “È chiaro che non controlleremo tutti”, ha sottolineato Bardella, riferendosi ai “meccanismi di agevolazione” per i “lavoratori frontalieri”.

I due relatori si sono concentrati sulla questione dell’immigrazione. Attraverso “la sua presentazione dell’argomento, ascoltandola, sentiamo che dietro ogni straniero, ogni immigrato, c’è un delinquente e un potenziale terrorista, e lo trovo disgustoso”, ha detto Attal.

“È il contrario: credo che quasi tutti i casi di devianza e criminalità siano legati all’incapacità di controllare i nostri flussi migratori”, ha risposto Bardella.

Il capo del partito Raduno Nazionale si è anche fatto beffe delle “ambizioni ambientali irrealistiche” del governo e della maggioranza, con il divieto dei veicoli termici nel 2035. “Veicoli nuovi”, ha detto Gabriel Attal.

Il primo ministro ha aggiunto: “Sembra che viviate in un mondo dove abbiamo il petrolio in Francia (…) e dove il petrolio non inquina”.

Il dibattito è stato trasmesso anche sul canale di notizie Hugodecrypte su YouTube, che conta 2,66 milioni di abbonati, nonché sul canale YouTube “C quoi l’info?” Da France Télévisions, con l’obiettivo di attirare un pubblico più giovane.

I concorrenti della maggioranza e del Partito Raggruppato Nazionale hanno espresso la loro rabbia per questo dibattito tra due persone. Il primo segretario del PS Olivier Faure, così come il presidente dei Républicains (LR) Eric Ciotti, hanno scritto ad Arcom, l’autorità di regolamentazione dei servizi audiovisivi, per chiederle di “imporre” la “parità di trattamento” a France Télévision.

READ  Quali tipologie di vino scegliere per non farveli scappare durante le feste? I nostri consigli!