Marzo 2, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Aryna Sabalenka, vincitrice dell'Australian Open: “Ho dimostrato che posso essere costante”

Aryna Sabalenka, vincitrice dell'Australian Open: “Ho dimostrato che posso essere costante”

“È stato importante per te vincere il tuo secondo Grande Slam per dimostrare che il primo non era stato solo un colpo di genio?
In effetti, ho sempre pensato di non voler essere quel giocatore che vince e poi scompare. Volevo dimostrare che posso essere coerente. Spero davvero di vincere di più, ma questo per me è stato molto importante. È tutta una questione di processo e disciplina, assicurarti di essere ancora lì e continuare a lavorare sodo.

Come hai vissuto l'avvicinamento a questa finale rispetto allo scorso anno, che si disputò a settembre agli US Open?
Direi che è stato un po' diverso. Credo di non essere stato molto emotivo in campo, ma prima della partita era lo stesso. Rispetto all’anno scorso non sono affatto lo stesso. Come ho detto, ho più controllo e non lascio che altre cose mi confondano la mente, mi concentro su me stesso. Questa è una grande differenza.

“So che per tutta la vita non ho perso tempo e ho fatto la cosa giusta. Sono dove dovrei essere, questo è molto importante”.

Pensi di dare il massimo sui campi in cemento o pensi di poter ottenere gli stessi risultati su altre superfici?
Penso di aver dimostrato l’anno scorso di poter giocare su tutte le superfici. Ho perso in semifinale al Roland Garros e a Wimbledon e mi sento emotivamente perso, anche se avevo a che fare con giocatori molto bravi. (Mushova e Gabor). Ma se continuo a lavorare come sto facendo adesso, sono sicuramente in grado di fare la stessa cosa su terra ed erba.

READ  Deviazione di un fiume e di una spiaggia sconosciuta: la giustizia brasiliana allucina la scoperta dell'atto illegale compiuto su Neymar

Ora che hai vinto due tornei del Grande Slam, sembra che tu stia acquistando sicurezza e voglia condividere queste cose con tutti…
È molto importante essere aperti. Voglio davvero connettermi con i miei fan e assicurarmi che conoscano la mia storia e che possa ispirare gli altri. Vincere due titoli del Grande Slam mi ha sicuramente dato più fiducia in me stesso. So che per tutta la vita non ho perso tempo e ho fatto la cosa giusta. Sono dove dovrei essere, questo è molto importante.

La tua prima vittoria nel Grande Slam a Melbourne l'anno scorso ti ha permesso di giocare più liberamente, o è sempre la stessa cosa?
Sai cosa? Pensavo davvero che dopo l'anno scorso mi avrebbe aiutato a essere più libero e a non preoccuparmi delle cose. Ma non è proprio così. Ti senti ancora lo stesso. Prima vedevo tutti questi campioni piangere dopo ogni vittoria del Grande Slam e mi dicevo: “Dai, l'hai fatto 15 volte. Perché piangi ancora?” Oggi non sono ancora arrivato a quel punto, ma sento di capire perché continuano a piangere. (Sorride.)

“Se fossi la stessa persona dentro e fuori dal campo, penso che non avrei un'intera squadra intorno a me e sarei da solo.”

READ  Philippe Albert lamenta che Mbokani sia stato ignorato dallo Standard: "Ovviamente avrebbe fatto un favore!"

Nel backstage ti vediamo spesso ballare con la tua squadra e riscaldarti con i palloncini. È importante per te sfruttare il tempo tra una partita e l'altra?
Sì, penso che sia tutta una questione di divertimento e di godersi il processo. Facciamo sempre un sacco di cose pazze con la squadra. Mi aiuta a rimanere concentrato sul campo. Stiamo solo cercando di mantenerlo semplice.

La tua personalità in campo, dove intimidisci l'avversario, sembra completamente diversa da quella fuori dal campo. Devi dedicare del tempo a diventare un'altra Arena sul campo?
Se fossi la stessa persona dentro e fuori dal campo, penso che non avrei un'intera squadra intorno a me e sarei da solo. (Sorride.) Mi ci è voluto molto tempo per arrivare dove sono oggi sul campo, per controllarmi e capirmi meglio. Sì, è un lungo viaggio e una lunga strada da percorrere…”