Marzo 3, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Apple sfida Meta con gli occhiali per la realtà mista

Apple sfida Meta con gli occhiali per la realtà mista

PARIGI (AWP/AFP) — Lunedì Apple ha svelato la sua prima grande innovazione in più di sette anni, un visore per la realtà “mista” (virtuale e integrato) che potrebbe infliggere un colpo fatale al “metaverso”, un misterioso concetto di 3D internet immersive che detiene il suo rivale Meta, secondo gli specialisti.

Tim Cook, chief brand officer di Apple, non ha mai menzionato il termine “metaverso” mentre introduceva “Vision Pro”, un casco simile a una maschera da sci che consente all’utente di scegliere il grado di immersione desiderato, grazie a una ruota che gira dalla realtà aumentata (AR, sovrapposizione di oggetti virtuali sulla realtà) alla realtà virtuale (VR, full immersion).

“Tim Cook ha detto pubblicamente che non gli piace usare quella parola e che non pensa che abbia alcun significato reale”, ha dichiarato James Whatley, chief strategy officer dell’agenzia di marketing Diva.

Tuttavia, con questo “nuovo prodotto rivoluzionario”, commercializzato a partire da 3.499 dollari all’inizio del prossimo anno, il colosso tecnologico californiano sta già mettendo piede sul terreno del suo concorrente Meta (Facebook, Instagram, ecc.) e del suo casco Quest Pro, che costa € 1.199. .

Il gigante dei social media sta attualmente dominando la realtà virtuale: i suoi visori a marchio Quest rappresentavano oltre l’80% del mercato alla fine del 2022, secondo Counterpoint.

Alla fine del 2021, Facebook Meta ha avuto l’idea di diventare un’azienda del metaverso, che il suo presidente Mark Zuckerberg ha descritto come il futuro di Internet, dopo il web e il mobile.

Ma questa nuova priorità strategica è stata afflitta da lanci falliti, grafica poco chiara, mancanza di un chiaro percorso verso la redditività e la sensazione generale che poche persone sappiano ancora di cosa si tratta.

READ  La Sommelière, leader europeo delle cantine vinicole, festeggia i suoi 30 anni!

“Prima Meta si allontana da quella parola, meglio può combattere l’insinuazione di Apple in quello spazio”, ha detto James Whatley, mentre Reality Labs, la divisione Metametaverse, ha perso finora $ 4 miliardi.

“Potenziale a lungo termine”

Secondo Tom Fisk, che gestisce la newsletter specializzata di Immersive Wire, Apple sta adottando una strategia diversa.

“Apple non sta cercando di costruire un grande ecosistema (…) con un dispositivo più economico, come Meta con la gamma Quest”, afferma. “L’azienda sta invece cercando di monetizzare una sottosezione già redditizia del suo pubblico attraverso abbonamenti e programmi ad alto margine”.

“Apple ha giustamente, in modo molto tradizionale, radicato questa tecnologia in esperienze del mondo reale”, aggiunge Whatley. Una visione che contrasta, secondo lui, con una meta-visione, e consiste nel “creare un avatar olografico di te stesso con gambe che possono esistere o meno in un mondo dove non c’è niente da fare”.

È sufficiente per far dire a Martin Peers, del sito Web di nuove tecnologie The Information, che Apple ha fatto sembrare il Meta come BlackBerry, il defunto produttore canadese di smartphone, fornendo “una visione credibile del potenziale a lungo termine della realtà aumentata”.

Tuttavia, gli analisti rimangono divisi sulla probabilità che tali prodotti decollino con il mainstream, anche se la tecnologia immersiva è ancora agli inizi, e alla fine ci sarà abbastanza spazio per entrambi, giganti della Silicon Valley.

Soprattutto da quando Google ha abbandonato i Google Glass il mese scorso, occhiali per realtà aumentata che non hanno mai trovato il loro pubblico.

afp/rp