Giugno 30, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Angel accende “The Nonante-Cinq Tour”

Sono passati più di due anni da quando Angell ha cantato in Belgio. Lunedì sera è tornata nella capitale per il “Nonante-Five Tour”, prima di tornare cinque volte a dicembre, al Forest National e allo SportPaleis. Il suo ultimo tour è stato interrotto poco prima dell’inizio della pandemia. “La vita senza di te è triste da morire / Quello che dico è vero e se possiamo, ci troveremo”, dichiara “più logico”, che naturalmente funge da apertura. Per ritrovare il pubblico, l’artista 26enne ha voluto tornare con uno spettacolo molto curato, tante immagini e l’ambizione di competere con le grandi produzioni americane.

Indossando una giacca gialla, un pettorale rosso e una gonna nera ricamata, in riferimento alla bandiera del Belgio, Angel attinge dal repertorio del suo primo album, rotolo, per la prima parte dello spettacolo “You’re Looking at Me”, “Yes or No” o anche “Forget Everything”, titolo in comune con suo fratello. Spesso presente durante il suo precedente tour, quest’ultimo sarà sostituito questa volta da karaoke, illustrazioni di coccodrilli e il logo del rapper. Durante tutto il concerto, il pubblico, composto principalmente da bambini e ragazzi, sarà più propenso a cantare insieme alle vecchie canzoni. Va ricordato che i suoi primi lavori hanno venduto più di un milione di copie e hanno monopolizzato il rating belga per diversi mesi.

È accompagnato sul palco da sei ballerini oltre a un chitarrista, bassista, batterista e tastierista. Angel segue a colpo sicuro la coreografia firmata da Mehdi Karkouch. Tutto è a posto. Le prestazioni tecniche di Linkebeekoise sono quasi impeccabili. La sua voce, sono riuscito a tenere il passo con una buona dose di AutoTune. Il che, inoltre, le dà un tono automatico una volta che si rivolge al pubblico. È in qualche modo simile alla sua performance. Niente spicca, tutto è raffinato, conservato, riflesso. Quello che Angel ha guadagnato tecnicamente, sembra aver perso la sua originalità.

READ  Christophe Beaugrane ha ricevuto lettere minatorie da un politico: "Dovresti finire in prigione"

inevitabile evoluzione

il suo secondo album, novantacinqueha annunciato il colore. tempo innocente rotolo è finita. Angel è decisamente cresciuto. I suoi interessi non sono più quelli che erano quando aveva poco più di vent’anni, come la sua vita e il suo prestigio. Tutto è diventato più grande e più intenso. Il suo nuovo tour non può che rappresentare questo sviluppo. Niente più correre, pistole di plastica sparate durante “La Thune” o estetiche colorate, un po’ retrò e piene di umorismo. Ora lascia il posto ai costumi firmati Chanel, agli effetti video diversi per ogni canzone o all’uso del grembiule per la canzone “Perdus”.

I momenti migliori dello spettacolo rimangono quando la donna di Bruxelles riposa dietro il suo pianoforte, come per la sua cover di “Taxi” o per la tradizionale “Bruxelles” di Dick Annegarn. Le interpretazioni sono tutte in sobrietà e respiro di benvenuto in una presentazione molto dinamica. Anche “Fever”, un duetto con Dua Lipa, colpisce il pubblico. Anche l’estetica della festa ci ricorda regolarmente la bellezza dell’artista inglese, venuta a SportPaleis la scorsa settimana. Qualcuno potrebbe aver sperato di vedere la sua terra dopo aver visto che i due artisti si erano conosciuti l’altro ieri a Parigi. Tuttavia, sono rimasti sorpresi nel vedere Damsu arrivare per spiegare “Demoni”.

Questo nuovo tour, pensato direttamente per i grandi locali (a differenza di quelli in rotolo che prima ha attraversato luoghi più piccoli come Ancienne Belgique o Reflektor prima di investire nel Palais 12), non ha più nulla a che fare con ciò che sappiamo di Angèle. Questa non è una brutta cosa. È diverso. Potrebbe volerci del tempo per comprendere questa nuova interfaccia. Ma siamo sicuri che finiremo per adottarlo.

READ  Esperienza Mauvaise: Caroline harcelée depuis son passage dans «Mariés au premier regard»