Febbraio 23, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Alessandro, vittima di una truffa, ha perso quasi 7mila euro: la banca è obbligata a risarcire?

Alessandro, vittima di una truffa, ha perso quasi 7mila euro: la banca è obbligata a risarcire?

Alexander, defraudato da un truffatore, non riesce ancora a crederci: a causa di una manovra fraudolenta, il suo conto bancario è stato svuotato con un'operazione del valore di oltre 6.900 euro. Tutto è iniziato il 10 gennaio quando ha ricevuto una telefonata da qualcuno che si fingeva un dipendente della ING Bank.

Quest'ultimo ha riferito telefonicamente di alcune presunte transazioni fraudolente sul suo conto. Suggerisce quindi, a titolo precauzionale, di trasferire i suoi soldi su un conto sicuro. “Mi ha detto che era di ING e conosceva il mio nome, indirizzo, cosa avevo nei miei conti e i numeri delle mie carte. Sapeva tutto di me ed è per questo che mi sono fidato di lui. Alla fine, senza alcun dato, ha capito come prendere tutti i miei soldi“, lui spiega.

6.900 euro in meno di acconto e 1.800 euro di acquisti con carta Visa. Alexander vuole ricevere un risarcimento dalla sua banca, ma al momento la situazione è bloccata. “ING ha chiuso il caso dopo tre giorni di indagini. Spiegano che non sanno fare nulla“.

In caso di frode, le indagini vengono analizzate caso per caso. Quando la banca riceve queste informazioni, è obbligata a risarcire l'importo al portatore, a meno che non sospetti da parte sua una frode o una negligenza grave, cosa che deve dimostrare.

READ  La straordinaria scoperta di questo osservatorio che potrebbe cambiare le tue abitudini!

Qualsiasi negligenza da parte dell'utente può comportare la cancellazione del risarcimento. Pertanto è necessaria la massima cautela. “Per proteggervi non dovreste mai crittografare i dati bancari tramite un collegamento ricevuto, ad esempio tramite un messaggio. Fai attenzione anche se ricevi una chiamata da un presunto impiegato di banca“, avverte Charlene Gores, portavoce di Viblevin.

Quando è stata contattata, ING non ha voluto fornire informazioni precise sul caso di Alexander.