Aprile 18, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Agnès Jaoui: “È bene condannare questo cinema che ha spogliato le ragazze dei loro vestiti e le ha consumate”.

Agnès Jaoui: “È bene condannare questo cinema che ha spogliato le ragazze dei loro vestiti e le ha consumate”.

Durante la recente cerimonia dei César, quando è diventata la donna più onorata nella storia della cerimonia, Agnès Jaoui, solitamente un po' assertiva, è stata sorprendentemente riservata. “Scelgo di essere allegro e di cantare la mia canzoncina”.“, dice sorridendo. Una spiegazione ne nasconde un'altra. Il suo malcontento sarà la fonte del suo prossimo successo.

“Penso che sia positivo che non veneriamo più i mostri o chiunque altro, in realtàAggiunge quando le viene chiesto di MeToo. È bene condannare questo cinema che mette a nudo le ragazze e le consuma. Anche fuori dai giochi a volte. Questo deve essere condannato. E poi a volte ci sono degli eccessi. Infatti scrivo tutto nel mio film. Questo è l'argomento, tra le altre cose.

L'ho scritto insieme a diversi sceneggiatori. “È impossibile sostituire Jean-Pierre (Bacre), quindi scrivo con diverse persone. “È un modo per evitare il grande dolore causato dall’assenza di Jean-Pierre”. Aggiungendo il tuo granello di sale. “Non so fare diversamente. “Quindi forse non sarà così divertente, non lo so, ma penso che sarà comunque un po' divertente.”

L'argomento resta delicato. Agnes Jaoui ci ha pensato a lungo prima di andare avanti. “Cosa potevo sapere che non ho detto? Non è facile interferire nella vita privata delle persone. Non è facile denunciare e scoprire esattamente di cosa si tratta. Ho visto persone sopportare atteggiamenti scortesi perché lei è la star. Ecco perché è bene che nulla sia più sacro: è intollerabile. Non dobbiamo accettarlo.”

Agnes Jawi rompe lo schermo La vita di mia madre

Mentre aspettava di tornare dietro la telecamera, ha rotto lo schermo La vita di mia madre, un ritratto tenero, toccante, dolce e divertente di una madre bipolare che vuole vedere suo figlio più spesso… e che le complica la vita. “La sceneggiatura era fantastica e il film ancora migliore. C'è una leggerezza che non ti aspetti. La malattia raramente viene trattata con umorismo, e questo è davvero fantastico. Capivo che poteva essere divertente, ma non pensavo che mi avrebbe fatto piangere così tanto.

READ  La mia onesta opinione su questo prodotto per capelli da 1€

Uscite cinematografiche: Agnès El Jaoui in uno dei suoi ruoli più belli, quello di una madre bipolare che ama la libertà

La depressione maniacale la colpisce di più perché una delle sue amiche ne soffre. “Molte cose mi hanno colpito: una grande precisione delle emozioni e anche i sensi di colpa. La madre si sente in colpa, il figlio si sente in colpa e io mi sento in colpa. Non sappiamo cosa fare di questo dramma che è la malattia, ma allo stesso tempo possiamo conviverci. In effetti, la difficoltà di dare e ricevere amore è qualcosa che mi tocca profondamente.

Ci sono altri punti comuni? “Una feroce voglia di vivereaggiunge. Amare e trasmettere il tuo amore a tuo figlio, anche se non lo desidera da molto tempo. Non penso di soffrire di depressione maniacale, ma non mi è del tutto estranea. Posso sentirmi euforico e depresso allo stesso tempo senza problemi.

Condivide anche questa donna molto libera, piena di fantasia, la passione per il karaoke. (“Sono un fan delle cover”) E ballare. “Ecco perché faccio questo lavoro, per vivere 12.000 vite e 12.000 personalità. Sono iperattivo. Come tutte le persone iperattive, mi sento molto pigro. Ma a parte questo, mi piace il cambiamento di ambiente. Passare dall'opera al cinema o ad altri musicisti, per me è un antidepressivo.

La vita di mia madre È un'altra cosa che fai brillantemente.

Agnès Jaoui: “L’assenza di desiderio è violenta”

Lei sostiene l'eutanasia

In un caso raro, lontano dai soliti cliché cinematografici, Agnès Jaoui interpreta una madre che ama flirtare nei bar e ha… “Voglio fare sesso”. “È bello dimostrarlo.”, lei spiegò. Prima di concentrarsi sull'età. “Vedendo la sua giovinezza, la sua bellezza scomparire, è passato così tanto tempo da quando l'ha lasciata. Poi, soprattutto, amo me stesso. Ma vedere le persone ammalarsi o perdere la testa non è una cosa felice. Attualmente l’eutanasia non è consentita. Non capisco perché non possiamo procurarci farmaci sempre più forti in modo da poter andarcene in pace, completamente incazzati, e smettere di preoccuparci. In Belgio, ecco perché siete più avanti di noi. In Francia spero che passi. C'è qualcosa che non va in questa grande vecchiaia. “Non voglio vivere fino a 120 anni ed essere un peso per i miei figli”.

READ  L'arrivo di Kate Middleton con Charlotte e George per l'omaggio a Philip

Un altro argomento affrontato in modo bello e tenero La vita di mia madre.