Aprile 24, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

8 Ursa Minoris b, il pianeta che ha rifiutato di morire

8 Ursa Minoris b, il pianeta che ha rifiutato di morire

Planet 8 Ursae Minoris b rappresenta un’anomalia astronomica, un enigma scientifico e una sfida astrofisica. Questo gigante gassoso, situato nella costellazione dell’Orsa Minore, sembra essere sfuggito all’impossibile: la morte annunciata della sua stella. riassume Dimitri Veras, astrofisico dell’Università britannica di Warwick e membro del team internazionale di scienziati Che ha pubblicato un articolo sulla rivista Nature, mercoledì 28 giugnosul tema dell’enigma 8 Ursua Minoris b, detta anche Halla.

La scena si trova a 520 anni luce dalla Terra, ai margini della Via Lattea. Lì, la stella Baekdu, molto più grande del nostro Sole, sembra vivere i suoi ultimi milioni di anni. Non lontano da lei, Halla, due volte più vicina alla sua stella di quanto la Terra lo sia al Sole, avrebbe dovuto accettare l’inevitabile: essere inghiottita dalla sua stella morente.

Stelle cannibali

Infatti, il processo di fine vita di una stella è noto agli astrofisici ed è fatale per pianeti molto vicini. Avendo esaurito tutto il loro idrogeno, queste “vecchie” stelle iniziano a pompare il loro elio, che le fa crescere in modo esponenziale prima che alla fine si rimpiccioliscano, private di qualsiasi combustibile interno, per diventare stelle morte.

Baekdu è entrata in questa fase di espansione. Quello che di solito accade dopo è che queste stelle “ingoiano” i pianeti sul loro cammino. Questo cannibalismo è stato teorizzato decenni fa, ma non è stato osservato per la prima volta fino a maggio 2023, quando gli astronomi hanno visto la stella in espansione. ZTF SLRN-2020 che digerisce un pianeta delle dimensioni di Giove.

Questo è anche ciò che dovrebbe accadere nel nostro sistema solare tra cinque miliardi di anni. sul suo letto di morte, Il sole crescerà per inghiottire Mercurio, Venere, Marte e forse anche la Terra. Gli scienziati non hanno ancora concordato sulle possibilità del nostro pianeta di sfuggire a questo destino.

READ  Tempo per il fine settimana: grande miglioramento nelle Giornate del patrimonio

Il pianeta 8 Ursae Minoris b non aveva alcun motivo scientifico per non essere sulla lista di Baekdu. Gli autori dello studio pubblicato sulla rivista Nature sottolineano che la stella dista solo circa 74 milioni di km, mentre quest’ultima deve essere cresciuta di oltre 100 milioni di km.

“Questa è la prima volta che osserviamo un sistema planetario in cui un pianeta sembra essere sfuggito” al naturale fenomeno di espansione alla fine della vita di una stella, ammette Dimitri Veras.

Per capire cosa ha salvato 8 Ursae Minoris b, gli astrofisici che hanno notato questa anomalia si sono rivolti a teorici come Dimitri Veras.

Sherlock Holmes dallo spazio

Quindi hanno agito attraverso il processo di eliminazione. “Siamo stati in grado di escludere l’ipotesi che questo pianeta abbia iniziato la vita lontano dalla sua stella – e al di fuori della zona di pericolo – e non si sia avvicinato fino a dopo la fase di espansione. Abbiamo anche escluso l’ipotesi che la stella si fosse già espansa e avvolta 8 Orsay Minoris b, che sarebbe semplicemente sopravvissuto a questo rivestimento”, elenca. Dimitri Veras.

“La chiave del puzzle doveva essere con la stella. Deve essere successo qualcosa che ha impedito all’espansione di raggiungere il pianeta”, continua l’esperto.

Per questa squadra di Sherlock Holmes dallo spazio, l’unico scenario portatore d’acqua prevedeva una seconda stella, più piccola, che era presente accanto a Picdu. Quindi questo sistema planetario avrebbe potuto avere due soli, il che non ha precedenti nella galassia, Ricorda Space.com.

Crescendo, Baekdu si era sbarazzato del suo vicino, la Seconda Stella. “Questa è la prima volta che siamo stati in grado di concludere con un alto grado di certezza che si è verificata una fusione tra due stelle”, conferma Dimitri Veras.

READ  Prevenzione: attenzione al monossido di carbonio

L’astrofisico riassume un fenomeno che “potrebbe fermare l’espansione della stella sul suo cammino. Pertanto, questa fusione potrebbe fungere da scudo a protezione di 8 Ursae Minoris b”.

“Eccesso di litio”

Questo è lo scenario principale che gli autori dello studio hanno conservato. Tuttavia, c’è un’altra ipotesi: 8 Ursae Minoris b “era formata da proiettili [expulsions de roche solide] che è scaturito dalla fusione tra le due stelle”, conferma Dimitri Veras, ma per lui c’è una maggiore possibilità che il primo scenario – fusione come scudo – sia quello giusto.

L’esistenza di una seconda stella, sacrificata per salvare o procreare 8 Ursae Minoris b non è solo un elaborato costrutto teorico in mancanza di meglio. “La prova principale della fusione è che la stella che stiamo attualmente osservando ha una quantità eccessiva di litio. La concentrazione è da 10 a 100 volte superiore rispetto a stelle ‘semplici’ della stessa classe che non sarebbero il risultato di una fusione”. spiega Dimitri Veras.

Qualunque sia la chiave di questo mistero, il pianeta non è finalmente fuori pericolo. “Molto probabilmente è che questa stella alla fine entrerà in una nuova fase di espansione, e questa volta non ci sarà alcuno ‘scudo’ per proteggere 8 Ursae Minoris b”, conclude il coautore dello studio. Il pianeta ha interesse a farne uso, probabilmente gli rimangono solo poche centinaia di milioni di anni…