Febbraio 23, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

“Mi sono sempre detto che era possibile.”

“Mi sono sempre detto che era possibile.”

Alan Peter non si è affidato solo alla sua buona stella per andare in orbita. Tra pochi giorni, all'età di 24 anni, si recherà in California e si unirà alla NASA. La sua ricetta? Audacia e perseveranza. Per almeno sei mesi sarà ricercatore di scienze planetarie presso il Jet Propulsion Laboratory della NASA, il centro di ricerca spaziale della NASA, a Pasadena. Un sogno d'infanzia di chi è cresciuto in un edificio a Villemble, in Seine-Saint-Denis.

Francese alla NASA? C'è stato e ce ne sarà altro. Ma nel suo caso, questa impresa è estremamente rara. Il giovane dice: “Tra i circa 17.000 dipendenti della NASA, ci sono forse 30 francesi”. Nella mia scuola, una delle più grandi di Francia, fondata nel 1946, prima di me è uscito solo uno studente e lavora ancora lì. »

Se Alan si è distinto è soprattutto per l'unicità della sua carriera. Dalla periferia di Parigi alla NASA, e da Seine-Saint-Denis, il dipartimento più povero della Francia, a Los Angeles. La storia è bella, i sacrifici tanti e la motivazione forte.

All'età di otto anni, all'École Saint-Exupéry di Villemble (Seine-Saint-Denis). Durante una gita scolastica per osservare le stelle con il telescopio, è nata la sua carriera.

© Dott

Nelle ultime settimane la sua vita quotidiana da giovane laureato ha subito un’accelerazione. “Non lo vedo più”, sospira sua madre Adelaide. Emmanuel Macron si è congratulato con lui su LinkedIn – “Sei l'emblema del successo francese” – Gabriel Attal lo segue su Instagram, Bruno Le Maire lo ha invitato per un colloquio a Bercy e dovrebbe incontrare Clément Beaune, il ministro dei trasporti. Su richiesta dei media, prima di attraversare l'Atlantico, si assicura anche di raccontare personalmente la sua storia nelle scuole. Vuole inviare agli studenti un messaggio chiave: tenta la fortuna, non esiste carriera troppo grande.

Rivelazione attraverso la lente di un telescopio

La sua vocazione nasce quando aveva circa otto anni, durante una gita scolastica organizzata dagli insegnanti. Questo non è facile quando vivi nell'Ile-de-France, dove l'inquinamento luminoso distorce la vista. Così partirono per un'avventura in autobus fino a Seine-et-Marne, ai margini del Grand Est, e noleggiarono un telescopio. “Ricorderò per il resto della mia vita il momento in cui ho visto Giove con i miei occhi. Fino ad allora l'avevo visto solo nelle immagini dei libri. È stato incredibile.”

Il resto seguirà dopo questo annuncio

IUT ad Avray - dove ha condotto un DUT in Ingegneria Termica ed Energetica in diretta dalla conferenza ospitata dal nostro ex studente Alan Petrie

In una conferenza all'IUT di Ville-d'Avray dove ha completato il suo DUT in Ingegneria termica ed energetica, il 12 dicembre.

© Dott

Poi le domande attraversarono la testa di suo figlio. È appassionato del programma “It's Not Rocket Science” e divora episodi della serie americana “Universe”. “Li conosco tutti a memoria”, sorride. Allora lo studente avrà una sola ossessione: lavorare per la NASA. “È un'agenzia spaziale leggendaria, con un budget maggiore e missioni leggendarie. Quattro messaggi che si ripetono costantemente in documentari, film o libri. »

Alcuni gli fanno capire che venire dal 93 non è compatibile con i suoi sogni

Al college ha perseguito la sua passione grazie all'Astronomy Club, fondato da un professore di fisica e chimica e bibliotecario del CDI. “È un caso, solo una coincidenza, e non tutte le università fanno così.” Ha trascorso lì tutto il pranzo e talvolta le serate, oltre alle lezioni, per quattro anni. All'interno del gruppo di una ventina di studenti, Alan non nasconde la sua ambizione di un giorno lavora presso l'agenzia americana e gli insegnanti lo incoraggiano.

Visita alla nuova sede dell'Agenzia spaziale europea (ESA) a Parigi.

Con il direttore generale dell'Agenzia spaziale europea (ESA), Joseph Aschbacher, a Parigi il 7 dicembre.

© Dott

I primi dubbi sorgono alle superiori. Il giovane mette la testa tra le stelle e alcuni insegnanti cercano di riportare i piedi per terra. In primo luogo, non è americano e, in secondo luogo, l'aerospaziale è un settore molto selettivo. Doccia fredda. Alan si sente frustrato. “Ho 17 anni e non ho esperienza. Se i miei insegnanti dicono questo, mi dico che c'è un motivo.”

Nei fine settimana tutti i miei amici studiavano e io vendevo moda

Alan Pietro

Alcuni gli fanno capire che venire dal 93 non è compatibile con i suoi sogni. Il giovane resiste. un po. “Ci sono persone che vengono da Seine-Saint-Denis e ci riescono”, sospira. Mi sono sempre detto che è possibile. Forse a volte è più difficile perché non abbiamo contatti o referenze. “Questa è la sua condizione, del resto. La famiglia di Peter non ha legami con l'industria aeronautica. Suo padre è un tecnico informatico senior, mentre sua madre lavora come addetta alla ristorazione in una scuola materna.

Durante la consegna del Premio alla Carriera 2023, il 4 dicembre al Théâtre Marigny di Parigi, circondato dai suoi genitori, Adelaide e Jean-Luc (a destra), dal fratello minore Dylan (a sinistra) e dal signor Ritter, il suo ex.  Insegnante.

Durante la consegna del Premio alla Carriera 2023, il 4 dicembre al Théâtre Marigny di Parigi, circondato dai suoi genitori, Adelaide e Jean-Luc (a destra), dal fratello minore Dylan (a sinistra) e dal signor Ritter, il suo ex. Insegnante.

© Dott

Con la maturità scientifica in tasca e il sogno delle stelle a mezz'asta, scelse senza convinzione il diploma di management. Anni luce da Giove. Sa di non appartenere. Che avrebbe dovuto cambiare direzione. E riscoprire il gusto della fatica. La prima pietra miliare nel cammino verso la Luna: il conseguimento del diploma in ingegneria termica ed energetica presso l'Università IUT di Ville d'Avray, nell'Hauts-de-Seine. I corsi di formazione sono ottimi, ma Alan vive molto lontano dall'organizzazione. Sveglia alle 5 del mattino per un viaggio infinito in treno, metro e RER. Due ore di trasporto quando tutto va bene. Stessa cosa per i resi.

Ho avuto l'onore di essere invitato dal Ministro @BrunoLeMaire a Parigi per parlare del mio viaggio, dei giovani della periferia parigina e dei miei progetti futuri nel corso della mia carriera.  Grazie per questo momento e il tempo concessomi, signore, a presto.

Su invito di Bruno Le Maire, ministro dell'Economia e responsabile anche della politica spaziale, a Parigi il 23 novembre.

© Dott

Nei fine settimana lavora in un negozio di abbigliamento per guadagnarsi da vivere. “Tutti i miei compagni di classe facevano ripasso e io vendevo costumi”. Non è facile restare svegli e attenti in classe. Ma Alain resiste. Continua con la scuola di ingegneria di Poitiers. Tre anni di alternanza studio-lavoro, con un contratto… presso Ariane Espace. Finalmente i dubbi svaniscono. Si sposta tra due luoghi di residenza: uno a Poitiers, a trenta secondi dalla sua scuola, e l'altro a Les Moreau, a cinque minuti dall'azienda. Sveglia alle 7 del mattino. : è una bugia! Il fine settimana è tempo libero: uscite con gli amici e basket. Per il tirocinio obbligatorio all'estero, sogna di andare in un posto lontano e “audacemente” si collega con un ricercatore dell'Università della Florida. Viene accettato.

Alan ricorda di essere cresciuto “con regole rigide ma non troppo”

Mentre si avvicinava alla fine dei suoi studi, ebbe ancora il coraggio di rivolgersi a un ingegnere della NASA, di cui aveva divorato gli scritti per diversi anni. In un primo momento, a causa della mancanza del passaporto americano, la risposta dell’agenzia americana è stata negativa. Il giovane ambizioso è persistente e continua a scivolare nel suo curriculum. I suoi voti sono buoni e anche il suo voto lo è. Qualche settimana dopo, sul suo telefono appare un numero: è invitato a partecipare al processo di selezione. Il resto è ormai noto: Alan si unirà alla NASA per lavorare su missioni legate a Venere.

Alan Peter è a casa con sua madre Adelaide e il suo cane Simba.  Nanteuil-les-Meaux, Francia - 12/12/2023

Con sua madre, Adelaide, di origine senegalese, e il loro cane Simba, nella loro casa di Nanteuil-les-Meaux (Seine-et-Marne), il 12 dicembre.

© Dott

Sua madre, Adelaide, ha gridato orgogliosa quando ha sentito la notizia. Sussurra che il successo di suo figlio non è stato il risultato del caso, ma piuttosto il risultato dell '”educazione”. I suoi figli, Letitia, Kevin, Alan e Dylan, “non uscivano mai fuori. Quando erano più piccoli, restavo a casa. Li portavo a scuola ogni mattina e facevo del mio meglio per andarli a prendere alle 16:00. Ho messo la mia vita in pausa prendersi cura di loro.” Alan ricorda di essere cresciuto “con regole ferree ma non troppo rigide”, sotto gli occhi attenti e premurosi dei genitori.

Con Thomas Pesquet siamo ancora diversi, non abbiamo lo stesso background, non veniamo dallo stesso background

Alan Pietro

La bellissima storia di Alan Peter ha fatto il giro del mondo. Anche a Dakar, dove la nonna materna, 83 anni, è orgogliosa di dire ai suoi amici che il giovane apparso sul giornale locale è suo nipote.

Sulla pista di Le Bourget, davanti all'Ariane 6. Indossa un abito di Hugo Boss, marchio per cui lavorava per finanziarsi gli studi.

Sulla pista di Le Bourget, davanti all'Ariane 6. Indossa un abito di Hugo Boss, marchio per cui lavorava per finanziarsi gli studi.

Partita di Parigi / © Vincent Capman

Da quando la sua storia è diventata virale, Alan è stato regolarmente paragonato all'astronauta Thomas Pesquet. Il pedigree non spaventa un giovane. anzi. “Lo gestisco bene, l'ho incontrato effettivamente nel 2019 al Paris Air Show”, ha detto. Ma siamo comunque diversi, non abbiamo lo stesso background, non veniamo dallo stesso background. »

Sta chiaramente pensando ai viaggi nello spazio. È ancora molto giovane e deve avere almeno 27 anni. Ma si sta preparando per questo. La chiamata avviene circa ogni dieci anni. Thomas Pesquet nel 2009. Sophie Adino nel 2020. “La prossima volta sarà probabilmente intorno al 2030 e avrò 30 anni”, sorride come se Oscar Wilde gli avesse appena sussurrato: “Dobbiamo sempre puntare alla luna, perché anche se falliremo, atterreremo nelle stelle».

READ  Spazio: la passeggiata spaziale russa è stata interrotta a causa di un problema di messa a punto