Novembre 26, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

“54 cm per un piccolo ordine di 9,80€”: Thierry deve la lunghezza dello scontrino emesso da Kwik

A volte viene preziosamente salvata, a volte viene immediatamente scartata. Secondo i consumatori, la ricevuta cartacea non ha la stessa sorte. Mentre alcuni marchi cercano di abbandonarlo, altri continuano a stamparlo. E in grandi quantità. Thierry, residente a Meux (provincia di Namur), è rimasto sorpreso dalla lunghezza della sua ricevuta a Quick. Quali sono le regole e sono previste riforme?

scontrino Troppo grande per un piccolo ordine di € 9,80, Thierry ci scrive tramite il pulsante arancione avvisandoci. Una volta che il suo ordine è stato effettuato a Quick, questo residente di La Bruyère è sorpreso dalla lunghezza della ricevuta che gli viene consegnata. Armato del suo metro a nastro, fa i calcoli. La ricevuta è fino a 54 cm. Il suo comando, tuttavia, non è formidabile, poiché consiste in Due hamburger, patatine fritte e un drink.

Come consumatori, non abbiamo bisogno di tutto questo

Per questo autista di autobus, il Rifiuti inauditi. Osservando da vicino il suo conto, Terry ha concluso che solo 7 centimetri di carta erano sufficienti per riassumere il suo ordine. “Tutto il resto sono informazioni tecniche. Tutto. Come consumatori, non abbiamo bisogno di tutta questa roba. Non penso che sia davvero utile”, Si lamenta. Prima di aggiungere: “Da un punto di vista ambientale ed economico, questo non va affatto bene. Per me, 47 centimetri sono troppi”.

Già nel 2019 il marchio fast food si è distinto per la durata degli incassi. A quel tempo, il biglietto misurava 71 cm, Sono 17 in meno rispetto ad oggi. Quindi sono stati fatti degli sforzi. Quindi ridurre la durata degli incassi è il punto in cui il nostro marchio (Quick e Burger King) continua ad operare e alcune strade sono già state esplorate”.L’azienda insiste tramite una mancia.

READ  Può costarti migliaia di dollari!

Il regolamento è chiaro. nel settore horecaQuando il fatturato annuo dell’azienda supera i 25.000 euro, è necessario rilasciare ricevuta fiscale dal sistema di cassa. Il sistema è stato introdotto nel 2016 per combattere le frodi nel settore dell’ospitalità. È obbligatorio stamparlo come prova della fattura.

In altre attività, le normative sono diverse. Le aziende che forniscono merci, come i supermercati, non sono tenute a stampare una ricevuta. Tuttavia, è comune, e anche regolare, ottenere una ricevuta stampata quando si ha finito di fare acquisti. Che sia richiesto o meno, viene spesso stampato.

Il consumatore non lo richiede più

Il 13 novembre 2020 il Senato ha adottato una delibera in merito all’abrogazione della ricevuta cartacea. “Nel secolo scorso non c’era un sostituto per uno scontrino fiscale come prova d’acquisto, ma oggi non è più così. Molti acquisti quotidiani comportano la stampa regolare di uno scontrino quando il consumatore non lo reclama più “ giustificare i suoi autori. Al momento non è stata adottata alcuna legge che vieti l’emissione di un biglietto cartaceo.

Per ridurre i costi e l’impatto ambientale, alcuni marchi offrono un’alternativa: lo scontrino digitale. Questo è possibile dal 2014 ma sembra che non sia stato adottato molto dai consumatori. “Alla gente piace prendere i biglietti. A loro piace controllarli quando tornano a casa o dopo lo shopping”, Karima Gozi, portavoce delle note di Delhaize.

Tra i clienti che rimangono fedeli alla stampa dello scontrino ci sono quelli che non sono stati convertiti digitalmente. “L’obiettivo finale è che tutti i clienti passino al digitale e possano farvi riferimento facilmente nelle loro app. Ma comprendiamo che non tutti possono accedere all’app e al numero digitale”.Portavoce del marchio. Delhaize non prevede attualmente di annullare completamente lo scontrino stampato fino al ricevimento. “Vogliamo lasciare la scelta ai nostri clienti”Oca cremosa.

READ  All'orizzonte in Europa, la Federal Reserve preme sull'umore

Tuttavia, farlo senza biglietto consentirebbe a Delhaize di risparmiare 162 tonnellate di carta e 148 tonnellate di CO2 ogni anno. Secondo Green IT, un gruppo di esperti sui temi della sobrietà digitale e della tecnologia digitale responsabile, un biglietto non fisico ridurrà il consumo di acqua di 2 cm rispetto a un biglietto stampato. Tuttavia, emetterà nell’atmosfera altri 2 grammi di anidride carbonica.

Tuttavia, la procedura non piace a tutti i professionisti del settore. Secondo Comos, annullare completamente questo biglietto cartaceo “non è una buona idea”. La Federazione ritiene insoddisfacenti le alternative proposte oggi. “Sosteniamo il biglietto digitale ma deve essere una scelta del rivenditore, non del consumatore“, prezioso Wim Van Adom, economista di Comeo. La posizione che l’economista giustifica con il fatto che chiedere un indirizzo email su ogni pagamento può essere un compito arduo. “Serve un quadro giuridico perché al momento l’unica cosa che possiamo fare è inviare una mail”Aggiunge.

Puoi chiedere di non ricevere nulla

Per evitare questi pratici inconvenienti, la cooperativa di supermercati Bees Coop ha trovato la soluzione. “Dopo il pagamento, ci sono tre opzioni. Puoi richiedere la stampa del biglietto cartaceo, riceverlo via e-mail o richiedere che non si riceva nulla”, afferma Genevieve Poxos, responsabile delle comunicazioni di Bees Coop. Se il consumatore è d’accordo, nessun biglietto può essere inviato. Il prezzo e l’importo totale sono verificati dal venditore e dall’acquirente prima di lasciare il negozio.