Dicembre 10, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

“I fornitori di energia non hanno fretta di abbassare i prezzi rispetto a quando hanno quintuplicato le bollette energetiche”, ha denunciato un portavoce di Test Achats.

I prezzi dell’energia sono diminuiti nelle ultime settimane. Da 345 euro per megawattora di agosto, il prezzo di lunedì è sceso sotto la barra simbolica di 100 euro della borsa di Rotterdam, che funge da riferimento.

Tuttavia, l’effetto sulle bollette dei consumatori non dovrebbe essere sentito immediatamente. “Questo calo dovrebbe continuare nei prossimi mesi.Julie Freer, portavoce di Test Achats presso Bel RTL Microphone, spiega. “Ad ottobre, per le persone che si riscaldano con il gas, è il 7% del loro consumo. A gennaio salirà al 18%. Affinché si verifichi un calo significativo delle bollette delle famiglie, il calo dei prezzi deve davvero persistere nel tempo.. “

Devi controllare la frequenza con cui il tuo contratto viene indicizzato. Ci sono molti contratti che vengono indicizzati ogni tre mesi. Se questo è il tuo caso, probabilmente hai prezzi estivi molto alti che hanno determinato cosa pagherai nel prossimo trimestre. Quindi non vedrai una differenza fino all’inizio del prossimo anno. Se il tuo contratto viene indicizzato ogni mese, dovresti notare una differenza più rapidamente nella bolletta. “

Per aiutare i consumatori a monitorare i propri consumi ed essere in grado di monitorare il prezzo che dovranno pagare, Test Achats chiede strumenti che consentano ai consumatori di controllare l’importo del deposito richiesto dai fornitori di energia.

Engie o Total Energy lo offrono già. Questo è assolutamente necessario per i consumatori”.dice Julie Freer.

Il relatore condannerà la posizione dei fornitori che “Quando i prezzi sono aumentati notevolmente, abbiamo visto alcuni fornitori affrettarsi a raddoppiare gli importi degli acconti, tre volte, quattro volte, cinque volte. Quando i prezzi scendono, vediamo molto meno entusiasmo da parte dei fornitori di offrire uno sconto ai consumatori. “

READ  I soccorsi cinesi superano i timori di inflazione - 17/05/2022, 13:53

Nonostante i prezzi siano diminuiti, sono ancora più alti rispetto al periodo precedente la crisi del Covid quando si aggirava sui 30 euro al megawattora.