Agosto 8, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

5 domande su James Webb, il telescopio più grande e potente mai inviato nello spazio

Gli astronomi hanno aspettato 30 anni: il James Webb Telescope è finalmente pronto per raggiungere le stelle, per tornare alle origini dell’universo ed esplorare esopianeti simili alla Terra.

Il telescopio principale dell’agenzia spaziale statunitense seguirà le orme del mitico Hubble. Il suo lancio è stato posticipato al 25 dicembre, secondo un annuncio della NASA martedì, quindi dovrebbe avvenire questo sabato alle 13:00 BST. Sarà possibile seguirlo in diretta in video tramite il canale YouTube della NASA.

Un gioiello di ingegneria, esplorerai l’universo circa 13 miliardi di anni fa. Una panoramica in cinque domande.

1.Come sembra?

Il telescopio James Webb dovrebbe essere lanciato nello spazio da un razzo Ariane 5 sabato 25 dicembre alle 13:00 BST.

Agenzia di stampa Francia

Il suo fulcro è il suo enorme specchio principale, che misura 6,6 metri di diametro ed è composto da 18 specchi esagonali più piccoli. È fatto di berillio e rivestito d’oro per riflettere meglio la luce catturata dai confini dell’universo.

L’osservatorio contiene anche quattro strumenti scientifici: dispositivi di imaging per fotografare l’universo e spettrometri, che rifrangono la luce per studiare le proprietà chimiche e fisiche degli oggetti osservati.

Lo specchio e gli strumenti sono protetti da un’imponente visiera parasole, composta da cinque strati sovrapposti. Grande quanto un campo da tennis, è sottile come un capello e realizzato in kapton, materiale scelto per la sua resistenza alle temperature estreme: un lato supererà i 110°C e l’altro i -235°C.

A bordo anche: un’unità di servizio che contiene il sistema di propulsione e comunicazione… In totale, l’osservatorio pesa l’equivalente di uno scuolabus.

2.Dove sta andando?

Il telescopio sarà posto in un’orbita a 1,5 milioni di chilometri dalla Terra, quattro volte la distanza del nostro pianeta dalla Luna.

A differenza del telescopio Hubble in orbita attorno alla Terra, James Webb sarà in orbita attorno al Sole. Si evolverà in continuo allineamento con il Sole e la Terra, “dietro” quest’ultima. Il suo specchio sosterrà sempre le spalle alla nostra stella.

Ci vorrà circa un mese per raggiungere questa posizione, chiamata punto Lagrangiano L2. A questa distanza non è concepibile alcuna missione di riparazione con equipaggio, come nel caso del telescopio Hubble.

3.Come verrà pubblicato?

Poiché il telescopio era troppo grande per contenere un razzo, era piegato su se stesso. Un vincolo tecnico genera la parte più complessa della missione: la sua diffusione nello spazio, la più pericolosa di tutte dalla NASA.

Circa 30 minuti dopo il decollo, l’antenna per le comunicazioni ei pannelli solari che la alimentano saranno dispiegati.

Quindi l’aletta parasole, piegata così lontano come una fisarmonica, inizierà a dispiegarsi il sesto giorno, molto tempo dopo che la luna è passata. I suoi film sottili saranno guidati da un meccanismo complesso che comprende 400 pulegge e 400 metri di cavo.

Durante la seconda settimana, lo specchio finalmente arriverà.

Una volta finalizzati, gli strumenti avrebbero dovuto essere raffreddati e calibrati e gli specchi sarebbero stati regolati in modo molto preciso. Dopo sei mesi il telescopio sarà pronto.

4.che cosa farà?

James Webb ha due importanti missioni scientifiche che rappresentano oltre il 50% del suo tempo di osservazione. Innanzitutto, esplora le prime età dell’universo, risalendo a poche centinaia di milioni di anni dopo il Big Bang. Gli scienziati vogliono osservare le prime galassie e le prime stelle…

Il suo secondo compito principale è quello di studiare gli esopianeti, cioè i pianeti in orbita attorno a stelle diverse dal nostro Sole, alla ricerca di ambienti abitabili, in particolare studiando le loro atmosfere.

La grande novità di James Webb è che funzionerà solo nel vicino e medio infrarosso. Sarà in grado di vedere attraverso le impenetrabili nubi di polvere di Hubble, che hanno una piccola ampiezza infrarossa ma operano principalmente nella luce visibile e ultravioletta.

Sono previste anche osservazioni ravvicinate, nel nostro sistema solare, di Marte o dell’Europa, la luna di Giove.

5.Da quando ce lo aspettiamo?

Il progetto è stato lanciato negli anni ’90 e la sua costruzione è iniziata nel 2004. Il suo lancio è stato rinviato più volte, prima nel 2007, poi nel 2018 … In particolare a causa della complessità del suo sviluppo.

L’osservatorio è il risultato di una massiccia cooperazione internazionale, che integra strumenti canadesi ed europei. Più di 10.000 persone hanno lavorato al progetto, il cui budget è esploso, costando alla fine quasi 10 miliardi di dollari.

Funzionerà per almeno 5 anni, potenzialmente più di 10 anni.

READ  Materiali, indipendenza, notizie... cosa sappiamo di questi orologi connessi