Luglio 3, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

33,6 milioni di euro in aiuti sanitari

Per migliorare l’offerta e l’attrattiva delle istituzioni mediche del dipartimento, sosterrà il Sigur Health Plan 24, compreso l’ospedale di Sarlat, gravemente vulnerabile.

IlLa sede scelta per la conferenza stampa, venerdì 3 dicembre, non è stata di poco conto. Per bocciare il piano sanitario di Segur, che inizialmente metterebbe sul tavolo 33,6 milioni di euro per sostenere 24 istituzioni sanitarie e medico-sociali della Dordogna, le autorità hanno scelto il Centro ospedaliero di Sarlat. Al centro dei forti sconvolgimenti degli ultimi anni, l’archetipo dell’ospedale rurale è l’aiuto: lotta per l’occupazione, garantisce assistenza locale in una zona lontana dagli altri ospedali, è sotto forte pressione turistica e ha sofferto di un peggioramento della situazione finanziaria per anni …

Corinne Mothes, la nuova direttrice degli Ospedali Périgueux, Lanmary, Sarlat e Domme, ha aperto l’incontro con un invito sincero all’Ospedale di Sarlat e al suo ruolo nel territorio. Era soddisfatto dell’approvazione del suo progetto di ristrutturazione, che ammontava a 40 milioni. La sua idoneità è un segnale forte per la comunità ospedaliera, così come per i residenti del Périgord Noir. “

forte sostegno

È stata Marie-Ange Beroli, direttrice dell’Agenzia regionale della sanità (ARS) della Dordogna, a spostare l’unghia d’oro. Abbiamo scelto di venire qui perché sappiamo che l’ospedale di Sarlat è in grande difficoltà e se non avrà aiuto e supporto, non sappiamo cosa accadrà. Quindi avrà un forte sostegno, la promessa del futuro. Nell’ambito di Ségur, sono già stati stanziati aiuti di 6,8 milioni di euro per il “ripristino dei margini”, che riguarda gli istituti più indebitati. Inoltre, sono stati stanziati 374.000 euro per “investimento quotidiano” e 1,15 milioni di euro per “ridurre le disparità sanitarie”.

READ  Ecco i progetti di mobilità più folli a Liegi fino al 2030

Soprattutto, la ristrutturazione della sua sede principale per un importo di 40 milioni di euro – sufficienti per rinnovarla da cima a fondo, a partire dal pronto soccorso – è stata inserita nella rubrica Progetti di ristrutturazione. È in corso di indagine. La Fondazione Sarlat, qualunque cosa accada e qualunque sia il budget, deve ottenere questo finanziamento.

condizioni di lavoro

Frecce di altri aiuti sono state lanciate. La creazione di un alloggio per anziani non autosufficienti (Ehpad) a Périgueux porta anche il progetto di ricostruzione da 40 milioni di euro, che mira a modernizzare l’offerta medica e sociale del centro ospedaliero. L’assistenza per ‘Project Structuring’ è stata selezionata ed è in corso di esame.

L’ospedale privato Francheville de Périgueux è molto attivo nella chirurgia, nella cura del cancro e nella nefrologia. Ristrutturato nel 2020, ha ottenuto un finanziamento di 180.000 euro sotto il titolo “investimento su base giornaliera”, dedicato principalmente al miglioramento delle condizioni di lavoro dei professionisti e in particolare alla prevenzione dei disturbi muscoloscheletrici.

Durante la conferenza stampa, Jacqueline Dubois, deputata per la circoscrizione, Corinne Muthes, direttrice degli ospedali Perigueux, Lanmare, Sarlat e Dome, Marie-Ange Beroli, direttrice dell’ARS Dordogne, e Nadine Montiel, vice governatore di Sarlat.

Frank Delage

La casa di cura Neuvic, situata nel cuore della città, sostiene un progetto di ricostruzione da 10 milioni di euro in un altro sito, con un ampliamento di dieci posti, migliori condizioni di accoglienza per i residenti e una migliore qualità della vita sul lavoro per i dipendenti. ARS fornirà 1,8 milioni di euro in assistenza per la “strutturazione del progetto”.

A Bergerac, il Centro Ospedaliero e la Clinica Pasteur hanno deciso di creare un settore chirurgico misto (pubblico-privato) raggruppato sulla stessa piattaforma tecnica. L’attività chirurgica dell’ambulatorio sarà trasferita presso la sede ospedaliera nell’ambito del montaggio delle sale operatorie, la cui organizzazione sarà affidata all’ambulatorio. In aiuti sono già stati stanziati 14,3 milioni di euro.

Aggiornamento vista assistenza sanitaria

L’attuazione del Piano Sanitario Ségur in Dordogna rappresenta già 33,6 milioni di euro di investimenti, di cui 31,1 milioni di euro per le istituzioni sanitarie e 2,5 milioni di euro per case di cura e istituzioni legate alla disabilità. In totale, saranno sostenute 24 istituzioni, 12 delle quali potranno beneficiare di aiuti agli investimenti “strutturazione di progetti” (10 strutture sanitarie e 2 case di cura). Gli importi degli aiuti per i “progetti di strutturazione” devono ancora essere determinati e sono oggetto di indagine a ondate fino alla fine della prima metà del 2022. In Dordogna questi aiuti mirano a modernizzare l’offerta sanitaria e ricettiva ristrutturando e facilitando gli edifici più vecchi. Accesso alle nuove tecnologie e attenzione allo sviluppo sostenibile. Si tratta anche di rafforzare il welfare locale nei confronti della città, valorizzando gli investimenti esistenti necessari per la vita quotidiana nelle istituzioni o addirittura aiutando le strutture più indebitate.