Gennaio 24, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Perché il tasso di infezione da Covid-19 nei bambini è in aumento – Coronavirus



L’aumento dei casi di COVID-19 a scuola è innegabile: è Spingendo il ministero a cambiare il protocollo che è stato stabilito all’inizio dell’anno scolastico In merito alla chiusura della classe in caso di esame positivo. Un cambiamento più pratico per i genitori, ma solleva molte domande sulla salute. Questa decisione contribuirà ad aumentare l’epidemia. Arriva in un momento in cui il tasso di infezione per i bambini dai 6 ai 10 anni è molto alto».

L’incidenza aumenta nei bambini di età inferiore ai dieci anni

A distanza di pochi giorni, questi giovani studenti continuano a focalizzare l’attenzione: tra le fasce di età in cui il numero di nuovi casi di COVID-19 segnalati alla popolazione è più elevato, troviamo quelli sotto i 10 anni, e quelli che si avvicinano ai 400 in più di una settimana per 100.000 persone di questa età in Francia.

Durante le ondate precedenti, è stato osservato il fenomeno dell’aumento dell’incidenza portato dai gruppi di età più giovani, ma i giovani erano più preoccupati. Attualmente, gli under 10 hanno il livello più alto, davanti a 10-19 e 20-39.

Un aumento nella scuola primaria

l’Agenzia Nazionale della Salute Si suggerisce di seguire l’incidenza in fasce d’età ristrette corrispondenti ai livelli scolastici. In questo dettaglio spicca molto chiaramente una categoria: i bambini della scuola primaria (6-10 anni). Il tasso di infezione è alle stelle lì da diversi giorni. Ora ha superato i 600, che è il doppio del livello nazionale per tutte le età.

Un’evidente corsa allarmante. Tuttavia, c’è una difficoltà che si è ripetuta dall’inizio dello screening di massa: il cambiamento dell’indicatore non riflette automaticamente la direzione esatta dell’epidemia. Esempio: a dicembre 2020, prima delle festività, abbiamo notato un aumento del numero di casi rilevati. Ma allo stesso tempo, la percentuale di test positivi è diminuita: Molti francesi sono stati testati prima delle vacanzeAnche senza sintomi. Tuttavia, in generale, più test vengono rilevati, più casi positivi vengono rilevati. Quindi misurare la vera tendenza era più difficile.

READ  Il Ministero della Salute russo riceve il vaccino Sputnik Lite

Effetto sorting che esalta il dinamismo

Questa domanda sul numero di test complica il monitoraggio della contaminazione nei bambini, perché dall’inizio dell’anno scolastico tutti i bambini a contatto devono essere esaminati. È obbligatorio a livello primario. Pertanto, il numero di test è aumentato tra i più giovani. Più di 12.000 bambini della scuola primaria su 100.000 sono stati sottoposti a screening nei sette giorni terminati il ​​28 novembre, quando la percentuale era di appena 4.000 a metà novembre. Quello che si ottiene è, in parte, un aumento del numero di casi

Resta il fatto che l’effetto affermativo di questa dinamica non cancella di per sé l’allerta. Primo, perché possiamo vedere chiaramente che le curve per lo screening ei tassi di incidenza non sono identiche per tutte le età. Nei bambini dai 3 ai 5 anni, lo screening aumenta più rapidamente del numero di casi; Nella prima infanzia, l’aumento del tasso di rilevamento è appena iniziato, mentre il numero di casi positivi è aumentato prima. In secondo luogo, perché l’ordinamento differenziato non è nuovo. Tra i bambini di età compresa tra 3-5 anni o 11-14 anni, il tasso di screening si avvicina a un picco a maggio, ma in quel momento l’incidenza era inferiore.

La vaccinazione, l’uso della mascherina e i gesti di barriera sono meno presenti

Un fattore da considerare è la mancanza di vaccinazione al di sotto dei 12 anni. Se i vaccini sono disponibili Particolarmente efficace contro le forme gravi della malattiaAiutano anche a ridurre il rischio di trasmissione del virus. Quindi questa domanda appare sempre di più. Autorità Sanitaria Suprema appena consigliato Questo uso è sui bambini che sono deboli o che vivono nelle vicinanze di una persona vulnerabile, ma non agli altri.

READ  Philip Claessens acquista un nuovo edificio a Verviers: Chateau Betonville

Nel complesso, la scuola rimane un luogo in cui l’attuazione di altre garanzie può essere ancora difficile. “E’ necessario sottolineare ancora una volta l’importanza delle misure di barriera, soprattutto negli spazi pubblici poco ventilati, e soprattutto nelle scuole, anche quando la maggior parte degli studenti è vaccinata”, ricorda l’Inserm sul tema. Dall’inizio dell’anno scolastico, L’uso delle mascherine a scuola è stato gradualmente eliminato, Persino Torna a metà novembre. Una delle difficoltà nel combattere il coronavirus rimane che si diffonde nell’aria, soprattutto in luoghi poco o poco ventilati. Può anche essere un’aula piena di impegni tutto il giorno.