Luglio 21, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Yastrovic demolisce la (ex) dirigenza dell’Anderlecht: “Se solo mi avessero ascoltato”.

Yastrovic demolisce la (ex) dirigenza dell’Anderlecht: “Se solo mi avessero ascoltato”.

Negli ultimi anni la dirigenza dell’Anderlecht non ha sempre preso le decisioni giuste. Non è Nenad Yestrović a dire il contrario.

Agente dalla pausa, il serbo resta in contatto con lo Sporting, in particolare per presentare alcuni dei suoi allievi. Ci auguriamo che l’attuale amministrazione sia più ispirata di quanto non sia stata finora.

“Segnali pessimi”

C’è un dato che la dice lunga: cinque anni fa venne citato come consigliere sportivo dello Sporting Club, ma alla fine così non è stato. “Durante l’estate del 2018 la questione è stata discussa seriamente. Allora ero molto vicino a Michael Verschueren e avevo anche un ottimo rapporto con Mark Cook”, spiega Yastrovic a Sudinfo.

Prima di proseguire: “Ma anche se avrei potuto entrare nel management, sono stato molto onesto con Mike e Mark. Ho detto loro che con questo nucleo non dobbiamo sperare in risultati. Davvero non c’era abbastanza qualità. Il futuro purtroppo” Mi ha dato ragione. “Abbiamo perso molti soldi a causa di trasferimenti pessimi.”

“A te possono sembrare dettagli, ma per me sono stati molto rivelatori: cambiare il nome dello stadio e abbandonare il partner Adidas per una questione di soldi sono stati segnali pessimi. E poi è arrivato Frank Arnesen. Bisogna crederci” ” Gestrovic aggiunge: “Sarebbe stato meglio”. “Non succederà? Non volevo perdere tempo. La vita è troppo breve per lasciarsi coinvolgere in cose che non si hanno voglia.”

Il serbo è comunque riuscito a convincere l’Anderlecht a ingaggiare il connazionale Aleksandar Mitrovic. Tuttavia, Herman van Holsbeek ha deciso un po’ troppo tardi: “È chiaro che se Herman (Van Holsbeek) mi avesse ascoltato un anno fa, il trasferimento di Metrogol gli sarebbe costato solo 1 milione invece di 5”.

READ  'Royal Road' alle semifinali di Wimbledon: ora tocca a David Goffin o no?

“Ma allora mi dissero che il settore offensivo era già molto ben attrezzato con Mbokani, Suarez e Jovanovic. Mi dispiace ancora che la RSCA non mi abbia ascoltato quando ho proposto Dusan Vlahovic e Dusan Tadic. Oggi continuo per lavorare “Prova a trovare gemme in giro per il mondo. In Serbia ovviamente, ma anche in Africa. Vado regolarmente in Senegal, Mali, Ghana, Camerun ma anche in Costa d’Avorio. “L’avorio è con la mia amica Aruna”, conclude Yastrovic. .