Giugno 23, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Inizia il processo per due artisti che rischiano sette anni di carcere a causa di uno spettacolo teatrale

Inizia il processo per due artisti che rischiano sette anni di carcere a causa di uno spettacolo teatrale

Lunedì a Mosca è iniziato il processo contro due artisti russi che rischiano sette anni di carcere per uno spettacolo teatrale. Un nuovo esempio di repressione in Russia, soprattutto in ambito culturale. La regista Evgenia Berkovich, 39 anni, e la drammaturga Svetlana Petrichuk, 44 anni, sono state arrestate il 5 maggio 2023 con l’accusa “Giustificare il terrorismo”.

Le due donne hanno sorriso entrando in aula, secondo un giornalista dell’Agence France-Presse presente sul sito. Gli agenti di polizia presenti hanno impedito al pubblico di applaudire l’imputato in segno di sostegno.

Elena Efros, la madre di Yevgenia Berkovich, un’attivista che sostiene i prigionieri politici in Russia, ha detto all’AFP di essere felice di vedere sua figlia. “Aspetta e sorridi”Nonostante le circostanze. Si disse “per essere sicuro” Cosa dirà la difesa? “Tutto ciò che serve per dimostrare l’assurdità.” Dell’accusa.

Dopo una giornata di deliberazioni, il processo è stato rinviato al mattino successivo. L’avvocato di uno degli imputati, Ksenia Karpinskaya, ha detto all’AFP che c’erano anche i loro parenti “molto impressionato” Perché sono stati detenuti per più di un anno.

“femminismo radicale”

L’accusa riguarda lo spettacolo del 2020. “La fine, Claire Faucon”Racconta la storia di russi che vengono reclutati online dagli islamisti in Siria e partono per unirsi a loro per sposarli. Entrambe le donne sostengono fermamente la loro innocenza. “In questa stanza non c’è giustificazione per il terrorismo”.ha annunciato lunedì in tribunale Svetlana Petriïtchouk, a chi “L’obiettivo è attirare l’attenzione ed evidenziare questo problema”..

Lunedì, durante il processo, il pubblico ministero Ekaterina Denisova ha confermato, da parte sua, che l’offerta era una difesa “terrorismo”il gruppo jihadista Stato Islamico e “Uomini terroristi romantici”. Le due donne erano inoltre accusate di aver difeso A “femminismo radicale”. Espressione “femminismo radicale”È un termine che attualmente non esiste nel codice penale russo, ed è stato citato da molte figure conservatrici alleate del Cremlino e che accusano gli occidentali di corrompere la morale in Russia.

READ  Adriana Karembeu ufficializza la sua separazione da Aram Ohanian

Prima del suo arresto, Evgeniya Berkovich, nota negli ambienti d’avanguardia ed ex allieva del regista e regista in esilio Kirill Serebrennikov, si era pronunciata contro l’attentato in Ucraina. Lunedì, al Festival di Cannes, Kirill Serebrennikov ha aperto una conferenza stampa innalzando il profilo degli artisti russi. “Non hanno fatto nulla di male, hanno solo messo in scena uno spettacolo.”, Egli ha detto. Entro la fine del 2023, una ventina di personalità della cultura russa, tra cui artisti, registi e scrittori, ne hanno chiesto il rilascio.

Pulizia culturale

Dall’inizio dell’attacco all’Ucraina nel febbraio 2022, la repressione ha preso di mira ogni critica al regime, ed è in corso un’epurazione negli ambienti culturali, con l’ordine di conformarsi alla retorica nazionalista e militarista del Cremlino. L’opera in questione fu molto apprezzata dalla critica e dal pubblico al momento della sua uscita e ricevette due colonne sonore “Maschere d’oro” Nel 2022, il principale premio teatrale della Russia.

In custodia cautelare da più di un anno, Evgenia Berkovic ha chiesto, senza successo, nel corso di numerose udienze, di essere posta agli arresti domiciliari per poter prendersi cura dei suoi due figli. A metà aprile le due donne furono inserite in una lista “Terroristi ed estremisti” Creato dalle autorità russe, ancor prima del processo.

Evgenia Berkovich era già stata condannata a 11 giorni di carcere, dopo aver manifestato contro l’attacco russo in Ucraina, uscendo da sola per strada portando uno striscione con la scritta: “No alla guerra” 24 febbraio 2022, lo stesso giorno in cui è iniziato l’attacco. Ha anche scritto poesie per denunciare questo attacco.

READ  WrestleMania 40: Sami Zayn mette KO Guenther

Come lei, migliaia di persone in Russia hanno subito la repressione da parte di chi detiene il potere, che va da multe a condanne molto pesanti, dopo essersi opposte pubblicamente al conflitto o a Vladimir Putin. Quasi tutte le figure dell’opposizione sono in prigione o in esilio e alcune, come Alexei Navalny, sono morte.