Aprile 23, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Wout van Aert terzo e deluso dopo l'E3 Saxo Classic: “Senza la caduta Matteo non sarebbe partito da solo”

Wout van Aert terzo e deluso dopo l'E3 Saxo Classic: “Senza la caduta Matteo non sarebbe partito da solo”

L'E3 Saxo Classic ha seriamente minato lo stock di assorbenti Visma | Noleggia una bici. Più della metà della squadra olandese ha assaggiato il bitume o la ghiaia delle Fiandre in una giornata buia. “Hagens, Pinot e Van Paarl caddero con conseguenze molto diverse (Nota del redattore: il norvegese è stato portato in ospedale con una sospetta commozione cerebrale), ha sussurrato il direttore sportivo Arthur van Dongen. Ma chiaramente l'incidente più sfortunato è quello di Van Aart a Paterberg (42 km dall'arrivo). auto Se non fosse stato per quella caduta, sono davvero convinto che Matteo non avrebbe mai lasciato Voot solo.

Il discorso positivo è vicino al metodo di stiratura. Reagendo più spesso rispetto a venerdì, la WVA ha dovuto attenersi ad entrambi gli attacchi sferrati sul Taaienberg o sullo Stationberg da van der Poel che era chiaramente più esplosivo e tagliente del corridore del Visma | Probabilmente Ejar è ancora troppo occupato per assorbire l'enorme carico di lavoro (75 ore di bicicletta e 50.000 metri di dislivello) che si è imposto sulle pendici del vulcano Teide da cui è sceso solo infrasettimanale.

“La caduta è stata cruciale per l’andamento della gara. Fanart giudica logicamente. Mi hai costretto a una lunga caccia (una quindicina di chilometri) Mentre scavavo in profondità nelle mie riserve. Dopo Karnemelkbeekstraat, dove mi stavo avvicinando ed ero circa dieci secondi dietro Matteo, è diventato difficile per me mantenere il ritmo e poi sono finito completamente esausto. Ed ero felice di vedere Jasper Stuyven (contro chi non ha corso per il secondo posto) Torna da me negli ultimi chilometri così potrò controllare il volante per qualche istante…”

Nawras

Sono caduto più forte di quanto pensassi.

Pertanto, il momento decisivo è stato che Van Aert non si è avvicinato nelle migliori condizioni perché ha dovuto fare uno sforzo iniziale prima dell'inizio della salita per cogliere la marcatura dei suoi migliori nemici. Bloccato al volante di Küng che seguiva MVDP, il corridore dell'Herentals ha commesso un errore nel tentativo di rientrare sull'asfalto per infilarsi nella scia del campione del mondo. “È stata una caduta un po' stupida, perché la mia ruota anteriore è scivolata via mentre volevo uscire dal canale di scolo in cui stavo guidando. Con l'adrenalina raramente senti il ​​dolore direttamente, ma ora che sono a terra a pochi minuti dalla fine mi sento come se avessi dolore su buona parte del fianco destro, compresa l'anca e mi fa soffrire. Spero che non sia troppo grave… Controlleremo. Matteo è stato comunque fortissimo.

Van Aert ha commesso un errore mentre cercava di tornare sull'asfalto solo per scivolare nella scia di Van der Poel.

Un errore tecnico piuttosto sorprendente da parte di un pilota ciclocrossista che evidentemente non è immune da un semplice errore di guida. Ma a parte le ferite e gli ematomi, è soprattutto un colpo mentale quello che il residente di Anversa potrebbe subire nei prossimi giorni. Arrivato ad Harelbeke in cerca di orientamento, Van Aert se ne andò sconvolto e senza la fiducia che sperava di guadagnare dopo quasi un mese senza gare. Non è l'approccio migliore per il Giro delle Fiandre e la Parigi-Roubaix, i due monumenti per i quali ha scelto di interrompere i suoi preparativi. I seguaci del metodo Coué si accorgeranno che la WVA a volte diventa più forte dopo una caduta…

READ  Le scarpe dei giocatori dello Standard sono state riscaldate prima di El Clásico