Febbraio 3, 2023

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

“Vladimir ci ha risposto!”: la risposta del presidente russo ai timori delle mogli e delle madri dei soldati

Per settimane, i loro video hanno inondato l’Internet di lingua russa: madri e mogli di soldati russi mobilitati per combattere in Ucraina si riuniscono in tutta la Russia e chiedono che le promesse del presidente Vladimir Putin vengano mantenute.

Il Cremlino, avendo ordinato la mobilitazione parziale a settembre, ha assicurato che centinaia di migliaia di coscritti sarebbero stati sottoposti a un rigoroso addestramento, avrebbero ricevuto un buon equipaggiamento e non sarebbero stati inviati in prima linea.

Ma si registrano molti abusi: morte davanti alla folla; mobilitazione di uomini inadatti, padri di famiglia numerosa o anziani; Mancanza di attrezzature adeguate e di addestramento militare per molte reclute.

Questa mobilitazione incontrollata ha spinto le autorità ad ammettere “errori”ha suscitato preoccupazione tra i parenti dei soldati inviati in Ucraina.

Questa preoccupazione, che può trasformarsi in esasperazione, mette il Cremlino in una posizione scomoda: se le autorità sopprimono incessantemente ogni dubbio sull’attacco in Ucraina, la parola delle mogli dei soldati è sacra e la loro prigionia sconvolgerà la Russia.

Nel segno che il governo sta prendendo la cosa sul serio, Putin dovrebbe incontrare per la prima volta venerdì le madri dei soldati che sono stati inviati in Ucraina. Ma alcuni parenti si aspettano già un incontro attentamente studiato, senza discussione nel merito.
Incontrerai il signor Putin “Le madri dalla sua faretra gli faranno le domande giuste e lo ringrazieranno come sempre.”Olga Tsukanova, la madre di un giovane che fa il servizio militare, si rammarica.

“Dobbiamo risolvere il problema”

“Vladimir Vladimirovich, rispondi alle nostre domande!”licenzia questa donna che vuole assicurarsi che suo figlio di 20 anni non venga mandato illegalmente al fronte o al confine con l’Ucraina, dove cadono anche i proiettili.
È venuta appositamente a Mosca dalla città di Samara, 900 km a est, nella speranza di essere accolta al Cremlino. senza risultato. “Immagino che abbiano paura che facciamo domande imbarazzanti. Ma dobbiamo rimediare!”

Vladimir Putin ha risposto

READ  Un americano trasferito in Spagna dopo il rifiuto di un aborto a Malta: la reazione del governo maltese per la prima volta dopo le polemiche

Il presidente russo Vladimir Putin ha detto, venerdì, durante un incontro con le madri dei soldati dispiegati in Ucraina, Condividi il dolore Di chi ha perso i figli, chiedendo loro di non credere alle “bugie” dell’operazione militare.

“Voglio che sappiate che io, personalmente, e tutti i leader del Paese, condividiamo questo dolore. Sappiamo che nulla può sostituire la perdita di un figlio”.disse il signor Putin, serio.

Ha aggiunto che quest’anno si celebrerà la festa della mamma, che si celebra domenica in Russia “sentirsi ansiosi e preoccupati”, Tra le donne coinvolte, incl “I pensieri saranno con i loro figli”.

“La vita è più complicata di quella che vedi in TV o su Internet, dove non puoi fidarti di nulla. C’è così tanta disinformazione, inganno e bugie”. ha dichiarato Putin alle madri dei soldati. “Questo è sempre stato il caso, ma con le moderne tecnologie in mente, è diventato più visibile ed efficace”.Ha aggiunto, denunciando “attacchi mediatici”. Questo chiarimento fa eco alle leggi approvate dopo l’inizio dell’attacco in Ucraina che impongono dure pene detentive a coloro che sono accusati di trasmissione. “notizie false” sull’esercito o “Discredito”.

Chiedi informazioni sui conti

Il presidente russo sa quanto sia delicata la questione dei parenti dei soldati.
Nell’agosto del 2000, durante l’affondamento del sommergibile russo Kursk che causò la morte del suo equipaggio del 118, fu pesantemente criticato, accusato di essere lento a rispondere. Quindi dare il primo giro di vite al supporto.

Durante le due guerre in Cecenia, il movimento delle madri dei soldati ha anche messo in imbarazzo chi era al potere e ha alimentato un senso di risentimento in tutta la società russa.
Questa volta, di fronte a un clima di crescente repressione, le proteste delle mogli e delle madri dei soldati non mettono direttamente in discussione l’attacco in Ucraina, ma alcune denunciano le condizioni per l’invio dei loro parenti.

READ  Indignazione in Cina per le immagini di spettatori senza mascherina ai Mondiali

Il loro status di madri e mogli di uomini schiavi, andati a servire la patria, conferisce loro legittimità e una forma di protezione dalle persecuzioni, l’impossibilità di considerarle come normali avversari.
nella società russa, “C’è una sensazione inconscia che le donne abbiano un diritto”. Mettere in discussione il potere, osserva Alexei Levinson, sociologo del Levada Center indipendente.

Queste donne “Chiediamo che lo Stato svolga la sua funzione di + padre collettivo + dei mobilitatori”, Aggiunge. “Quando lo stato o il comandante militare non adempie ai propri doveri, le donne fanno richieste”.
Al momento, il movimento è disparato e scoordinato. Le chiamate dei parenti in difficoltà vengono trasmesse sui social network, dove intorno ai personaggi si radunano raduni informali.

È il caso di Olga Tsukanova che contemporaneamente combatte per una controversa avversaria, Svetlana Piunova, ricercata in Russia e accusata di promuovere teorie del complotto.
In un clima di crescente oppressione, altre donne temono ancora di finire nei guai o di peggiorare le condizioni di chi le è vicino parlando con la stampa, soprattutto straniera.

Abbiamo inviato lettere ufficiali alle autorità.Uno di loro ha scritto ad AFP, a condizione di anonimato. “Non sono i giornalisti che tireranno fuori i nostri uomini dalle trincee e non vogliamo causare loro altri problemi”.