Marzo 3, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Gli Stati Uniti rispondono alle milizie filo-iraniane in Siria e Iraq, ma evitano lo scontro diretto con Teheran

Gli Stati Uniti rispondono alle milizie filo-iraniane in Siria e Iraq, ma evitano lo scontro diretto con Teheran

Joe Biden ha avuto una giornata intensa, venerdì 2 febbraio. Tra le famiglie in lutto, ha assistito al ritorno dei corpi di tre soldati, uccisi in un attacco di droni in Giordania cinque giorni fa, alla base di Dover (Delaware). Poi, intorno alle 16, il presidente ha dato il via libera alla prima fase della ritorsione americana. Secondo la Casa Bianca, il tempo ha forzato questa coincidenza di calendario. Questa risposta militare era data per scontata dall’inizio della settimana.

Secondo il Comando Centrale degli Stati Uniti, circa 125 munizioni di precisione sono state usate contro 85 diversi obiettivi in ​​sette località – quattro in Siria, tre in Iraq – appartenenti al Corpo delle Guardie della Rivoluzione Islamica (la principale forza armata dell'Iran) e alle milizie filo-iraniane. Questi saranno centri di comando e intelligence, depositi di missili e droni e fabbriche di munizioni. L'operazione ha coinvolto bombardieri B-1 che volavano direttamente dagli Stati Uniti, insieme a un numero imprecisato di aerei da combattimento.

Si tratta di una reazione calcolata, catapultata, pianificata in più fasi distribuite nel tempo. Washington ha già cercato di limitare l’influenza regionale, garantendo al tempo stesso un messaggio di determinazione e riducendo le capacità operative dei gruppi target filo-iraniani. In questo delicato equilibrio, la percezione delle operazioni di ritorsione statunitensi è importante quanto la qualità delle operazioni. Tuttavia, vi è incertezza sulle conseguenze di questa escalation controllata e sulla capacità degli Stati Uniti di ripristinare la deterrenza. Ha aggiunto: “Gli Stati Uniti non vogliono un conflitto in Medio Oriente o in qualsiasi altra parte del mondo. Joe Biden ha detto venerdì in una dichiarazione. Ma chi vuole farci del male lo sappia bene: se tocchi un americano, noi risponderemo. »

Leggi l'analisi | Il materiale è riservato ai nostri abbonati Joe Biden rischia un'escalation con l'Iran dopo l'uccisione di tre soldati americani in Giordania

Gli obiettivi “sono stati scelti per evitare vittime civili”

Gli scioperi rappresentano a “Violazione della sovranità irachena”Il portavoce militare del primo ministro iracheno Muhammad Shea Al-Sudani ha dichiarato in un comunicato di avere paura “Gravi conseguenze per la sicurezza e la stabilità dell’Iraq e della regione”.. Da parte sua, la Casa Bianca ha confermato che il governo iracheno era stato avvertito poco prima degli attacchi. Non si hanno invece notizie di contatti diretti o indiretti con Teheran negli ultimi giorni. Gli Stati Uniti hanno ancora circa 2.500 soldati in Iraq e 800 soldati in Siria, ma è chiaro che il Paese è impegnato nella logica del ritiro, dopo il ritiro dell’Afghanistan nell’estate del 2021.

READ  L'Azerbaigian accusa la Russia di non aver rispettato i suoi obblighi

Hai il 65% di questo articolo da leggere. Il resto è riservato agli abbonati.