Aprile 24, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

L’Unione Europea cercherà di ridurre le regole agricole lunedì, in occasione di una fiera dei trattori a Bruxelles

L’Unione Europea cercherà di ridurre le regole agricole lunedì, in occasione di una fiera dei trattori a Bruxelles

Dall'alba diversi convogli si sono incontrati a Bruxelles Secondo la RTBF. Dovrebbero esserci “almeno diverse centinaia” di trattori, “tra 500 e 800”, per paralizzare nuovamente il quartiere europeo, stima Foggia, il secondo sindacato agricolo vallone.

Oltre alle principali organizzazioni belghe, sono attese le delegazioni della Spagna, del Portogallo e della potente federazione sindacale italiana Coldiretti a presentare le loro rivendicazioni al Consiglio europeo. Desiderosi di disinnescare il malcontento, gli Stati membri hanno chiesto alla Commissione europea di semplificare ampiamente le regole della politica agricola comune.

Le misure possono essere attuate rapidamente

Bruxelles ha presentato le prime idee, che lunedì saranno all'esame dei ministri: quest'anno gli obblighi di manutenzione dei prati perenni dovrebbero quindi essere allentati per gli allevatori in riconversione, per non perdere reddito. Allo stesso modo, sarà data tolleranza agli agricoltori che non rispettano i requisiti della politica agricola comune a causa di eventi meteorologici estremi. Infine, gli obblighi di rendicontazione saranno ridotti e l’uso delle immagini satellitari contribuirà a ridurre le visite di ispezione “fino al 50%”.

Bruxelles ha già accettato un'esenzione parziale dagli obblighi di maggese. Diversi stati richiederanno una flessibilità simile per quanto riguarda gli obblighi di rotazione delle colture. “La discussione di lunedì si concentrerà su queste misure a breve termine che possono essere attuate molto rapidamente”, conferma un diplomatico europeo, in vista di possibili revisioni legislative della politica agricola comune, che sono più complesse e potrebbero coinvolgere i membri del Parlamento europeo.

L'esecutivo europeo conferma che sta valutando tali modifiche legislative nel “medio termine” per “ridurre il peso” sulle aziende agricole. A margine della fiera agricola di Parigi, il commissario per l’agricoltura Janusz Wojciechowski ha dichiarato domenica di essere disponibile a considerare semplicemente alcuni impegni ambientali, come i terreni a riposo o la rotazione delle colture, un mero “stimolo”.

READ  "Tax-Free Index": qual è questa metrica di 1,2 miliardi di euro che è una via d'uscita dalla crisi?

“prezzi onesti”

Ma le organizzazioni che hanno manifestato lunedì hanno considerato le misure proposte insufficienti. In particolare chiedono la “cessazione definitiva” dei negoziati commerciali con i paesi del Mercosur in Sud America, dopo che Bruxelles si è semplicemente resa conto che le condizioni “non sono attualmente soddisfatte” per la conclusione di questi negoziati.

In primo luogo, chiedono una “migliore condivisione del valore” con produttori e distributori. “Dobbiamo garantire (agli agricoltori) prezzi equi e stabili, protetti dalla speculazione”, insiste il Coordinamento Agricolo Alternativo Via Campesina. “L’agricoltura attraversa una crisi economica che peggiora ogni anno”, tra l’inflazione dei prezzi dei fertilizzanti e dell’energia da un lato e il calo dei prezzi di vendita dall’altro.

A ciò si aggiunge il fatto che “le quote di grano ucraine stanno inondando il mercato”, nota Vincent Delobel, allevatore di capre e direttore di Foggia. A dire il vero, Bruxelles ha proposto misure per limitare le importazioni ucraine, che sono già state approvate nel 27esimo incontro e sono ora in discussione al Parlamento europeo. Senza soddisfare il settore agricolo: lo zucchero, il pollame e le uova ucraini avranno un limite, ma ai livelli 2022/2023, considerati troppo alti, e questa restrizione non riguarda i cereali.