Aprile 20, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Video – Quali sono i rischi per la salute causati dai prodotti chimici perfluorurati, gli “eterni inquinanti”?

Una startup francese ha sviluppato un metodo per estrarre sostanze perfluorurate, o PFAS, dall'acqua.
Questi composti chimici vengono utilizzati nella fabbricazione di utensili o indumenti.
Può causare varie malattie, incluso il cancro.

Segui la copertura completa

E noi

Si trovano negli utensili, nei cosmetici e perfino negli indumenti impermeabili: le sostanze perfluorurate, o PFAS, vengono utilizzate per la loro elevata resistenza, ma quando si diffondono in natura possono essere dannose per la salute.

“I perflurani sono composti chimici interamente prodotti dall’uomo a partire dagli anni ’40”.Lo spiega nella relazione in apertura dell'articolo di Yann Le Houdec, direttore generale dei Laboratori Eurofins. Chiamiamo questi composti “Inquinanti eterni” Resistente al fuoco e all'acqua. Un esempio di questo è il Teflon, che è il materiale che rende le padelle antiaderenti.

Anche se si trovano negli oggetti di uso quotidiano, il loro utilizzo non presenta alcun pericolo, come spiega Yann Le Houdec: “I perfluorani non si accumulano nel corpo semplicemente usando una padella antiaderente o indossando indumenti. È il processo di produzione di questi perflurani che genera forme di questa sostanza chimica che possono essere pericolose per gli uomini.”

Una nuova invenzione per sbarazzarsene

Questi componenti presenti in natura e soprattutto nell’acqua possono causare diverse malattie: “Ci sono prove abbastanza forti sugli effetti sul sistema immunitario, soprattutto nei bambini, così come sul rischio di infertilità e soprattutto sul rischio di sviluppare alcuni tipi di cancro”.“, spiega la ricercatrice dell'Inserm (Istituto nazionale per la sanità e la ricerca medica) Francesca Mancini. In Europa la soglia di rischio è stata fissata a 0,5 microgrammi per litro.

READ  È possibile superare il vaginismo?

Quindi, per eliminare i PFAS, negli Stati Uniti esistono impianti di trattamento delle acque reflue dotati di filtri a carbone attivo che estraggono questi inquinanti. In Francia, questa tecnologia non è ancora stata sviluppata, nota Anne de Christe, direttrice delle operazioni idriche di Veolia: “Lavoriamo (…) basandoci su studi, ricerche, tecnologie e poi sui sistemi che vengono messi in atto.”

  • John Moore/Getty Images Nord America/Getty Images tramite AFP

    Leggi anche

    “Inquinanti eterni”: un farmaco miracoloso scoperto dai medici svedesi?

Ma ora c’è una soluzione alternativa: la startup francese SPUMA ha depositato un brevetto per un additivo in grado di purificare l’acqua con il 99% di sostanze perfluorurate. “L'additivo agirà come una spugna PFAS. Il PFAS finirà per legarsi all'additivo sotto forma di schiuma. Quindi, tutto ciò che dobbiamo fare è estrarre la schiuma e il PFAS se ne andrà.”Spiega il tossicologo Hugo Caronier. La commercializzazione di questa invenzione è prevista nelle prossime settimane. Ma c’è ancora una sfida per la startup: trovare un modo per distruggere i PFAS catturati da questa schiuma.


GB Reportage TF1: Leah Kabadani, Kelvin Genlac