Aprile 18, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Il Gruppo SEB mette in gioco i posti di lavoro prima delle discussioni

Il Gruppo SEB mette in gioco i posti di lavoro prima delle discussioni

La direzione del gruppo degli elettrodomestici si unirà ai sindacati e a diverse centinaia di dipendenti per manifestare mercoledì davanti all'Assemblea nazionale e fare così pressione sui deputati alla vigilia dell'approvazione di questa legge in prima lettura da parte del Parlamento. Il deputato dell'EELV per la Gironda, Nicolas Thierry.

Il gruppo ha già annunciato che all'incontro di mercoledì alle 14, davanti all'Assemblea nazionale, parteciperanno circa 600 persone. Gli autobus arriveranno da Lourdes (Alti Pirenei), Lurcy, Is-sur-Tille (Côte d'Or), Pont-Évec (Isère), Romilly (Alta Savoia), Mayenne (Maine), Saint-Loup (Manche ) e la sede centrale a Ecoly (Rodano), secondo l'Amministrazione. SEB segnala di non utilizzare Teflon nei suoi rivestimenti antiaderenti e conferma che la sostanza PFAS utilizzata in particolare nella fabbricazione delle famose padelle Tefal non presenta rischi per la salute.

Quasi indistruttibile

Le sostanze quasi indistruttibili, le sostanze perfluoroalchiliche, o PFAS, ampiamente utilizzate nell'industria chimica, si accumulano nel tempo nell'aria, nel suolo, nell'acqua dei fiumi, negli alimenti e persino nel corpo umano, da qui il loro soprannome di inquinanti “eterni”.

Alcuni esperti definiscono queste molecole “la più grande minaccia chimica del 21° secolo”, ma sono considerate in parte essenziali dall’industria. Il disegno di legge prevede specificamente di vietare la produzione e la vendita di alcuni prodotti che contengono PFAS. Sarà discusso e messo ai voti dai rappresentanti giovedì, il giorno dopo la manifestazione.

Il presidente del gruppo francese di elettrodomestici SEB, Thierry de la Tour d'Artis, ha stimato domenica in un'intervista al quotidiano “La Tribune” che “mischiare componenti che non hanno nulla a che fare tra loro è una sciocchezza”, sottolineando che “si tratta di 3.000 posti di lavoro” in Francia”, con due siti produttivi a Romilly (Alta Savoia) e Tournoux (Saône-et-Loire).

READ  Le donne sono chirurghi migliori degli uomini?

Ha aggiunto: “I prodotti Tefal – come tutti i prodotti SEB – non contengono PFAS che le autorità sanitarie considerano dannosi per la salute o per l'ambiente”.

Vai più veloce dell’Europa

Dopo aver acquistato il marchio Tefal nel 1968, il gruppo “decise di produrre il proprio rivestimento”, utilizzando un’altra formula che consentisse al rivestimento di aderire all’alluminio e non contenesse PFOA (acido perfluoroottanoico), un ingrediente precedentemente utilizzato da DuPont. Il gruppo ha detto all'AFP che la società è coinvolta nell'inquinamento, soprattutto negli Stati Uniti.

Sullo stesso argomento



PFAS eterni inquinanti: il rapporto che svela l'entità dei danni

Dopo settimane di attesa, venerdì 14 aprile è stato pubblicato il rapporto ufficiale sulla contaminazione del nostro ambiente da PFAS. Questi composti, persistenti e tossici per l’uomo e gli organismi, sono presenti ovunque – aria, acqua e suolo – senza un adeguato sistema di controllo e senza un processo di rimozione comprovato.

La formula utilizzata oggi da SEB contiene PTFE (politetrafluoroetilene), un altro PFAS che secondo il gruppo non presenta rischi ed è “completamente inerte e insolubile”.

Argomentazioni che il deputato Nicola Thierry, autore del disegno di legge, in contatto con l'AFP, considera “molto fragili”: “Il PFOA è comunque vietato dal 2020 e da allora è stato riconosciuto dal Centro internazionale per la ricerca sul cancro (Circ). cancerogeno per l’uomo”. Lui ricorda. Altri PFAS utilizzati rimangono invece altamente persistenti nell'ambiente, sia durante la produzione che al termine della vita del prodotto, aggiunge.

Per quanto riguarda le possibili conseguenze sociali del divieto del PFAS sulla SEB, il deputato ritiene che “l’industriale si è trovato in uno stato di incertezza”, viste le cause legali che hanno colpito i giganti della chimica, alcuni dei quali hanno pagato somme molto ingenti. Per sfuggire al processo.

READ  L'astronauta Thomas Bisquet è tornato sulla Terra

L’ultimo ad oggi, il Gruppo 3M, produttore in particolare di Scotch e Post-it, ha accettato nel giugno 2023 di pagare fino a 12,5 miliardi di dollari nell’ambito di cause legali intentate da diverse reti pubbliche di distribuzione di acqua potabile sulla contaminazione da PFAS.