Luglio 1, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Vampire: The Masquerade – Swansong, una succulenta indagine


Spesso superati al cinema o nelle serie, i vampiri sono ancora popolari nei videogiochi e Vampire: The Masquerade – Swansong non manca di confermarlo. Benvenuti a Boston, dove la comunità dei vampiri è in allerta da quando è emersa una voce sul segreto della loro esistenza. Questo segreto chiamato Masquerade sarà in pericolo e il principe del clan Camarilla desidera avere un cuore puro da lui. Ha quindi inviato tre vampiri, Emem, Galeb e Leysha, per indagare su queste voci e, se vere, per impedire che il segreto venisse svelato.

Mondo complesso e gameplay

Potresti anche ammetterlo subito, iniziare con il gioco è piuttosto scoraggiante per un principiante della licenza. L’universo è davvero molto ricco, al punto da perdersi in mezzo a tutti i termini, clan, personaggi e trame equilibrate fin dall’inizio. Fortunatamente, ti è stato fornito un manoscritto per orientarti più facilmente. Ma devi aspettare tre ore prima di iniziare a padroneggiare questa combinazione.

Anche il gameplay è difficile da comprendere con le sue molteplici abilità e specialità che si aggiungono nel corso dell’avventura. Ma una volta che lo padroneggi, il gioco diventa un vero sandbox e le possibilità sono diverse e molto utili. Come un buon gioco di ruolo, Vampire: The Masquerade – Swansong chiede al giocatore di compilare le schede di ogni personaggio per personalizzare la propria esperienza. L’indagine è scandita da interazioni con gli NPC che dovranno essere persuasi attraverso conversazioni logiche per svelare tutti gli indizi del mistero. Sarebbe indigesto includere in questa prova tutte le peculiarità del gameplay, perché è così ricco. In generale, si compone di un susseguirsi di fasi di ricerca, discussione e infiltrazione, con poteri per ciascuno dei tre eroi. Il fallimento è possibile, ma raramente porta a un vicolo cieco. E questo è anche uno dei suoi punti di forza, poiché la possibilità di rigiocabilità diventa interessante. Il finale varia a seconda del suo viaggio e l’inizio del secondo round probabilmente offrirà una nuova esperienza, anche se il gioco è generalmente lineare.

vera indagine

Per apprezzare Vampire: The Masquerade – Swansong, non dovresti aver paura di leggere e passare il tempo a girare in tondo. È necessario perquisire ogni angolo alla ricerca di prove, oggetti o personaggi che faranno avanzare l’indagine. Anche gli enigmi sono messi insieme molto bene, lontani da quello che siamo abituati a vedere in altri videogiochi che hai da offrire. Qui, il giocatore deve essere pronto a prendere appunti per cercare di risolvere i veri enigmi.

bug sfortunati

Oltre alla difficoltà di padroneggiarne il mondo e il gameplay, il gioco ha anche difetti visivi. A prima vista, sembra semplice ed elegante, rivela molti errori nelle scene: sguardi vuoti, occhi che si muovono in modo innaturale e bocche congelate in rari momenti mentre il personaggio sta parlando. È anche un peccato che il gioco non sia in francese dal menu principale, dove devi andare e toccare le impostazioni. Ma i suoni rimangono in inglese con una traduzione in francese. Nonostante questi pochi punti neri, Vampire: The Masquerade – Swansong rimane un gioco atipicamente eccitante se ti prendi il tempo per immergerti.

Punti positivi

1. Essere molto ricchi

2. Giocattoli originali Jr.

3. L’indagine è molto interessante

negativi

1. Difficile iniziare per i principianti

2. I suoni sono in inglese mentre lo studio è in francese

3. Alcuni errori visivi

READ  Windows 11, Microsoft ha incontrato 190.000 di questi PC in 5 settimane