Dicembre 8, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Uno studio rileva che il DNA di Neanderthal può essere collegato al fumo e al consumo di alcol

Uno studio ha rivelato che il DNA di Neanderthal potrebbe contribuire allo sviluppo di alcuni comportamenti umani come il fumo, il consumo di alcol o persino il sonno.

“I nostri risultati indicano che i Neanderthal erano portatori di molteplici varianti che aumentano significativamente il rischio di fumare nelle persone di oggi”, ha affermato in un comunicato stampa Michael Dannerman, professore associato di genomica evolutiva all’Università di Tartu e autore principale dello studio.

La scoperta nel 2010 di piccole tracce di DNA di Neanderthal nei nostri geni ha portato un gruppo di scienziati a rivalutare i fattori di rischio per disturbi comportamentali, tossicodipendenza e disturbi del cervello umano, come malattie neurologiche o psichiatriche.

Un team internazionale di scienziati, guidato da ricercatori dell’Università estone di Tartu, ha analizzato le associazioni del DNA di Neanderthal, tracciando un’ampia gamma di abitudini umane e modelli psicologici.

Secondo Stefan Gold, MD, professore di neuropsichiatria, che ha co-diretto lo studio, le importanti associazioni tra il DNA di Neanderthal con l’alcol e l’abitudine al fumo potrebbero “aiutarci a svelare l’origine evolutiva dei comportamenti di dipendenza e di ricerca di droga e di ricompensa”.

“Questi risultati forniscono candidati importanti per ulteriori test funzionali e potrebbero aiutarci in futuro a comprendere meglio la biologia di Neanderthal”, ha affermato Michael Dannerman.

READ  La luna si era formata in poche ore