Maggio 22, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Uno degli accusatori di Harvey Weinstein sta valutando la possibilità di testimoniare nuovamente in tribunale

Questo ribaltamento da parte della Corte d'Appello di New York”mi ha fatto male”ha detto Mimi Haley, una figura chiave nel processo del 2020, al termine del quale il signor Weinstein è stato condannato a 23 anni di prigione.

Durante una testimonianza punteggiata da singhiozzi, l'ex assistente di produzione ha raccontato di come il produttore lo abbia inchiodato al letto, prima di togliergli la spina e costringerlo al cunnilingus, nonostante i suoi ripetuti rifiuti.

Una storia dolorosa che potrebbe doversi ripetere nel potenziale caso di un nuovo processo.

Sicuramente non voglio che accada di nuovo, ma andando avanti e facendo ciò che è giusto (…) ci penseròLa signora Healey lo ha spiegato durante una conferenza stampa.

Ha sottolineato che questa scelta non è affatto semplice.

La gente non sa davvero cosa ho dovuto passare e cosa hanno dovuto passare le altre donne.“Ho litigato.”È estenuante, è difficile. (…) Viviamo per anni nella paura (…) e poi siamo esposti alle molestie.

Dovrei fermarmi un attimo a pensarci“, ha ammesso.

Ha detto che il ribaltamento della condanna del signor Weinstein “rappresenta un momento decisivo nella storia”. “Dobbiamo continuare ad andare avanti e difendere la verità.

Gli avvocati di Harvey Weinstein hanno sempre creduto che il produttore non avesse diritto a un giusto processo a New York: l'accusa ha citato solo due presunte vittime, ma diverse altre donne hanno testimoniato senza partecipare direttamente al processo.

Giovedì la Corte d'appello ha dato loro ragione, concludendo che queste testimonianze erano state ammesse “impropriamente”.

La soluzione a questi errori scioccanti è una nuova esperienza“, hanno stabilito i giudici d'appello.

READ  Nonostante tre divorzi, Jennifer Lopez è pronta a risposarsi

La decisione rappresenta una grave battuta d'arresto per il movimento #MeToo, esploso nel 2017 con il rilascio di dozzine di donne per essersi espresse contro Weinstein.

La signora Healy ha affermato che se si tenesse un nuovo processo, il produttore dovrebbe essere nuovamente condannato.

La verità non cambiaha insistito. “Le prove ci sono ancora, quindi non vedo perché questo porterebbe a un risultato diverso.”

Il signor Weinstein rimane comunque dietro le sbarre, essendo stato condannato a 16 anni di prigione durante un secondo processo a Los Angeles.

Dal 2017, decine di donne, tra cui Angelina Jolie e Gwyneth Paltrow, lo hanno accusato di molestie, violenza sessuale o stupro. Ma in molti di questi casi i termini di prescrizione sono scaduti.