Maggio 22, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Un’altra vittima della vera Martha di ‘My Little Reindeer’ esce dall’ombra: “Mi è stato subito chiaro che era lei la mia stalker”

dice Laura Rae, una giovane donna scozzese e vedova dell’ex deputato Jamie Rae Specchio Essere una ex vittima di Fiona Harvey (Martha in Baby Reindeer). Questo studio ha nominato per la prima volta Fiona Harvey nel 1997 all’interno del suo studio legale di Glasgow. Solo una settimana dopo, Laura Way ha deciso di licenziare la ragazza che conoscevamo come Martha con l’accusa di “abuso”. Lei era “Completamente incapace di agire correttamente“, spiega l’ex presidente.

La vera Martha di “Little Renty” spiega in un’intervista che volevamo tenderle una trappola

Qui il suo ex dipendente diventa lo stalker di Laura. Quest’ultimo sostiene di essere stato perseguitato tramite e-mail, SMS e telefonate. Fiona Harvey non si ferma qui e cerca di contattare l’entourage di Laura Way. E la ciliegina sulla torta: il molestatore è arrivato al punto di denunciare il suo ex capo ai servizi sociali per “I suoi presunti maltrattamenti [propre] Cattivo“.”Alla fine, tutte le accuse furono ritirate, ma fu allora che lei chiese un’ingiunzione temporanea“, spiega Laura Y. Fortunatamente, dopo questo evento, la giovane non ha più notizie del suo molestatore. Fino al giorno in cui scopre una nuova grande serie su Netflix.

Alla scoperta di Marta

Secondo l’ex vittima la somiglianza tra il suo molestatore e l’attrice non lascia dubbi. “È diventato chiaro a me, così come alle persone intorno a me, che quella era la persona che mi perseguitavadice Laura Way.

Sebbene ora sia calma, Laura si sente in ansia. “Verrai di nuovo a cercarmi? Sta di nuovo condividendo ogni genere di cose su Facebook. Mi sta accusando di nuovo. Non sai dove andrà a finire“, racconta alla stampa britannica.

READ  La sua fiducia critica in una relazione impossibile con Stefan...

La giovane donna decodifica l’atteggiamento di Fiona Harvey nei confronti dei media sin dall’uscita del film Cucciolo di renna. “I suoi amici, se ne ha, dovrebbero aiutarla e calmare le cose, ma lei non vuole calmare le cose, e una parte di lei lo apprezza davvero.“, spiega Laura Way.

“Sono io la vittima, non Richard Gadd”: la vera Martha di “My Little Reindeer” rompe il silenzio dopo aver ricevuto minacce di morte