Maggio 23, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Una donna racconta come Trump l’abbia aggredita sessualmente in tribunale

Una donna racconta come Trump l’abbia aggredita sessualmente in tribunale

Già rompendo il silenzio nel 2016 sul New York Times, Jessica Leeds, 81 anni, ha raccontato davanti al tribunale civile federale di Manhattan come, “nel 1978-1979”, su un volo per New York, si fosse alzata dal suo posto in prima classe perché un l’uomo d’affari ha provato a baciarlo sul collo e poi gli ha messo le mani sul corpo.

La signora Leeds ha confermato nel processo civile apertosi la scorsa settimana per presunto stupro e diffamazione, intentato dalla signora Carroll, che chiede un risarcimento a Donald Trump.

Di fronte ai nove giurati, Jessica Leeds ha spiegato sotto giuramento di aver trovato la forza al momento di alzarsi e andarsene quando “il signor Trump ha messo le mani sotto la mia camicetta”.

Donald Trump promette di “schiacciare” Joe Biden nel 2024

“Mi è sembrata un’eternità” quando è successo in pochi “secondi”, ha aggiunto questa donna, chiamata a testimoniare dall’avvocato della signora Carroll, che accusa l’ex presidente degli Stati Uniti di averlo stuprato in spogliatoio di un grande magazzino a New York nel 1996.

Donald Trump, che non ha partecipato al processo, confuta le accuse e afferma di non aver mai incontrato questo ex giornalista che era in particolare un editorialista della rivista Elle.

Jessica Leeds ha spiegato di aver rotto il silenzio solo nel 2016, quando, durante un dibattito presidenziale contro Hillary Clinton, Donald Trump ha affermato di avere “rispetto per le donne” e di non aver commesso alcuna violenza sessuale.

I giurati hanno potuto assistere a questa serie televisiva, durante la quale il candidato repubblicano è stato costretto a difendersi dopo aver trasmesso osservazioni ingiuriose alle donne.

READ  l'Ucraina a reçu des avions de chasse et des pièces détachées pour renforcer son armée de l'air

“Ero furioso che stesse mentendo”, ha detto la signora Leeds.

Martedì mattina presto, un’amica di E. Jean Carroll e l’editorialista Lisa Birnbach hanno confermato il racconto del denunciante.

Ha confermato di averla chiamata subito dopo i presunti incidenti del 1996 per dirle che Donald Trump l’aveva “attaccata”.

“Voglio che il mondo sappia che stava dicendo la verità”, ha detto Birnbach.

Questo testimone è stato anche interrogato dalla difesa di Donald Trump sulle dichiarazioni poco lusinghiere che ha fatto sull’ex presidente, che ha definito un “narcisista sociale”, un “agente russo” e un “impiegato di Putin”.

Commenti che ho assunto martedì.

Donald Trump non è stato perseguito penalmente per stupro in questo caso. E. Jean Carroll ha presentato la denuncia sulla base di uno statuto dello stato di New York lo scorso novembre che prevede questa possibilità di un anno per i casi di violenza sessuale prescritti penalmente.