Giugno 21, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Una donna è stata condannata a 30 anni di carcere per stregoneria e omicidio della moglie

Una donna è stata condannata a 30 anni di carcere per stregoneria e omicidio della moglie

Il pubblico ministero aveva chiesto la stessa condanna a trent’anni di reclusione giovedì contro la principale accusata, Christy Dubbin, ex autista di autobus di 42 anni, per la sua responsabilità “primaria” in quell’assassinio.

Il tribunale ha sospeso questa condanna per i due terzi del periodo di sicurezza, secondo gli ordini del Pubblico Ministero.

Silvia, impiegata in un negozio di bricolage e madre di due figli, è stata assassinata il 23 marzo 2019 nel parcheggio del suo palazzo nel 17° arrondissement di Parigi. Il suo corpo fu ritrovato un mese dopo nel sottobosco della Val d’Oise.

Sylvia ha annunciato di volersi separare da Christy Dubin a metà del 2018 dopo quattro anni di matrimonio e ha iniziato una nuova relazione.

Il 13 febbraio 2019, ha firmato il consenso di Christie Dubin per adottare i gemelli che ha dato alla luce nel 2013. Ma aveva due mesi per tirarsi indietro.

Christie Dupin ha affermato di aver agito sotto l ‘”influenza” di una sacerdotessa vudù di Haiti, che avrebbe dato le sue istruzioni per la “delusione” che è andata storta.

Venerdì mattina, prima che il tribunale si ritiri per deliberare, ha chiesto “la grazia di tutta la famiglia”, dicendo: “(siamo) veramente dispiaciuti per quello che è successo”.

Questa ipotesi di “delusione” è stata respinta dal Solicitor General, che ha descritto il voodoo come un semplice motivo per “spostare” Christy Dubin verso l’obiettivo prefissato, “eliminare la madre dei suoi figli” per ottenere una posizione con loro “D”.

READ  Trump torna sulla CNN, il suo acerrimo nemico

Sabrina Moreau, che all’epoca era la nuova fidanzata di Christie Dubin, ed Evin Webster, un caro amico di origine haitiana che aveva cercato di stare nella scatola al suo fianco dal 28 marzo, furono condannati rispettivamente a 18 e 25 anni di carcere. , per l’omicidio.

Il pm aveva chiesto nei loro confronti pene detentive comprese tra i 20 e i 22 anni e 25 anni.

Solo Sabrina Morrow ha sempre capito che quando il trio attirava la vittima nel parcheggio, l’obiettivo era “ucciderla”.