Aprile 14, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Una delle più grandi vendite di gioielli della storia sta generando polemiche

Una delle più grandi vendite di gioielli della storia sta generando polemiche

ILChristie’s sta lanciando un’asta online da mercoledì di centinaia di gioielli di proprietà del miliardario austriaco Heidi Horten, il cui marito, un uomo d’affari tedesco, ha fatto fortuna sotto i nazisti. L’origine di questa ricchezza ha gettato confusione su questa vendita, criticata da alcuni storici sui media.

Più di 700 gioielli che erano in possesso di questo pastore austriaco (1941-2022) fanno parte di questa collezione, che ha un valore di oltre 150 milioni di dollari. Quattrocento pezzi saranno distribuiti indoor a Ginevra il 10 e 12 maggio, e il resto sarà mostrato online dal 3 al 15 maggio e poi a novembre.

Spilla Bvlgari – AFP

La vendita potrebbe superare i precedenti record stabiliti da Christie’s quando le vendite delle proprietà di proprietà dell’attrice Elizabeth Taylor nel 2011 e del Maharaja and Mughal Magnificence Group hanno superato i 100 milioni di dollari nel 2019. “Questo è un momento”, ha dichiarato Anthea Pearce, Head of EMEA. .

Tra i pezzi ci sono pezzi eccezionali del XX secolo di Cartier, Harry Winston, Boivin, Van Cleef & Arpels, oltre a un’importante selezione di perle, pezzi di giada e creazioni Bulgari degli anni ’70, ’80 e ’90.

Nata nella capitale austriaca, figlia di un incisore, ha lavorato in uno studio legale dopo aver completato la scuola alberghiera. Secondo Christie, ha incontrato il suo futuro marito mentre era in vacanza con i suoi genitori in un villaggio austriaco, prima di sposarlo nel 1966.

Titolare di una delle più grandi catene di grandi magazzini della Germania, il signor Horten muore nel 1987 a Croglio, nel cantone svizzero del Ticino, dove ha sede l’azienda che porta il suo nome.

READ  "Ci siamo innamorati sotto la tenda" (foto)

La fondazione lo descrive come “un imprenditore con un forte senso di responsabilità sociale” che alla fine degli anni ’50 ha lanciato “il primo supermercato tedesco basato sulle abitudini del consumatore americano”. Il Canton Ticino afferma sul suo sito web di aver “costruito il suo impero dagli anni ’30, durante i quali ha acquisito molte proprietà”. Nel 1936, tre anni dopo che Adolf Hitler divenne cancelliere tedesco, rilevò l’azienda tessile Alsberg dopo che i suoi proprietari ebrei erano fuggiti, prima di rilevare diversi altri negozi di proprietà ebraica prima della guerra.

Successivamente è stato accusato da alcuni di aver approfittato dell ‘”arianizzazione” della proprietà ebraica (azioni di espropriazione volte ad alienare attività commerciali di proprietà di persone di origine ebraica). “Dopo la fine della seconda guerra mondiale, fu catturato dagli inglesi e tenuto fino al 1948 in un istituto nella Germania occidentale”, il soggetto si riferisce al Canton Ticino. Secondo un rapporto pubblicato nel gennaio 2022 da storici commissionati dalla Fondazione Horten, tra cui il professor Peter Horace, era effettivamente un membro del partito nazista, prima della sua espulsione da esso, e successivamente è stato esonerato dal Comitato di denazificazione.

Donare soldi

“Christie’s non ha mai avuto intenzione di nascondere informazioni sulla storia ben documentata di Mr. Horton”, ha detto domenica all’AFP l’amministratore delegato Guillaume Cerutti, “e abbiamo aggiunto informazioni rilevanti ai documenti di vendita e al nostro sito web per garantire che i fatti siano chiari a tutti”.

La decisione di procedere con la vendita è stata presa “dopo un’attenta considerazione, compreso il significato dell’impatto di beneficenza della vendita, nonché una consapevolezza delle pratiche commerciali ben documentate del signor Horten” durante l’era nazista, quando acquistò attività commerciali ebraiche vendute sotto costrizione.

READ  La riconciliazione tra Harry e la famiglia reale rimane "possibile" prima dell'incoronazione | Harry e Meghan fanno un passo indietro dalla famiglia reale

I proventi della vendita andranno alla Fondazione Heidi Horten, istituita nel 2021 per sostenere l’omonima collezione, oltre alla ricerca medica, alla protezione dei bambini e ad altre attività di beneficenza che la ricca ereditiera sostiene da molti decenni.