Dicembre 7, 2021

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

20 anni dopo il primo film di Harry Potter, il regista consegna i suoi ricordi delle riprese

Vent’anni fa è stato presentato per la prima volta il tanto atteso adattamento del libro di J.K. Rowling “Harry Potter e la pietra filosofale”. In occasione di questo anniversario, il rivista americana di varietà Ha intervistato il regista Chris Columbus dietro le quinte di questo film cult.

A quel tempo, il regista era ben consapevole del peso che portava sulle spalle. “Ero molto consapevole che se avessi rovinato questo film, probabilmente non avrei mai più lavorato,Confida Chris Columbus.

Un momento di estasi è stato subito seguito da un panico intenso

Spiega di aver incontrato JK Rowling fin dall’inizio. “Lei aveva l’ultima parola,” Determina. “Stavo visitandola in Scozia e abbiamo parlato per circa 3 ore. Le ho spiegato come ho visto il film. Quando parlavo non ha detto molto. Ma quando ho finito, ha detto solo: ‘Ho visto il film esattamente allo stesso modo.'” Poi ho pensato: ‘Oh mio Dio, va bene! “È stato un momento di euforia, presto seguito da grande panico”.

Il manager spiega che pensa di doverlo fare “Sto realizzando un film che avrebbe deliziato i fan, ma anche… dato che sono un fan. Ero tipo, ‘dovrei fare questo film per me stesso’ e non ho pensato ai miliardi di dollari . Gli occhi sarebbero caduti su questo film.”

Il regista spiega anche che anche girare con i bambini è stata una sfida. “Le prime settimane, tutti i ragazzi erano così entusiasti di far parte del film di Harry Potter che hanno continuato a sorridere davanti alla telecamera. È stato davvero difficile come regista”. E poi, di film in film, Sono diventati molto professionali. Conferma.

Una delle scene più difficili da girare è stata quella di Quidditch. “Abbiamo lavorato molto su uno sfondo verde, quindi eravamo in una situazione in cui i bambini non potevano vedere nulla. Non possono lavorare con cose tangibili”, Sviluppato da Chris Columbus.

Alan Rickman Sapeva esattamente come suonava Snape dalla sua prima scena

Il regista spiega che lui stesso ha dovuto recitare come attore per aiutare i bambini sul set. “Pour eux, le plus difficile était de devoir interagir avec des chooses qui n’étaient pas là. J’ai du faire semblant d’être tous les personnages (qu’ils ne pouvaient pas voir à cause des effets spéciaux), que soit Voldemort sur le crâne du professeur Quirrel ou le Basilic dans le deuxième film. for loro.”

Chris Columbus rivela anche che l’attore Alan Rickman sapeva già come si sarebbe sviluppato il suo personaggio Snape in questa saga. “Ho cenato con J.K. Rowling e gli ho spiegato dove stava andando il personaggio”.Dice il regista. Allora, Alan Rickman “Sapeva esattamente come interpretare Piton dalla sua prima scena. Perché sapeva come sarebbe finito Piton nei libri.”

READ  Kevin Owens ringrazia i fan per il loro supporto e rivela la sua data di ritiro