Giugno 23, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Un veicolo spaziale senza equipaggio danneggiato di ritorno dalla Stazione Spaziale Internazionale sulla Terra

Un veicolo spaziale senza equipaggio danneggiato di ritorno dalla Stazione Spaziale Internazionale sulla Terra

Una navicella spaziale che ha subito danni lo scorso anno in seguito all’impatto di alcuni detriti torna sulla Terra questa settimana dalla Stazione Spaziale Internazionale ISS. Non ci sono membri dell’equipaggio a bordo. Gli astronauti che avrebbero dovuto tornare con la navicella rimarranno sei mesi in più sulla Stazione Spaziale Internazionale e torneranno sulla Terra con un veicolo sostitutivo.

La navicella spaziale Soyuz MS22 si è allontanata dalla Stazione Spaziale Internazionale ieri, martedì, alle 11:57 (ora belga). A causa della gravità, dovrà lentamente ma inesorabilmente lasciare la sua orbita attorno alla Terra. Circa due ore dopo lo sbarco, il rover, sospeso ai paracadute, dovrebbe scendere sulle pianure erbose apparentemente sconfinate del Kazakistan.

Perdita di refrigerante

La Soyuz è stata lanciata a settembre verso la Stazione Spaziale Internazionale, con a bordo due russi e un americano. A metà dicembre, la capsula ha avuto improvvisamente una perdita di refrigerante dal suo radiatore. All’esame, si è scoperto che c’era una crepa di dimensioni inferiori a un millimetro. La perdita è stata molto probabilmente causata da quelli che vengono chiamati micrometeoriti, piccoli pezzi di detriti spaziali.

Se necessario, la Soyuz danneggiata avrebbe potuto essere utilizzata per riportare le persone sulla Terra. Ma questo sarebbe poi avvenuto in un’atmosfera molto più calda e umida del solito, e quindi particolarmente sgradevole. Non era necessario, poiché esiste un’alternativa. Un altro veicolo spaziale, Soyuz MS-23, ha già attraccato alla Stazione Spaziale Internazionale il mese scorso.

READ  Google chiude il servizio di messaggistica istantanea Hangouts