Maggio 17, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Un raro tipo di buco nero trovato in una galassia vicino a noi

A volte le scoperte più belle si fanno… proprio accanto. Per questa volta, nella galassia di Andromeda, la galassia a spirale più vicina alla nostra galassia. Gli astronomi hanno appena scoperto un buco nero di medie dimensioni lì.

Sarai anche interessato


[EN VIDÉO] La scoperta del buco nero più vicino alla Terra
Osservando un sistema triplo, un team di astronomi ha scoperto per caso la presenza di un piccolo buco nero. Situato a soli 1.000 anni luce dalla Terra, è il buco nero più vicino mai scoperto e non rappresenta un pericolo per la Terra.

Nella famiglia dei buchi neri, ci sono buchi neri supermassicci. Quelli che si trovano in agguato nei cuori delle galassie. veri mostri che Collettivo Potrebbe essere diversi miliardi di volte quello che abbiamo Soleil. C’è anche buchi neri stellari. da chi è natocrollo da una stella. Questo ha una massa di circa dieci masse solari. E più piccoli del primo, ma più grandi del secondo, ci sono buchi neri intermedi giustamente chiamati.

Sebbene la sua massa possa raggiungere diverse migliaia di volte la massa del nostro Sole, è comunque molto difficile trovarla. ma oggi, Ricercatori dell’Università dello Utah (USA) annuncia di averne trovato uno. In una galassia molto vicina alla nostra, Galassia di Andromeda (M31), anch’essa una galassia a spirale, situata a soli 2,55 milioni di anni luce dal nostro pianeta sistema solare. nascosto in cosa Scienziati di astronomia molto tempo fa a massa sferica. Un ammasso stellare chiamato B023-G078.

L’unica volta in cui B023-G078 è stato osservato, i ricercatori sono stati in grado di determinarne la massa totale. Circa 6,2 milioni di masse solari. Niente di anormale. Ma lo rende ancora uno dei più grandi organismi del mondo Galassia di Andromeda. Uno dei motivi per cui alcuni lo considerano il candidato ideale “spogliarello di essenze”. Comprendi che alcuni astronomi hanno visto in B023-G078, non un ammasso globulare, ma il resto di donna della galassia divorato da Andromeda e che nel tempo avrebbe perso le sue stelle oceaniche.

READ  Coronavirus: moins de 230 ricoveri en moyenne par jour, l'épidémie poursuit son recul (infografica)

altri “nuclei nudi” studiare

Sapevamo che in questo tipo di oggetti dovevano esserci buchi neri di media massa. Ma non avevamo prove dirette di ciò.afferma Renuka Pechetti, autrice principale dello studio, in a Dichiarazione dell’Università dello Utah. Oggi, grazie ai dati raccolti dall’Osservatorio Gemini e utilizzando telescopio spaziale Hubble, i ricercatori sono stati in grado, modellando il suo profilo di luce, di calcolare la distribuzione di massa del misterioso oggetto.

Mentre la forma dei profili luminosi degli ammassi sferici è la stessa al centro e sui bordi, la forma di B023-G078 è appiattita all’esterno. Anche la composizione chimica delle stelle cambia. Al centro di B023-G078, gli astronomi hanno trovato stelle più ricche di elementi pesanti. struttura “più complicato” Caratteristica “spogliarello di essenze” Che si compone di diversi episodi.

Che è alla fine cercando di prevedere Velocità Quindi le stelle nell’ex galassia nana di cui gli astronomi hanno confermato l’esistenza dovrebbero muoversi Buco nero mediatore. L’unico modo per abbinare il modello e i dati di monitoraggio. “Le velocità stellari che otteniamo ci danno la prova diretta che c’è una specie di massa oscura al centro di questo oggetto”.Conferma Renuka Pechetti. Un buco nero è necessariamente di massa media, dell’ordine di 100.000 masse solari. Si può trovare anche in altri “nuclei nudi”.

Interessato a quello che hai appena letto?