Dicembre 7, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Medicinali: come l’informatica quantistica rivoluzionerà la ricerca

Quando si parla di informatica quantistica, il grande pubblico spesso vede solo un argomento oscuro. Tuttavia, questa tecnologia, che è ancora in cantiere, potrebbe rivoluzionare la ricerca, in particolare quella sui farmaci. Qubit Pharmaceuticals è già uno dei leader mondiali su questo tema.

Il 21 gennaio 2021, ha annunciato il presidente Emmanuel Macron Un piano di investimenti da 1,8 miliardi di euro Sostenere la ricerca nell’informatica quantistica, con l’obiettivo di mantenere la Francia competitiva in questo campo.

questo è tecnologia Richiedendo ancora diversi anni di ricerca di base prima di raggiungere la maturità, alcune aziende stanno seguendo l’esempio per non perdere l’inizio di questo nuovo promettente treno.

Tra le applicazioni rivoluzionarie che saranno collegate ai computer quantistici in futuro ci sono: Qubet farmaceutici Esplora una di queste prime applicazioni: scoprire le molecole che daranno forma ai farmaci di domani.

Già causato da COVID-19

Questa giovane azienda, che riunisce in particolare i partner delle università franco-americane, ha già applicato la sua esperienza in due classi di molecole che vengono utilizzate nella composizione di terapie per combattere COVID-19. “Abbiamo programmi in corso nelle aree dell’infiammazione e del cancro”, ha detto a CNEWS il dottor Robert Marino, CEO di Qubit Pharmaceuticals.

E per continuare: “Lo scopo della nostra piattaforma è quello di permettere in particolare di ‘saltare’ la parte delle prove nei banchi dei laboratori, grazie alla possibilità di fare tutto al computer. L’idea è di andare più veloci grazie ai calcoli , prima di passare ai test clinici che saranno ancora necessari per verificare la correttezza del trattamento. Devi sapere che oggi per quanto riguarda la farmacologia, siamo ancora nella fase del vecchio lavoro in cui molti articoli vengono preparati con esperimenti classici. “

Informarsi sulle nuove macchine

Soprattutto, Qubit Pharmaceuticals sta contribuendo a gettare le basi per l’informatica quantistica sviluppando il modo per interrogare queste nuove macchine. “Se dobbiamo pensare per analogia nell’informatica quantistica, siamo attualmente in un momento in cui il computer tradizionale è stato realizzato per funzionare con schede perforate, come negli anni ’50 e ’60. Inoltre, ci sono molte aziende che lavorano su questa tecnologia che ciascuna funziona con piattaforme Differenti, quindi ci si deve adattare Stiamo lavorando per dimostrare i cosiddetti ‘vantaggi quantitativi’, ovvero quando questo tipo di macchina si rivelerà più utile del calcolo convenzionale nella risoluzione di determinati problemi, pur consumando meno energia consumando”, riassume il professor Jean-Philippe Piquemal Dal laboratorio di chimica teorica dell’Università della Sorbona.

Per raggiungere questo obiettivo, Qubit Pharmaceuticals sta rivedendo e aggiornando i programmi per computer nati diversi decenni fa, al fine di elaborare nuove equazioni per i supercomputer e alcuni modelli quantistici. Resta poi da creare un programma in grado di tradurre questa equazione nel linguaggio di un computer quantistico, un linguaggio che non è binario. Cosa portano i “chimici quantistici” alla Qubit Pharmaceuticals.

Il professor Jean-Philippe Beckimal afferma: “Utilizzando un computer quantistico, sappiamo che possiamo scommettere enormi guadagni in termini di potenza di calcolo grazie alla sua tecnologia”. Perché in teoria potrebbero essere sufficienti pochi minuti per un computer quantistico per risolvere un’equazione complessa, quando un supercomputer impiegherebbe probabilmente diversi decenni o anche molto più tempo per ottenere lo stesso risultato. Abbastanza per dare una spinta alla ricerca.

Infine, questa azienda sottolinea che anche la risposta fornita da un computer quantistico deve essere tradotta in modo che sia comprensibile agli scienziati e alle persone che lo utilizzano. Il professor Jean-Philippe Beckimal prevede: “Un giorno interrogheremo un computer quantistico allo stesso modo di un computer attuale, l’idea è che il software agisca da interprete”. In definitiva, Qubit Pharmaceuticals potrebbe offrire una piattaforma in grado di supportare i ricercatori, ma anche di possedere un proprio pool di candidati. Medicinali.

Mentre la corsa per questa tecnologia viene ora lanciata a livello globale, la Francia intende usare il suo cervello sulla questione. La Francia non è rimasta indietro nel campo dell’informatica quantistica. Abbiamo anche un ottimo terreno fertile per la ricerca, in particolare con molte persone formate in fisica e chimica. Abbiamo un ruolo reale da svolgere”, conclude il dottor Robert Marino.

READ  Quando gli anziani soffrono in silenzio...