Maggio 16, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Un poliziotto americano è stato accusato di omicidio per aver sparato alla schiena a un ragazzo di 12 anni

L’agente Edsaul Mendoza, 26 anni, licenziato dalle forze di polizia ad aprile, è stato arrestato domenica e detenuto per l’omicidio del dodicenne Thomas Cedrio all’inizio di marzo in un quartiere di Filadelfia, una storica città del nord-est. Gli Stati Uniti tra Washington e New York.

Il procuratore distrettuale di Filadelfia Larry Krasner ha dichiarato in una dichiarazione di essere stato accusato di “omicidio premeditato premeditato”, in una dichiarazione.

Le autorità hanno spiegato i dettagli delle circostanze della morte del bambino durante una conferenza stampa.

L’agente di polizia Mendoza, in borghese, il 1° marzo con altri tre colleghi svolge una missione di sorveglianza nella loro auto anonima parcheggiata nell’area di Philadelphia, una città che, come molte capitali americane, sta vivendo un aumento della criminalità.

Vedendo Thomas Siderio e un altro diciassettenne, la polizia ha deciso di fare il giro dell’edificio. Quando hanno acceso la luce lampeggiante, il dodicenne ha aperto il fuoco sulla loro auto, secondo le autorità.

La polizia ha quindi inseguito a piedi i due bambini, uno dei quali ha sparato un colpo senza mirare, quando il signor Mendoza ha sparato tre volte a Thomas Cedrio che era fuggito.

Ma secondo il pubblico ministero, che ha affermato di avere un video “difficile da guardare”, l’adolescente aveva già deposto la pistola “quando l’agente Mendoza ha sparato il terzo colpo mortale”.

Vicino alla sua vittima, il poliziotto «sa che Thomas Siderio – ha dodici anni, cinque metri di altezza e pesa cinquanta chilogrammi – non porta più la sua arma e non riesce più a fargli del male. Ma gli spara comunque alla schiena e uccide lui”, ha denunciato il signor Krasner.

READ  Mentre sta per essere sepolta, una giovane donna si sveglia nella sua bara!

In una dichiarazione rilasciata dal New York Times, un sindacato di polizia ha espresso la sua “fiducia nel sistema giudiziario per proteggere i diritti costituzionali di questo ufficiale a un processo equo”.