Luglio 20, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Un pezzo già tolto! Questa serie avvincente occupa il primo posto su Netflix – News Séries

Un pezzo già tolto!  Questa serie avvincente occupa il primo posto su Netflix – News Séries

Nuovo successo di Netflix, “Chère petite” è basato sull’omonimo libro best-seller e segue una trama ricca di colpi di scena.

Il 23 agosto 2006 una giovane donna austriaca è stata ritrovata otto anni dopo la sua scomparsa. Per 3.096 giorni, Natasha Kampusch vive intrappolata nel seminterrato del suo rapitore, Wolfgang Priklopil. Due anni dopo, in Austria, un altro caso simile fece notizia. Questa volta Elisabeth Fritzl, 42 anni, rivela di essere stata imprigionata e violentata da suo padre per 24 anni.

Queste storie vili hanno avuto un forte impatto sulla società occidentale, rivelando il lato peggiore delle persone. Successivamente sono stati prodotti numerosi documentari, film e libri ispirati a questi casi. La miniserie Chère, numero uno su Netflix, è perfettamente in linea con questo movimento. Ma prima di essere una serie di fantasia composta da sei episodi, è soprattutto un bestseller della tedesca Romy Hausmann.

Queste storie di solito trovano fine quando le vittime riconquistano la libertà. È l’esatto opposto di Chère petite ed è questo che lo rende così originale. Quando una madre e una figlia fuggono da una baracca sicura e si ritrovano nelle mani della polizia, il caso è appena iniziato.

Dear Little affronta tutti i codici di un thriller poliziesco con un’indagine frenetica e una serie di colpi di scena che mettono in discussione anche il vero ruolo delle vittime. Netflix è sempre stata la piattaforma perfetta per gli appassionati di detective – e ricordiamo ancora l’eccellente romanzo danese “October”. Con Chère petite hanno trovato qualcosa che farà appassionare nuovamente i loro abbonati.

Dear Little One è disponibile su Netflix.

READ  “Ci stiamo adattando alle nuove sfide future”, afferma Bernard Werber